Eurocarni nr. 12, 2019

Rubrica: La carne in rete

Articolo di Benedetti E.

(Articolo di pagina 36)

Social meat

1. Giro del mondo con il Motomacellaio 2. Feather and Bone Providore 3. Juliano Lourenço e il wagyu 4. Gnam Box, il cibo è cool


1. Giro del mondo con il Motomacellaio

Lui è Riccardo Ricci dell’Antica Macelleria Cecchini di Panzano in Chianti (FI). Due sono le sue grandi passioni: la carne e le moto. Da qui il suo profilo Instagram, www.instagram.com/motomacellaio, attraverso il quale possiamo accompagnare Riccardo nelle sue trasferte carnivore in giro per il mondo. Bellissimo (ph. Alessandro Moggi – photo © instagram.com/motomacellaio).


2. Feather and Bone Providore

Anche se Marrickville, Sydney, in Australia, non è proprio dietro l’angolo, col web Feather and Bone Providore è vicina e, sicuramente, fonte di idee per chi vuole comunicare a 360° con la propria clientela. Questi Aussie butchers sono bravissimi, tra shop on-line, blog, social e condivisione della loro idea di carne e di filiere (featherandbone.com.au). Anche le cosce di agnello ricoperte di pancetta e lardo sono una bella idea per un arrosto natalizio.


3. Juliano Lourenço e il Wagyu

Conta quasi 370.000 followers il profilo di Juliano Lourenço www.instagram.com/wagyu_beef. Marezzature, cotture e tagli sono al centro del suo feed su Instagram. Da seguire e condividere.


4. Gnam Box, il cibo è cool

Come si fanno i mini Cheese burger di Matteo Maresi, editor della rivista Rolling Stones Italia? Facile da scoprire. Se seguirete gnambox.com, il blog di Riccardo Casiraghi e Stefano Paleari, ci troverete tantissime idee per piatti e ricette, veicolati con uno stile moderno e di tendenza. Bravissimi tutti.

Stampa print