Salumi italiani Dop e Igp: bene l'affettato e i tranci ma soffrono il banco taglio, Cash & Carry ed exposrt. Si spera ora in una rapida ripresa dell'HORECA

Data: 20/05/2020

ISIT, Istituto Salumi Italiani Tutelati, l’Associazione di riferimento dei Consorzi di Tutela dei salumi DOP e IGP, che associa oggi 16 Consorzi in rappresentanza di 22 prodotti DOP e IGP, fornisce una fotografia del comparto durante la fase di emergenza del Coronavirus: dall’andamento del mercato - penalizzato dalla forte contrazione del banco taglio, dalla chiusura del canale Horeca e dalla sofferenza dell’export - a come è cambiata l’attitudine al consumo e alle possibili strategie per il futuro.
A partire dall’inizio del periodo di emergenza, si è registrata una significativa riduzione delle vendite dei Salumi Tutelati al banco assistito della Distribuzione Moderna, pari al 7% dei volumi rispetto alle stesse settimane del 2019, ovvero di oltre 1,3 milioni di kg di salumi dal valore complessivo di 19 milioni di euro. Il motivo, probabilmente, risiede nel fatto che i consumatori, dopo aver fatto la coda agli ingressi dei supermercati, non volevano fare ulteriori file al banco taglio e, inoltre, volevano evitare il maggior numero di contatti possibili, sia con gli addetti al banco che con altre eventuali persone in coda. A seguito dei provvedimenti governativi, vi è stato, inoltre, un vero e proprio “assalto ai supermercati” da parte dei consumatori, che hanno attuato comportamenti di acquisto evidentemente orientati alla scorta, legati anche a timori di mancanza di prodotto a scaffale nel successivo futuro o addirittura chiusura degli approvvigionamenti. L’effetto scorta ha dirottato le scelte dei consumatori prevalentemente su prodotti a più lunga conservazione, e ciò ha portato all’incremento delle vendite dei salumi affettati in vaschetta, che tuttavia non è stato comunque in grado di compensare il calo del banco taglio.


(ISIT, Istituto Salumi Italiani Tutelati)

Stampa print