Premiata Salumeria Italiana nr. 6, 2019

Rubrica: Formaggio

(Articolo di pagina 106)

Il futuro luminoso dei rivenditori di formaggio

L’inchiesta è stata condotta dal Salon du Fromage et des Produits Laitiers, che si svolgerà a Parigi dal 23 al 26 febbraio 2020. Convivialità, diversità e modernità presenti per soddisfare i consumatori

Il Salon du Fromage et des Produits Laitiers svela i risultati di un’indagine barometrica condotta nel giugno scorso tra numerosi rivenditori francesi di formaggi (207) e i visitatori della fiera, in programma a Parigi dal 23 al 26 febbraio 2020. Situazione del mercato, consumo da parte dei Francesi, offerta in negozio… Di seguito vi riportiamo i risultati dell’indagine.

Una professione che in Francia viaggia col vento in poppa!
Lo studio svela un futuro promettente per i rivenditori di formaggi. Il 69% degli intervistati ha infatti dichiarato un fatturato in crescita nel 2018 e il 77% ritiene che aumenterà ancora nei prossimi due anni. Prospettive molto soddisfacenti, dunque, che incoraggiano gli operatori a diversificarsi e a proporre spesso delle novità, conservando comunque il lato umano insito nella professione. Risulta infatti che il 60% dei rivenditori di formaggi rinnova frequentemente la propria offerta, il 58% organizza degli eventi nei propri punti vendita (vs 48% nel 2015), il 47% propone delle creazioni originali e il 24% propone un’offerta non alimentare. «I risultati di questo studio esclusivo rafforzano l’idea che la nostra professione abbia un futuro luminoso davanti a sé» ha commentato Claude Maret, presidente della Federazione dei Rivenditori di formaggi di Francia. «In effetti, grazie alla nostra esperienza e alla nostra profonda conoscenza dei prodotti, rispondiamo alle attese dei nostri clienti sempre più attenti alla qualità e alle tecniche di produzione. I rivenditori di formaggi sono aperti a nuovi usi e tendenze di consumo. L’interesse per i formaggi internazionali e l’adattamento della nostra offerta sono lì a testimoniarlo».

Sono sempre più connessi!
Facebook e Instagram sono i due social network prescelti dalla professione. In effetti, il 70% dei rivenditori è attivo su Facebook e il 40% su Instagram, considerati strumenti di comunicazione che permettono di restare connessi coi clienti, fidelizzarli e far loro desiderare di varcare la soglia del negozio… il più spesso possibile!

Quali sono le tendenze di consumo?
I Francesi e il formaggio, una grande storia d’amore quotidiana! Se il formaggio si degusta principalmente scegliendolo da un vassoio, il 78% dei rivenditori di formaggi intervistati constata un aumento del consumo in occasione del momento conviviale dell’aperitivo ma anche di pasti interamente a base di formaggio che hanno lo scopo di sorprendere gli invitati (68%). D’altronde, quando sono invitati ad un pranzo o ad una cena, i Francesi si presentano a casa del proprio ospite sempre più spesso non più con un bouquet di fiori o con una bottiglia di vino bensì con un vassoio di formaggi (il 68% dei rivenditori ha osservato un aumento del formaggio scelto come regalo).

Francesi sempre più esigenti e informati
Dai risultati dell’indagine del salone, i consumatori francesi ricercano innanzitutto dei prodotti di qualità, gustosi e che rispondano a criteri precisi: l’81% sceglie i prodotti in base alla produzione (latte crudo o pastorizzato), in aumento dell’8% rispetto al 2015; il 78% in funzione del tipo di latte (vacca, pecora, capra), rispetto a meno di 7 su 10 nel 2015. I clienti accrescono le loro conoscenze: al di là delle domande classiche sulla produzione o il tipo di latte, l’80% dei consumatori pone infatti domande sugli abbinamenti col vino, il 76% sulla perfetta preparazione di un vassoio di formaggi, il 72% sulla stagionalità o, ancora, il 52% sul produttore.

