MEAT TECH: la carne di pollo traina il mercato mondiale

Data: 21/12/2016

Secondo l'Agricultural Outlook 2016-2025 - OCSE-FAO, nel 2025 la produzione mondiale di carne è prevista in crescita del 16% rispetto al periodo di riferimento 2013-15 (+20% rispetto alla decade precedente), trainata in particolare dalla domanda di carne di pollame, più economica rispetto alla carne rossa, soprattutto da parte dei Paesi in via di sviluppo.

Il pollame passerà infatti da 115.192 kt rtc nel 2016 a 131.255 nel 2025 e Argentina, Brasile, Messico, Russia, Ucraina e Stati Uniti risulteranno ai vertici della produzione. Nella regione asiatica i leader saranno Cina, India, Indonesia, Iran e Tailandia.

Complessivamente si prevede che la produzione mondiale di carne cresca di circa 48 Mt entro il 2025, quantità su cui i Paesi in via di sviluppo (in primis Argentina, India, Indonesia, Messico, Pakistan e Vietnam) incideranno per il 73%. Brasile e Cina rimangono i produttori dominanti. La produzione di carne bovina, dopo il calo registrato nel 2015, aumenterà dal 2016 per arrivare a +20% nel 2025 (da 69.106 a 77.766 kt cwe ) rispetto al periodo di riferimento (Argentina, Brasile, India e Cina rappresenteranno i 2/3 dell’incremento), così pure la carne di suino che, pur con accelerazioni più contenute, passerà da 118.402 kt cwe nel 2016 a 131.001 nel 2025 e vedrà la sua massima espansione in Cina.

La produzione dovrebbe aumentare anche nel settore delle carni ovine (soprattutto in Cina, Pakistan, Sudan e Australia e Africa Sub Sahariana) con una crescita globale stimata del 2,1% annuo, un tasso superiore a quello degli ultimi dieci anni (da14.473 kt cwe del 2016 a 17.438 nel 2025).


(IPACK-IMA)

Stampa print