Edizioni Pubblicità Italia

Premiata Salumeria Italiana nr. 1, 2021

Rubrica: Analisi di settore
Articolo di Del Bravo F.
(Articolo di pagina 48)

Agroalimentare 2020: effetto Covid

Le performances del settore delle IG (Indicazione Geografica), riferite al 2019, analizzate nel presente Rapporto (Rapporto Ismea-Qualivita 2020, NdR), risultano in linea col trend di oltre 10 anni rilevato dall’Osservatorio economico Ismea-Qualivita. Tuttavia, tali dati fotografano un contesto già obsoleto a causa degli eventi che stanno caratterizzando il 2020 e che avranno una ricaduta molto significativa anche sul percorso di sviluppo futuro del sistema delle produzioni Dop e Igp. Il 2019 potrebbe segnare la fine di una lunga fase nella quale lo sviluppo delle filiere dei prodotti a IG è stato gradualmente trainato da fattori specifici appartenenti alla natura stessa dei prodotti e da modelli organizzativi di valorizzazione territoriale. Ad avvio 2020, in contemporanea all’esplosione della pandemia conseguente al Covid-19, ha anche trovato concretizzazione un processo di riscrittura del modello di competitività dei sistemi alimentari sulla base di obiettivi assai ambiziosi fissati a livello comunitario in tema, ad esempio, di sostenibilità. Un processo che proprio dai primi mesi dell’anno ha subito un’improvvisa accelerazione in ragione dei disastrosi effetti economici e sociali causati, su scala mondiale, dal Covid-19.

Dopo il crollo dell’economia globale nel secondo trimestre 2020, nei tre mesi successivi lo scenario macroeconomico è migliorato grazie al temporaneo e illusorio affievolirsi della morsa della pandemia, ma già da ottobre, con la risalita dei contagi, la situazione è nuovamente peggiorata.

Il Fondo Monetario Internazionale stima una flessione del PIL mondiale, per il 2020, del –4,4% e un recupero del 5,2% nel 2021; in Italia, il calo del PIL dei primi nove mesi del 2020 è del –8,2%, contenuto grazie alla marcata ripresa dell’economia registrata nel terzo trimestre, ma destinato a peggiorare ulteriormente a causa del deterioramento della situazione. In questo contesto, il valore aggiunto del settore primario, dopo aver chiuso il 2019 con un calo del –1,7% sull’anno precedente, ha continuato a diminuire nella prima metà del 2020 (–3,7% sul I semestre 2019). Le prospettive per la seconda metà dell’anno non sono buone, visto che nel corso del 2020 il settore non è stato risparmiato dalle anomalie meteorologiche, che hanno compromesso le campagne della frutta estiva e di alcune orticole e a ciò si è aggiunta una dinamica negativa dei prezzi dei prodotti zootecnici soprattutto nel secondo e nel terzo trimestre, nonché una campagna olearia che a causa di diversi elementi ha portato a una contrazione del –30% della produzione di olio d’oliva.

Per quanto riguarda le fasi di prima e seconda trasformazione industriale, negli ultimi anni l’alimentare è stato uno dei settori più dinamici dell’economia nazionale: nel corso del 2019, l’indice della produzione industriale del settore ha, infatti, seguito un trend notevolmente migliore rispetto al manifatturiero, chiudendo l’anno con un +3% sul livello del 2018, la variazione più alta tra tutti i settori di attività economica. La pandemia ha interrotto anche questa performance positiva e, nei primi nove mesi del 2020, la produzione alimentare è diminuita del –2,2% su base annua; un calo comunque di gran lunga inferiore al –15,3% del manifatturiero nel complesso.

Le dinamiche della produzione industriale sono risultate coerenti con quelle dell’export agroalimentare che nel 2019 ha toccato 44,6 milioni di euro, il +5,3% rispetto al 2018 e il +85% rispetto al periodo precedente la crisi economica mondiale del 2008/09. L’Italia rappresenta il 2,8% dell’export mondiale di tutte le merci, quota che sale al 3,2% per l’agroalimentare. Quest’ultimo segmento si è dimostrato infatti più dinamico, con un incremento del +21% negli ultimi 5 anni (2019 rispetto a 2015) contro il +16% dell’export totale. Nel 2020, l’impatto della pandemia sulle esportazioni agroalimentari si è tradotto in un rallentamento della crescita, che nei primi nove mesi del 2020, rispetto all’analogo periodo del 2019, è stata del +2,8%, mentre un notevole calo ha interessato il complesso dei beni e servizi esportati (–11,6%).