 

I box

 

Comexposium

Il Gruppo Comexposium è uno dei leader mondiale nell’organizzazione di eventi professionali e per il pubblico. Il Gruppo organizza 135 eventi B2B e B2B2C in tutto il mondo, coprendo numerosi settori d’attività come l¢agricoltura, la costruzione, la moda, il retail, la salute, il tempo libero, l’immobiliare, la distribuzione, la sicurezza, l’educazione, il turismo e i comitati d’impresa. Presente in oltre 30 paesi, Comexposium accoglie ogni anno oltre 3,5 milioni di visitatori e 48.000 espositori. Con una sede in Francia, Comexposium dispone di una rete commerciale e di collaboratori presenti in 22 paesi. Comexposium si posiziona come un creatore di scambi e d’incontri tra le persone e il business.

>> Link: www.comexposium.fr

 

A proposito del Salon du Fromage et des Produits Laitiers

La 16ª edizione del Salon du Fromage et des Produits Laitiers si svolgerà da domenica 23 a mercoledì 26 febbraio 2020 a Paris Expo Porte de Versailles (Francia). Esclusivamente riservato agli operatori, questo appuntamento internazionale dei formaggi e dei prodotti lattiero caseari di qualità riunirà circa 280 espositori (produttori, fabbricanti di attrezzature per il commercio, servizi…) e 8.000 compratori provenienti da tutto il mondo. Ad oggi il 77% della superficie è già prenotata. Seguite tutte le news sul sito del salone.

>> Link: www.salon-fromage.com

 

World Cheese Awards: è il Parmigiano Reggiano il formaggio più premiato al mondo

La Nazionale del Parmigiano Reggiano vince 110 medaglie e centra un risultato mai raggiunto al World Cheese Awards, svoltosi quest’anno a Bergamo, in occasione di Forme, manifestazione dedicata all’arte casearia italiana d’eccellenza: la giuria internazionale ha infatti premiato quasi il 60% dei caseifici in gara. Il Parmigiano Reggiano è l’unico formaggio italiano tra i primi 16 finalisti tra i 3.804 iscritti. La vittoria assoluta è sfumata dopo il testa a testa tra il Parmigiano Reggiano 25 mesi della Latteria Santo Stefano di Parma e il Blue Cheese Rogue River Blue di giovani agricoltori dell’Oregon. Entrambi hanno ottenuto il massimo dei voti dalla giuria nella finalissima (100 punti), ma il pari merito ha richiesto l’intervento del presidente — il conduttore della BBC Nigel Barden — che, dopo il secondo assaggio, ha premiato il formaggio artigianale americano. La Nazionale del Parmigiano Reggiano — composta da 86 caseifici provenienti da tutte le province del comprensorio — è arrivata ad essere la più grande missione collettiva mai intrapresa da un formaggio italiano all’estero. Uno sforzo di gruppo che ha fruttato quattro medaglie Super Gold (miglior formaggio del tavolo), 29 medaglie d’oro, 37 d’argento, 40 di bronzo. Le Super Gold sono state vinte dal Caseificio Dismano di Modena, dalla Latteria Sociale Garfagnolo e dalla Latteria Centro Rubbianino, entrambe di Reggio Emilia, e dalla Latteria Santo Stefano di Parma, vincitore del secondo posto assoluto. «La Nazionale del Parmigiano Reggiano — ha commentato da Bergamo Gabriele Arlotti, ideatore della Nazionale — per la prima volta ha presentato anche il Parmigiano Reggiano di oltre 40 mesi che ha riscosso numerosi premi: è una novità assoluta. In più, siamo la Dop più premiata al mondo. Il grazie a tutti i caseifici che hanno creduto a questo progetto che, ora, consentirà di spuntare maggior valore. È stato davvero incredibile, dopo 31 anni, poter gareggiare davanti al pubblico italiano».

