Sapori della carne: 5 e 6 novembre 2016

Data: 02/11/2016

Ogni anno i visitatori che affollano la Mostra dei Bovini di
Razza Piemontese ed i buongustai che si recano al padiglione
gastronomico “I SAPORI DELLA CARNE” sono accolti da una
collezione di fotografie un po' particolari che hanno cioè come
soggetto principale i bovini di Razza Piemontese. Si tratta delle foto
partecipanti al concorso “La mia Piemontese” giunto nel 2016 alla
sedicesima edizione.
Possono partecipare fotografi dilettanti e professionisti sia italiani
che stranieri. Due le sezioni: colore e Bianco e nero. Per ogni
sezione sono premiate le prime tre fotografie. I soggetti devono
essere, obbligatoriamente, bovini di Razza Piemontese anche in
singoli particolari morfologici.
A giudicare le fotografie è una giuria composta da professionisti del
settore e da un tecnico di Anaborapi che ha il compito di controllare
che le fotografie inviate abbiamo come soggetto effettivamente
bovini di Razza Piemontese.
La premiazione è prevista domenica alle 12,30. Le opere premiate,
nonché quelle menzionate dalla giuria vengono pubblicate sulla
rivista “Razza Piemontese” e sul sito www.anaborapi.it
Il concorso organizzato da Anaborapi in collaborazione con il Circolo
fotografico Espera di Roccavione e con il sostegno di Coalvi,
Compral e Fotovideorenata di Roccavione ogni anno sempre più
apprezzamento. Oltre 100 le opere giunte agli esaminatori da più di
quaranta fotografi.

Anche quest’anno SAPORI DELLA CARNE sarà una grande festa del gusto, con protagonista la carne di razza piemontese.
I grandi cuochi saranno impegnati per preparazioni capaci di esaltare al massimo la qualità ed il sapore della famosa carne di fassone piemontese con l’utilizzo dei prodotti tipici della zone e nel rispetto delle tradizioni locali.
Non potranno mancare quindi fra gli antipasti la battuta di fassone con fiocchi di sale murray, , il carpaccio di manzo con salsa “Oh Cuntacc!” e la salciccia di Bra. Per completare ed accompagnare saranno proposti anche piatti con le lumache al verde, i peperoni di Cuneo con bagna côuda ed i porri di Cervere.
Ravioli del plin, gnocchi e risotti, nelle diverse declinazioni, saranno l’oggetto della cucina per i primi piatti.
Nei secondi avremo la famosa tagliata presentata su un letto di valeriana e pomodorini, uno spettacolare scamone di vitella piemontese insaporito da una fusione di erbe aromatiche e vini rossi, la trippa con i fagioli di Centallo, il gran bollito alla piemontese con i suoi sette pezzi classici accompagnati dai vari bagnet. A grande richiesta, anche quest’anno i cuochi si prodigheranno nella preparazione del famoso fritto misto alla piemontese coi i ben dodici pezzi voluti dalla tradizione!
Anche i dolci saranno all’insegna della tradizione, dai martin sec al bunet della nonna, alla famosa torta di nocciole con zabaione.
Sarà poi possibile passare dagli stand di degustazione dei formaggi e dei salumi tipici locali, alla “crota” con vini e birre artigianali.


www.anaborapi.it

Stampa print