Rapporto Crefis di agosto 2017 della redditività della filiera suinicola italiana, allevatori-macelli-prosciuttifici

Data: 12/08/2017

Nell’ultimo mese il prezzo della coscia fresca pesante per crudo tipico quotata dalla Cun tagli è salito a 5,370 euro/kg (+3,3%), mentre quello della tipologia leggera è stato pari a 5,113 euro/kg (+3,6%).

Il prezzo medio mensile di luglio dei suini da macello di 156-176 kg quotati alla borsa merci di Modena è stato pari a 1,738 euro/kg, in aumento del +6,4% rispetto al mese precedente e del +17,9% rispetto allo scorso anno.
In luglio, grazie soprattutto all’aumento delle quotazioni dei suini da macello, la redditività della fase d’allevamento, in Italia, è in netta ripresa (+6,7%) rispetto al mese precedente. Variazione tendenziale pari al +14,9%.Al miglioramento della redditività dell’allevamento è coinciso un peggioramento della redditività della fase di macellazione, scesa del -1,6% rispetto al mese precedente. L’attuale livello si conferma al di sotto di quello dello scorso anno (-16,2%).
Nell’ultimo mese il prezzo della coscia fresca pesante per crudo tipico quotata dalla Cun tagli è salito a 5,370 euro/kg (+3,3%), mentre quello della tipologia leggera è stato pari a 5,113 euro/kg (+3,6%).
In luglio, la redditività dei prosciutti di Parma DOP è peggiorata: -6,2% per i leggeri e -5,7% per i pesante. Al contrario, la redditività dei prosciutti non tipici è invece aumentata del +2,1% per il prosciutto leggero e del +1,9% per quello più pesante.
Rispetto a luglio 2016, la redditività dei prosciutti di Parma DOP è peggiorata sia nel caso della tipologia leggera (-8,5%), che per quella pesante (-2,5%). La redditività dei prosciutti non tipici è invece aumentata (+0,1%) per il prosciutto leggero mentre è peggiorata (-6,8%) per quello pesante.



(CREFIS . 3tre3.it)

Stampa print