La crescita dei flussi di prodotti agroalimentari nel corso del 2020 si deve alla performance particolarmente brillante dei primi mesi del 2020 (su base annua +10,1% a gennaio, +11,4% a febbraio, +9,8% a marzo); a questi è seguito un calo ad aprile (–1,5%) e un vero e proprio tonfo a maggio (–10,2%); a giugno, tuttavia, l’export agroalimentare ha ripreso a crescere con un +3% su base tendenziale, seguito da due rallentamenti dell’aumento nei mesi successivi, +1% a luglio, +0,8% ad agosto e da un recupero del +2,8% a settembre.

Per quanto riguarda il mercato nazionale, il valore dei consumi extradomestici nel 2019 è stato di 85,3 miliardi di euro, ovvero il 34% della spesa per prodotti alimentari e bevande in Italia; era il 31% prima della crisi economica nel 2007. Nell’ultimo quinquennio (2015-2019) i consumi domestici hanno ritrovato una certa dinamicità (+2,9% in termini reali), inferiore tuttavia rispetto a quella che ha riguardato i consumi fuori casa (+5,3%). Il quasi azzeramento degli ordini del canale Ho.Re.Ca. nel corso del primo lockdown ha avuto un enorme impatto sulle performance delle imprese. All’assenza dei turisti e alle misure di distanziamento che continuano a limitare i pasti erogabili, si aggiungono la chiusura serale delle attività nelle zone gialle e i soli servizi di asporto e consegna a domicilio consentiti nelle zone arancioni e rosse.

D’altra parte, l’andamento dei consumi alimentari domestici delle famiglie nel 2020 in una certa misura può compensare la riduzione dei consumi fuori casa, limitando l’impatto negativo sul settore alimentare e sull’agricoltura, sebbene il risultato complessivo sarà differenziato sui prodotti e sulle filiere agroalimentari.

La spesa delle famiglie per prodotti alimentari, dopo il timido incremento del 2019 (+0,4% rispetto all’anno precedente), ha guadagnato il +7% su base annua nei primi nove mesi del 2020. Si tratta della variazione più imponente degli ultimi dieci anni ed è conseguenza delle restrizioni imposte per fronteggiare il diffondersi del coronavirus in tutto il territorio nazionale alla fine di febbraio, protrattesi fino al mese di maggio, mentre a partire da giugno la riapertura dei luoghi di consumo fuori casa è stata progressiva e parziale.

I dati del Panel Ismea-Nielsen hanno evidenziato un deciso balzo dei consumi delle famiglie: nel mese di marzo un +18% su base annua ha ridato slancio al primo trimestre, poi nei mesi di aprile e maggio le vendite sono proseguite con crescite a doppia cifra (+11% e +14%); nel mese di giugno, col graduale ritorno alla normalità, il trend positivo si è leggermente affievolito attestandosi comunque a +7%, facendo sì che il secondo trimestre si chiudesse con un incremento di spesa medio del +11%, dopo il +7% del primo trimestre. A luglio la spinta espansiva sembrava essersi arrestata (solo +1,5%), ma in agosto ha ripreso leggero vigore (+3,8%) mantenuto anche in settembre, portando la spesa del trimestre al +3%.

Per comprendere come in questo scenario 2020 oggettivamente stravolto stia reagendo il settore di Dop e Igp, a luglio, Ismea e Qualivita hanno condotto un sondaggio tra alcuni dei Consorzi di tutela più grandi e strutturati del nostro sistema. I risultati dell’indagine dimostrano che le difficoltà nella gestione dell’emergenza sono riconducibili alla tipologia di prodotto, alla rilevanza del canale Ho.Re.Ca. e al peso del mercato estero. Sul primo punto ha influito molto la possibilità di stoccaggio del prodotto e la possibilità di trasformazione o conversione, come ad esempio da prodotto fresco a stagionato nel settore dei formaggi; sul secondo punto ha pesato, invece, la capacità degli operatori di organizzare la sostituzione, seppure parzialmente, della somministrazione con l’asporto e, ovviamente, la prevalenza del canale Ho.Re.Ca. su quello della GDO che, di contro, ha fatto registrare incrementi delle vendite per la stragrande maggioranza dei prodotti; sul terzo punto è stato determinante il mercato di destinazione della specifica IG con le relative misure di restrizione adottate e il funzionamento della catena di distribuzione.

Le risposte sono state dunque molto diverse anche all’interno di uno stesso settore, ma tutte quelle fornite evidenziano un’eloquente cautela nelle valutazioni generali delle performances dell’intero 2020, pur essendo state fornite in un momento di graduale ritorno di fiducia, prima che ripartisse la seconda ondata di diffusione del virus. I Consorzi che hanno denunciato infatti nei primi mesi una perdita nel fatturato delle aziende socie per la paralisi del canale Ho.Re.Ca. stimano, solo con una certa prudenza, una possibile ripresa in tempi ragionevoli sia sul mercato interno che su quello estero, pur nella consapevolezza che sul mercato interno peserà il crollo del turismo nonché i cambiamenti nei comportamenti di acquisto dei consumatori italiani, così come sul mercato estero influiranno, oltre alle chiusure dei locali, le difficoltà logistiche e dell’innalzamento dei costi di distribuzione.

