Eurocarni nr. 1, 2010

Rubrica: Tecnologie

(Articolo di pagina 138)

Anno nuovo, programmi nuovi, nuovi traguardi

Terminato il lavoro per le festività, che a tutti auguriamo sia andato a gonfie vele, ecco il momento di pensare al domani che già bussa alla porta. Scorrendo i dati di vendita notiamo che, a fronte di un andamento stabile o in lieve calo, i prodotti a crescita continua sono la mortadella Igp e più ancora la pancetta a cubetti. Secondo noi le maggiori possibilità di fare volumi e margini nel prossimo futuro risiedono primariamente nella pancetta a cubetti e in seconda battuta nel coraggio di fare del nuovo. Ci spieghiamo: se un cliente ci dicesse di voler mettere in piedi una linea per würstel noi lo sconsiglieremmo. Gli attuali produttori, infatti, sono già tanti: da Medolago a Trieste, Verona, Cesena, Nusco e Taurisano, attrezzatissimi, specializzati nonché battaglieri. La stessa cosa vale per la mortadella: vogliamo metterci a competere con Zola Predosa, Pomezia, Busseto, Correggio, Melzo o Casatenovo?

Battaglie perse, entrambe, mentre la stessa cosa non accade per la pancetta a cubetti: anche qui vi sono già grandi produttori, ma il cospicuo incremento crea lo spazio per nuove presenze, che forse rimanderebbero pure a casa qualche francese insieme a qualche belga e danese. L’investimento non è proibitivo e, soprattutto, si può avere la linea completa da un unico fornitore con trent’anni di esperienza: nella fattispecie, i LAZZARI, i quali hanno già affrontato e risolto tutte le problematiche inerenti e non per nulla sono “market leader” del settore. Partendo da zero, la linea è composta da: sistema di “curing” Schroeder, asciugamento Vemag, cubettatrice Holac, bilancia multiteste Multiweigh, termoformatrice Sealpac, o, a chi volesse distinguersi dalla massa con una confezione diversa e molto più moderna, verrà messo in opera un veloce Traysealer, sempre di Sealpac. Un’interessante prerogativa di questa linea è la sua estrema versatilità, che permette di produrre e confezionare, oltre a cubetti delle più svariate qualità, tutta una gamma di snack e semilavorati, quali würstel e salamini per pizze a fettine, francobolli di cotto, bastoncini di crudo e persino formaggi in una miriade di formati, come anche, naturalmente, di iniettare e cuocere altre specialità. Fare del nuovo: quanti hanno pensato ad altri canali di vendita al di fuori della GDO? Per esempio l’horeca, proponendo arrosti, roast beef, galantine o polpettoni, magari anche già porzionati?

E chi ha pensato agli extracomunitari dell’Est, abituati a mangiare salami giovani di 15-20 giorni, piccanti e affumicati ed a spalmabili tipo “Leberwurst”? Oppure agli islamici, con prodotti senza suino, halal ed anch’essi piccanti? O vogliamo lasciare questa golosissima opportunità ai produttori stranieri che già iniziano ad invaderci con prodotti similari? Ecco perché raccomandiamo sempre di dedicarsi alla ricerca di nuove idee all’esterno dei nostri confini, visitando supermercati e fiere estere: credeteci, è assai utile e rende sempre! Diamoci dunque una mossa verso il successo! Come si vede esistono spazi e buone possibilità di sviluppo, sia che si voglia rimanere nel classico con i cubetti di pancetta, come pure avendo il coraggio di uscire dagli schemi facendo del nuovo che a breve raggiungerà grossi volumi e diventerà routine. Le aziende Lazzari, che per ogni applicazione rappresentano in esclusiva le migliori Case del mondo, sono a disposizione per illustrare le nuove tendenze, progettare linee produttive complete e stilare preventivi su misura, forti delle competenze e conoscenze internazionali che le distinguono nettamente dai venditori di inefficienti trappole, di sconti e di parole.

Lazzari Equipment e Packaging
Via Ca’ di Cozzi 41 – 37124 Verona - Tel.: +390458350877 - Fax: +390458350872
E-mail:info@lazzariequipment.comWeb: www.lazzariequipment.com
E-mail:info@lazzaripackaging.comWeb: www.lazzaripackaging.com

Stampa print