Il Pesce nr. 2, 2020

Rubrica: Mercati

(Articolo di pagina 86)

Vola l’export di prodotti ittici norvegesi

«L’industria ittica norvegese è la risposta perfetta alle nuove tendenze di consumo a livello globale. I consumatori di tutto il mondo ricercano, infatti, alimenti sani, sostenibili e gustosi e i nostri prodotti ittici vanno incontro proprio a queste richieste. Sia il settore dell’acquacoltura sia quello della pesca sono stati fondamentali per permetterci di raggiungere un valore record delle esportazioni nel 2019». Sono queste le parole di Renate Larsen, CEO del Norwegian Seafood Council (NSC), nel commentare i dati relativi alla produzione ittica norvegese e all’export.
Il rapporto tra acquacoltura e pesca è cambiato poco rispetto al 2018. L’acquacoltura ha rappresentato il 71% del valore delle esportazioni e il 44,6% del volume delle esportazioni totali di pesce nel 2019.
La Norvegia ha esportato 1,2 milioni di tonnellate di pesce d’acquacoltura per un valore di 76,5 miliardi di NOK (6,885 mld di €) nel 2019. Il volume è aumentato del 7%, mentre il valore delle esportazioni è aumentato di 5,6 miliardi di NOK, pari all’8%, rispetto al 2018.
La pesca rappresenta il 29% in valore e il 55,4% in volume. La Norvegia ha esportato 1,5 milioni di tonnellate di pesce e frutti di mare per un valore totale di 30,8 miliardi di NOK nel 2019. Si tratta di una riduzione del 10% in termini di volume, ma di un aumento di valore del 10%, pari a 2,7 milioni di NOK.
«Il valore delle esportazioni ha subito l’influenza dalla situazione valutaria, data la debolezza della corona norvegese, generando un aumento dei prezzi per le nostre esportazioni di prodotti ittici nei mercati dell’euro e del dollaro» dichiara Tom-Jørgen Gangsø, direttore Market Insight e Market Access del Norwegian Seafood Council. «La somma di questi fattori ha dato origine ad un anno record per le esportazioni norvegesi di pesce».
Il salmone ha la quota maggiore tra tutte le specie in termini sia di volume delle esportazioni sia di valore. La Norvegia ha esportato 1,1 milioni di tonnellate di salmone, per un valore pari a 72,5 miliardi di NOK nel 2019. Si tratta di un aumento del volume del 6% e di un aumento del valore del 7%, rispetto al 2018, pari a 4,8 miliardi di NOK.
Per quanto riguarda il pescato, il merluzzo è la specie più importante in termini di valore. La Norvegia ha esportato nel 2019 181.000 tonnellate di merluzzo bianco per un valore di 10,1 miliardi di NOK. Si tratta di un calo dell’8% rispetto alle cifre del 2018, ma di un aumento di valore di 660 milioni di NOK, pari al +7% rispetto all’anno scorso.
Il calo dei volumi delle esportazioni di merluzzo è dovuto alla riduzione delle quote rispetto all’anno di punta per il merluzzo che è stato il 2013. Un aumento significativo dei prezzi per tutti i principali prodotti derivanti dal merluzzo è il fattore che ha determinato la crescita del valore.
La diminuzione di volume, aiutata da una corona norvegese debole, unita alla crescita della domanda, spiega l’aumento dei prezzi.
Per quanto riguarda i prodotti lavorati:

La Norvegia ha esportato 1,6 milioni di tonnellate di prodotti ittici nell’UE, per un valore di 68 miliardi di NOK. Questo rappresenta un aumento del 7% in termini di volume e un aumento del valore delle esportazioni di 2,4 miliardi di NOK rispetto al 2018, pari ad un +4%.
Nel 2019 sono state esportate in Asia 506.000 tonnellate di prodotti ittici, per un valore di 21,4 miliardi di NOK. Si tratta di una crescita del 6% in volume e di 3,7 miliardi di NOK, pari al +21% in termini di valore rispetto al 2018.
In Europa orientale, invece, il volume delle esportazioni è stato di 168.000 tonnellate con un valore delle esportazioni che si attesta sui 4,3 miliardi di NOK. Ciò rappresenta una diminuzione del 2%, ma un aumento del valore di 676 milioni di NOK, pari al 19% su base annua.
Il valore delle esportazioni potrebbe potenzialmente raddoppiare entro il 2030. Nell’acquisto dei prodotti alimentari, il consumatore oggi è sempre più informato e consapevole, in particolare presta grande attenzione agli aspetti qualitativi, alla provenienza e alle certificazioni. Di conseguenza, i consumatori sono più propensi ad acquistare prodotti anche a prezzo maggiorato se considerati sani, sicuri ed ecosostenibili. «I nostri studi mostrano che i consumatori di tutto il mondo percepiscono già i prodotti ittici norvegesi come sicuri, sostenibili e di alta qualità. Se saremo in grado di posizionare il pesce norvegese come l’opzione più sostenibile sul mercato, possiamo prevedere che il valore delle esportazioni potrebbe potenzialmente raddoppiare nel prossimo decennio, raggiungendo i 200 miliardi di NOK», conclude Larsen.
Fonte: Norwegian Seafood Council

 

Altre notizie

Nieddittas ottiene la certificazione IFS: la cooperativa gestisce l’intera filiera della mitilicoltura nel Golfo di Oristano

Nieddittas, il brand che gestisce l’intera filiera della mitilicoltura nel Golfo di Oristano, ha conseguito la certificazione IFS (International Food Standard). Una certificazione rigorosa che, oltre a integrare le certificazioni esistenti, permette all’azienda un accreditamento a livello nazionale e internazionale come partner certificato per la fornitura di prodotti nella GDO. Lo standard della certificazione IFS ha l’obiettivo di garantire la qualità dei sistemi di produzione di Nieddittas per la GDO, assicurando che i prodotti offerti siano sicuri e conformi ai requisiti di qualità e di legge secondo un unico sistema di valutazione. Il metodo di produzione di Nieddittas ha superato gli oltre 250 requisiti qualitativi richiesti dal consorzio di controllo dell’IFS. La certificazione garantisce inoltre il rispetto degli standard legislativi che riguardano gli ambienti lavorativi e il rispetto per il personale dipendente. «Abbiamo raggiunto un nuovo traguardo che conferma il nostro continuo impegno per garantire i più elevati standard qualitativi» afferma Caterina Murgia, AD di Nieddittas. «La certificazione IFS è un investimento a medio-lungo termine e per noi è un importante risultato. Siamo certi che apporterà molti benefici a livello di immagine e costituirà un valore aggiunto da affiancare agli altri nostri punti di forza: la qualità del prodotto, la capacità di innovazione, la formazione continua e la passione che mettiamo in ogni fase del nostro lavoro per crescere sempre, controllando e sviluppando al meglio tutta la filiera». La storia di Nieddittas inizia nel 1967, quando nove pescatori si riunirono per dare vita alla CPA Cooperativa Pescatori Arborea, valorizzare le cozze e il pescato offerti dal mare e creare tante opportunità per i collaboratori che, nel tempo, hanno affiancato i soci fondatori. In oltre 50 anni di vita la piccola cooperativa è diventata una delle aziende più importanti d’Italia nel proprio settore, capace di proporre al mercato un prodotto di alta qualità, certificato per tutta la filiera e distribuito in tutta Italia (fonte: © EFA News – European Food Agency Srl).

>> Link: www.nieddittas.it

 

Didascalia: il salmone norvegese ha la quota maggiore tra tutte le specie sia in termini di volume sia in termini di valore delle esportazioni. In Italia l’export diretto di salmone norvegese è pari a 61.568 t, per un valore di 388 milioni di euro.

Stampa print