Eurocarni nr. 11, 2019

Rubrica: Macellerie d'Italia

Articolo di Benedetti E.

(Articolo di pagina 114)

Marco e Roberta Papalotti, attenti a quei due!

Siamo nella Capitale e più precisamente a due passi da San Giovanni, in piazza Epiro. Qui c’è il Mercato Latino, uno dei mercati rionali storici di Roma. La sua costruzione risale ai primi del Novecento e da allora ha subito numerose trasformazioni. Il fascino però è rimasto immutato, con botteghe artigianali, piccoli esercizi e quella quotidianità del quartiere nel quale tutti si conoscono. Si narra che tra i frequentatori ci fossero anche Alberto Sordi e un giovanissimo Francesco Totti, originario di Porta Metronia, che si allenava in un campetto poco distante.
Tra i banchi di frutta, verdura, fiori e formaggi trovo ad aspettarmi Marco e Roberta Papalotti, rispettivamente 36 e 30 anni, figli d’arte del padre Emilio e dello zio Mario, che intrapresero l’attività di macelleria dentro al Mercato Latino 60 anni fa. Marco si è infilato il camice a 16 anni e da allora si muove veloce dietro al banco mentre la sorella lo affianca da 8 anni. «Siamo cresciuti praticamente qua, ci conosciamo tutti tra clientela e colleghi degli altri banchi» mi racconta Marco. «Abbiamo tanto rispetto per questo mestiere e i nostri punti di forza sono la qualità delle carni selezionate, il servizio e le materie prime, che poi alla fin fine è sempre quello che chiede la clientela».
Tra un cliente e l’altro scatto qualche foto e cerco di non disturbare troppo il lavoro.
La Bottega delle Carni dei fratelli Papalotti punta tutto sulle carni, naturalmente, dalla Fassona piemontese del Coalvi, alla galiziana Rubia, dalle carni bio avicole di San Bartolomeo e Pulicaro al suino dei fratelli Roccia, quelli di Pork ‘n’ Roll.
Non manca qualche preparato, curato da Roberta e spesso realizzato al momento in base alle necessità e al gusto della clientela. Qui si respira davvero un’aria confidenziale, tutti si conoscono e le faccende personali si intrecciano con gli ordini della spesa. L’atmosfera è intima, famigliare, dettata dalla quotidianità del passaggio, per l’acquisto delle salsicce di Cinta senese, degli arrosticini, delle bistecche tagliate giuste proprio come piacciono alla cliente, all’arrosto preparato al volo.
«Noi macellai dobbiamo essere consapevoli del prodotto che offriamo e vendiamo ogni giorno e per questo — precisa Marco — la carne va spiegata, dalla scelta del taglio ai consigli sulla cottura, attraverso un racconto di quello che è un rapporto di fiducia e che sta alla base di tutto».
«Il nostro lavoro non si esaurisce con la vendita della carne» aggiunge Roberta. «Dedichiamo parecchio tempo alla selezione delle aziende con cui lavoriamo, con la scelta delle razze, dalla Piemontese alla Cinta al biologico».
Elena Benedetti

La Bottega delle Carni
dei F.lli Papalotti

c/o Mercato Latino – Piazza Epiro
00183 Roma — Telefono: 333 718 3015

Web: facebook.com/labottegadellecarniroma

 

Altre notizie

#PolloArrostoDay: un giorno per celebrare il secondo più amato in Italia

Il 2 ottobre è #PolloArrostoDay: nel giorno della festa dei nonni sul web è stato celebrato anche il secondo più amato dagli Italiani, protagonista dei pranzi della domenica ma anche di versioni gourmet: Andrea Berton, ad esempio, ha recentemente dedicato un intero menù al pollo. Il pollo in effetti si presta a mille declinazioni ed è proprio la sua versatilità a renderlo la carne più consumata: nelle case italiane infatti rappresenta il 35% degli acquisti di carni fresche (Ismea su dati Nielsen). Un trend che si conferma anche fuori casa, considerando che nel 2018 è cresciuta la spesa extradomestica (83 mld secondo il Rapporto Coop 2019). Così, la più grande community italiana di amanti del pollo, W Il Pollo, è andata alla ricerca dei migliori polli arrosto d’Italia. Leggendario il pollo con patate del chiosco storico “Giannasi dal 1967” di Piazza Buozzi a Milano, considerato lo spiedo perfetto della città. All’ombra del Colosseo, un’altra istituzione nel quartiere Prati: il pollo arrosto morbido e speziato di “Franchi”, a Roma dal 1920. Scendendo più a Sud, non si può non assaggiare il pollo cotto a legna de “La Capannina Rossa” a Napoli, una delle rosticcerie take away più amate dai partenopei (fonte: EFA News – European Food Agency Srl).

 

 

Didascalia: i fratelli Roberta e Marco Papalotti nella loro bella bottega all’interno del Mercato Latino.

Stampa print