Eurocarni nr. 12, 2019

Rubrica: La carne nel mondo

(Articolo di pagina 12)

Olanda – Italia

Olanda
L’Olanda ha proposto di porre fine al taglio routinario delle code dei suinetti nel 2030. Questa azione è stata concordata nell’ambito del Piano d’azione per rivitalizzare il settore suinicola, inviato alla Camera dei rappresentanti il 4 di settembre. A partire da quest’autunno, viene effettuata una valutazione del rischio obbligatoria per tutti i produttori di suini. Secondo il ministro dell’Agricoltura olandese Carola Schouten, i produttori di suini dovrebbero iniziare ad acquisire esperienza in quest’ambito, in modo da aumentare gradualmente il numero di suini con le code intatte. Il programma include anche la riduzione della PRRS, il calo dell’uso di antibiotici, l’aumento della vitalità dei suinetti e la riduzione della Salmonella (fonti: vitalevarkenshouderij.nl, 3tre3.it).

 

Italia
“Le preoccupazioni per il clima e per la sofferenza degli animali stanno accelerando l’arrivo della carne artificiale. E le multinazionali dell’alimentazione sono pronte ad approfittarne”. Così Internazionale, settimanale d’informazione fondato nel 1993 che propone articoli tratti dalle principali testate straniere e tradotti in lingua italiana, dedica la copertina del numero 1331 (1-7 novembre 2019) all’articolo “Tutta un’altra carne” di Heike Buchter, Nina Pauer e Marcus Rohwetter, giornalisti del tedesco Die Zeit, riportato integralmente, tradotto in lingua italiana, nello stesso settimanale alle pagine 46-52. Per riflettere e discutere sul futuro della produzione di carne a livello mondiale (fonte: www.internazionale.it).

Stampa print