Pesca e acquacoltura attività necessarie per il DPCM del 22 marzo 2020

Data: 23/03/2020

Nella tarda serata di sabato 21 marzo, il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte ha anticipato con una diretta Facebook un nuovo provvedimento restrittivo per contenere l'emergenza epidemiologica Covid-19 spiegando la necessità di “chiudere nell’intero territorio nazionale ogni attività produttiva che non sia strettamente necessaria, cruciale, indispensabile, a garantirci beni e servizi essenziali”.

Nel provvedimento è contenuto un lungo elenco di attività che possono continuare ad operare, ordinate secondo la classificazione dei codici Ateco, e tra essere ci sono le attività di Pesca e Acquacoltura identificate con il Codice ATECO 03.

Le misure adottate nel Decreto hanno validità dal 23 marzo e fino al 3 aprile.

(Presidenza del Consiglio dei Ministri)

Stampa print