Il Pesce nr. 1, 2020

Rubrica: Sapori dal mondo

(Articolo di pagina 84)

Le ostriche, prelibatezze irlandesi tra le piĆ¹ amate: parola di Bord Bia

Con un sapore ricco e vario e una dolcezza e persistenza uniche, regalano una straordinaria esperienza sensoriale al palato

In Irlanda, l’allevamento delle ostriche risale al XIII secolo, ma il loro consumo rappresenta una tradizione che si protrae da oltre 4.000 anni. Ancora oggi gli allevatori irlandesi ricorrono a metodi di allevamento tradizionali per garantire le condizioni ideali per la crescita delle ostriche concave (Crassostrea gigas) e di quelle piatte (Ostrea edulis).
Coi suoi 7.500 km di costa nel mezzo dell’Oceano Atlantico e i 12.000 km² di terreni che filtrano le piogge, l’Isola di Smeraldo è uno dei luoghi ideali per l’allevamento di questi pregiati molluschi. I­noltre, la corrente costante dell’Atlantico che circonda l’isola con­tribuisce a conferire loro una perfetta forma allungata e una conchiglia molto resistente, con uno smalto liscio dal colore bianco perlato. Non tutti sanno che il contenuto di carne all’interno di un’ostrica è influenzato dalla sua forma. Più profondo è il guscio, più spazio c’è per consentire lo sviluppo del mollusco.
Ad ogni marea primaverile, ogni produttore posiziona le o­striche all’interno di sacchi, che vengono trattati manualmente allo scopo di favorire lo sviluppo delle ostriche. Il loro ciclo di vita è di circa tre anni. Un mercato, quello ittico, molto importante per il paese, basti pensare che il valore di mercato di questa produzione è di oltre 1 miliardo di euro; di questi, circa 580 milioni di euro provengono dalle esportazioni. I principali importatori sono Francia (25%), Italia (10%), Cina (8%) e Gran Bretagna (7%). Per quanto riguarda il comparto delle ostriche, invece, le esportazioni sono cresciute da 26 milioni di euro nel 2014 a 41,6 milioni di euro nel 2018; un incremento molto significativo se si considera un periodo di tempo abbastanza breve.
Le ostriche provenienti dall’Irlanda sono immediatamente riconoscibili al palato grazie al loro sapore ricco che nasce dalla dolcezza e persistenza dello iodio, che si combinano ad un leggero tocco di note agrumate. Inoltre, l’incrocio davvero unico delle acque dell’Atlantico, dei pulitissimi corsi d’acqua dolce e dei minerali di un paesaggio incontaminato, fa di ogni ostrica un’esperienza sensoriale unica al palato. In Irlanda le ostriche trovano il loro perfetto abbinamento con la birra, in particolare quella stout: infatti l’acidità e l’amaro presenti nelle note tostate di questa scura ad alta fermentazione non sovrastano i sapori del mare, anzi, li esaltano e si legano bene con la salinità e la carnosità dei molluschi. Le ostriche irlandesi hanno elevate qualità nutritive: sono ricche di proteine e povere di grassi, con livelli straordinariamente elevati di elementi quali iodio, ferro, rame, selenio e zinco.
A ciò si aggiungono le condizioni incontaminate di allevamento che offre l’Irlanda, rendendo le ostriche irlandesi uno degli alimenti più naturali e puri che esistano. Queste straordinarie qualità sono  riconosciute a livello universale, unitamente alla qualità della performance ambientale fondata sui principi di acquacoltura sostenibile. Infatti, quasi tutti i produt­tori di ostriche  in Irlanda sono membri verificati di Origin Green (www.origingreen.ie), l’unico programma di sostenibilità al mondo che opera su scala nazionale. Grazie a verifiche indipendenti periodiche, Origin Green consente ai produttori irlandesi di stabilire e raggiungere obiettivi misurabili di sostenibilità, riducendo l’impatto ambientale, fornendo un servizio più efficace alle comunità locali e tutelando la straordinaria ricchezza delle risorse naturali che il nostro paese può vantare.
«Noi di Bord Bia abbiamo il compito fondamentale di stimolare e sostenere il comparto ittico irlandese, al fine di incrementare le vendite nei numerosi mercati emergenti» ha commentato Francesca Perfetto, Market Specialist di Bord Bia in Italia. «Grazie alla nostra profonda conoscenza del mercato e alla forte collaborazione con gli operatori del settore, ci stiamo adoperando per far sì che le ostriche, una delle prelibatezze d’Irlanda, siano sempre più conosciute e apprezzate nel mondo per la loro altissima qualità».

 

Bord Bia – Irish Food Board

Bord Bia – Irish Food Board è un ente governativo dedicato allo sviluppo dei mercati di esportazione dei prodotti alimentari, bevande e prodotti ortofrutticoli irlandesi. Lo scopo di Bord Bia è quello di promuovere il successo dell’industria food & beverage e dell’orticoltura irlandese attraverso servizi di informazione mirati, la promozione e lo sviluppo dei mercati. Nel 2018 le esportazioni dell’industria food & beverage irlandese sono arrivati a quota 12,1 miliardi di euro, con una crescita di quasi il 64% dal 2010. L’Italia è un mercato importante, con esportazioni del valore di 328 milioni di euro nel 2018.

>> Link: www.bordbia.ie

 

Didascalia: l’Irlanda adora le sue deliziose ostriche e le celebra con festival a loro dedicati nelle fattorie, nei ristoranti e nei pub dell’isola.

Stampa print