FAO: aumento dell'Indice dei Prezzi della carne

Data: 15/03/2019

L'indice dei prezzi della carne della FAO si è attestato su una media di 163,6 punti a febbraio, leggermente superiore a gennaio (1,2 punti o 0,7%), sebbene ancora del 4% al di sotto del livello raggiunto nello stesso mese dell'anno scorso.

Nel mese di febbraio i prezzi delle carni bovine e suine, sostenuta da una forte domanda di importazioni accoppiato ad una scarsa disponibilità esportabile di carne bovina, soprattutto in Nuova Zelanda e carne suina nell'Unione europea. Tuttavia, i prezzi delle carni di pollame sono diminuiti principalmente a causa del rallentamento delle vendite all'estero, mentre i prezzi della carne di pecora sono diminuiti a causa dell'abbondante disponibilità di esportazioni in Nuova Zelanda.

L'indice dei prezzi dei cereali della FAO si è attestato in media a quasi 169 punti in febbraio, il che rappresenta un leggero aumento da gennaio e circa 8 punti (4,7%) in più rispetto a febbraio 2018. Tra i principali cereali, i prezzi del mais sono quelli che sono aumentati di più, come risultato dell'aumento delle quotazioni per l'esportazione negli Stati Uniti d'America, principalmente a causa della preoccupazione per i disturbi dei trasporti. Tuttavia, i prezzi del grano, che avevano iniziato il mese in una posizione più solida principalmente a causa delle preoccupazioni sull'offerta, sono diminuiti a causa delle notevoli pressioni al ribasso dovute al rallentamento degli acquisti. L'indice dei prezzi del riso della FAO è rimasto stabile, poiché la bassa domanda ha causato un calo dei prezzi del riso, che ha compensato gli aumenti costanti registrati nel mercato del riso giapponese come conseguenza della riattivazione degli scambi.


(3tre3.it)

Stampa print