Zootecnia: le organizzazioni dei produttori e la nuova PAC 2021-27. Convegno a Padova domani 12 aprile con Governo, Regione Veneto e Università di Padova

Data: 11/04/2019

Zootecnia da carne e politica agricola comunitaria dopo il 2020: se ne discute domani a Padova, all’Hotel Crown Plaza al casello di Padova Ovest (ore 10) per iniziativa delle organizzazioni dei produttori del Veneto e delle associazioni di organizzazioni dei produttori, in collaborazione con la Regione Veneto. Le associazioni dei produttori, che rappresentano volumi di produzione per oltre 420 milioni di euro pari a circa il 7 per cento del valore della produzione dell’intero comparto agricolo regionale, chiedono un confronto diretto con il Governo, e in particolare con il Ministero per le politiche agricole, sulle prospettive della futura Pac per maggiori misure di sostegno, sia nazionali sia comunitarie, alla filiera zootecnica e, in particolare, al sistema di produzioni di qualità.

“Il Veneto è la terza regione in Italia per valore della produzione zootecnica – ricorda l’assessore regionale all’agricoltura, che introdurrà i lavori – e chiede da tempo un aggiornamento della politica agricola comunitaria e in particolare delle misure di sostegno alla zootecnìa. Servono interventi di riforma strategici e coraggiosi, per promuovere un settore che sta investendo molto in qualità, benessere animale e sicurezza alimentare. Mi auguro che il confronto avviato tra Regioni e Ministero porti ad aiuti concreti per chi ha investito nell’attività zootecnica e vuole continuare a produrre con alti livelli di sicurezza e qualità”.

A raccogliere le istanze delle associazioni dei produttori veneti sarà il sottosegretario alle politiche agricole Franco Manzato. Le opportunità offerte dalla nuova Pac 2021-2027 e le prospettive di rilancio della zootecnia bovina saranno approfondite da Samuele Trestini, del Dipartimento territorio e sistemi agroforestali dell’Università di Padova (“Le opportunità di una organizzazione comunitaria di mercato per la zootecnia bovina da carne”), da Andrea Comacchio, capodipartimento delle politiche competitive e della qualità agroalimentare del Mipaaft (“Nuovi ruoli delle Op e Aop per rilanciare la zootecnia bovina da carne in Italia, le opportunità dei sistemi di qualità”) e da Giuseppe Blasi, capodipartimento per le politiche europee e internazionali per lo sviluppo rurale del Mipaaft (“La nuova Pac post 2021: prospettive per la zootecnia bovina da carne, quali strumenti per rilanciare il settore?”.



(Regione del Veneto - Giunta Regionale - Agenzia Veneto Notizie)

Stampa print