>> Link: www.parmigiano-reggiano.it

 

Pioggia di medaglie per i formaggi maremmani de Il Fiorino

Il Fiorino di Roccalbegna (GR) torna dal World Cheese Awards 2019 con “un bottino” di tutto rispetto. La Grotta del Fiorini e il Fior di ricotta di pura pecora hanno infatti conquistato la medaglia d’oro; poker di medaglie d’argento col Pecorino al tartufo stagionato, il Pecorino stagionato biologico, la Riserva del Fondatore e il Cacio di Caterina. Il Fior di natura semistagionato biologico con caglio vegetale, il Pecorino al tartufo e il Pecorino Toscano Dop hanno infine conquistato il terzo gradino del podio. Il caseificio guidato da Angela Fiorini e Simone Sargentoni (in foto) è tra i protagonisti della scena casearia internazionale. Prima dei successi del WCA 2019 erano arrivati infatti tanti altri riconoscimenti: nel 2015 a Londra, secondo posto assoluto con la Riserva del Fondatore; nel 2016 a San Sebastián, due Super Gold, due medaglie d’oro, una d’argento e una di bronzo. A Londra 2017 erano state due le medaglie d’oro, due quelle d’argento e due di bronzo. Nel 2018 a Bergen, Norvegia, Il Fiorino era stato premiato come miglior azienda italiana, classificandosi quinto assoluto con la Riserva del Fondatore e conquistando due Super Gold per la Riserva del Fondatore e la Grotta del Fiorini, la medaglia d’oro per il Fior di Natura semi stagionato biologico con caglio vegetale, l’argento per il Pecorino Toscano Dop stagionato e il bronzo per il Pecorino di Bartarello a latte crudo, il Pecorino Toscano Dop fresco e il Pecorino al pesto genovese.

>> Link: www.caseificioilfiorino.it

 

Il Sommelier dei formaggi? In Alto Adige c’è!

In Alto Adige lavorano oltre 5.000 contadini di montagna, numerose cooperative di trasformazione del latte e caseifici di malga. Per questo l’Hotel Tratterhof di Maranza (BZ) ha pensato di inserire nel suo staff un esperto in materia: il Sommelier dei formaggi. A ricoprire questo ruolo è Sascha Russotti (in foto), degustatore certificato, che si occupa di controllare regolarmente l’assortimento disponibile sul mercato, di visitare i produttori e di individuare, tramite l’assaggio, i formaggi più “promettenti”. Ogni giovedì sera Sascha presenta agli ospiti dell’albergo i suoi prodotti preferiti in una degustazione gratuita, come i formaggi a pasta molle del Maso Eggemoa, nella Valle Aurina, avvicinando i fortunati partecipanti al mondo caseario altoatesino e di altre regioni vicine.

 

Il Piave Dop presenta Fake Hunters

Nell’ambito della campagna Nice to Eat-EU co-finanziata dell’Unione Europea (www.nicetoeat.eu), il Consorzio per la Tutela Formaggio Piave Dop presenta Fake Hunters, un simpatico videogioco che ha come obiettivo quello di insegnare ai più piccoli a riconoscere i marchi di qualità europei sul piano della sicurezza degli alimenti, della tracciabilità, dell’autenticità e degli aspetti nutrizionali e sanitari. Il videogioco, disponibile in italiano e in tedesco, è legato alle avventure di Captain Piave, supereroe protagonista di un’animazione Full 3D CG (Marulli Studio Srl) che difende il Piave Dop dal perfido Dr Fake, scienziato che tenta senza sosta di riprodurre squallide copie del formaggio, tenendo in ostaggio la povera Mucca Bruna. I bambini dovranno via via eliminare nuvole di smog, a spezzare le sbarre delle gabbie che impediscono alle vacche di nutrirsi nei verdi pascoli d’altura e i sacchi di mangimi artificiali o ancora le forme di formaggio fake, stando attenti a salvaguardare l’aria pura di montagna, i fiori di campo e le forme originali del pregiato Piave Dop. I giocatori arriveranno pian piano a scoprire questo formaggio unico e inimitabile, risultato di un insieme di fattori non riproducibili al di fuori dell’area delle Dolomiti bellunesi. Fake Hunters è disponibile gratuitamente per pc, tablet e smartphone su entrambe le piattaforme iOS e Android accedendo e registrandosi al sito fakehunters.nicetoeat.eu

Stampa print