Ma anche i Consorzi che sembrano più ottimisti e valutano possibile la ripresa della domanda dei propri prodotti non si sbilanciano sul risultato complessivo di fine anno e comunque  in molti dichiarano di non avere elementi sufficienti per poter fare delle previsioni. Sintetizzando le risposte, emerge che, a fronte di una concordanza tra tutti gli intervistati nell’indicare il dettaglio (piccolo dettaglio o distribuzione organizzata) come il canale di vendita che ha subito il maggiore incremento nei primi sei mesi dell’anno, a fronte di una perdita dell’Ho.Re.Ca. stimata tra il –20% e il –40% (con punte fino al –60%), maggiore incertezza si evidenzia per l’andamento delle esportazioni (tra un –20% e un –40% in meno nei casi più negativi).

Di fatto, la cautela nelle previsioni dei Consorzi intervistati si è rivelato un approccio corretto perché con la recrudescenza dei contagi di ottobre, a livello nazionale e internazionale, anche le previsioni più rosee dell’estate hanno perso parte notevole della loro consistenza.

A ottobre, Ismea ha provato a stimare l’impatto del nuovo colpo di coda della pandemia sull’economia delle filiere IG ipotizzando le perdite complessive a fine 2020 rispetto al 2019 in funzione delle variazioni nelle quantità prodotte e certificate, delle perdite del canale Ho.Re.Ca., delle compensazioni del canale retail e delle contrazioni delle esportazioni.

Nel settore del vino IG, la perdita da attribuire al canale Ho.Re.Ca. si stima possa superare 1 miliardo di euro. A questa cifra andrà aggiunta una contrazione delle esportazioni per un valore di circa 200 milioni e circa 1,5 miliardi di fatturato riconducibile al circuito dell’enoturismo.

Nel settore lattiero-caseario per il comparto delle IG la perdita stimata relativa al canale Ho.Re.Ca. potrebbe raggiungere i 230 milioni di euro, a cui andrà sommato un decremento stimato in circa 100 milioni di euro delle esportazioni.

Nel settore dei salumi, la perdita per il comparto IG stimata per il 2020 potrebbe superare i 120 milioni di euro e l’export, condizionato dalle chiusure di bar e ristoranti in atto nei principali Paesi di destinazione delle produzioni IG italiane, si ridurrà sui mercati esteri di oltre 30 milioni di euro.

Nel settore delle carni fresche la perdita di fatturato potrà superare il 9,5 milioni di euro relativamente al canale Ho.Re.Ca., soprattutto per le difficoltà di collocamento di alcuni tagli pregiati.

Fabio Del Bravo

Ismea

Fonte: Rapporto Ismea–Qualivita 2020 sulle produzioni agroalimentari e vitivinicole italiane Dop, Igp e Stg.

 

Performance dei salumi

I prodotti a base di carne si attestano su un valore alla produzione di 1,9 miliardi di euro nel 2019, in calo del –4,7% rispetto all’anno precedente, anche se al consumo si sfiora la quota di 5 miliardi di euro con un +3,5%. Crescita anche per l’export, che con il +5,6% su base annua supera per la prima volta i 600 milioni di euro. In Emilia-Romagna si concentra oltre la metà del valore dell’intera categoria con oltre 1 miliardo di euro generato; seguono Friuli-Venezia Giulia e Lombardia con 315 milioni di euro e 305 milioni di euro. Le prime cinque filiere per valore alla produzione sono Prosciutto di Parma Dop, Prosciutto di San Daniele Dop, Mortadella Bologna Igp, Bresaola della Valtellina Igp, Speck Alto Adige Igp, che complessivamente valgono 1,7 miliardi di euro.

 

Didascalia: il quasi azzeramento degli ordini del canale Ho.Re.Ca. nel corso del primo lockdown ha avuto un enorme impatto sulle performance delle imprese. All’assenza dei turisti e alle misure di distanziamento che continuano a limitare i pasti erogabili, si aggiungono la chiusura serale delle attività nelle zone gialle e i soli servizi di asporto e consegna a domicilio consentiti nelle zone arancioni e rosse (photo © Harry Rendón).

Photogallery

Premiata Salumeria Italiana
Anno:

Numero:


Cerca negli articoli di Premiata Salumeria Italiana:
Euro Genuine Food
L'Annuario di tutti i DOP, IGP, STG europei dal Produttore al Consumatore