Edizioni Pubblicità Italia

Premiata Salumeria Italiana nr. 1, 2021

Rubrica: La Qualità
Articolo di Villa R.
(Articolo di pagina 56)

IL SALCHICHON DE VIC IGP

Un salame prodotto in Catalogna, in una valle con microclima nebbioso

Storia e legame col territorio

La specificità del Salchichón de Vic si basa sulla reputazione e sulla notorietà acquisita dal prodotto sia in Catalogna sia nel resto della Spagna nel corso dei secoli, in particolare a partire dal XIX secolo, e sulle condizioni ambientali e climatiche della zona geografica che ne permettono la produzione. La zona geografica dell’Igp, la Plana de Vic, è una pianura con condizioni favorevoli all’agricoltura e un gran numero di aziende agricole e piccoli centri rurali. È situata a un’altitudine compresa fra 400 e 600 metri e circondata dalla catena delle Guilleries e dal Montseny, il Collsacabra e il Lluçanés, fatto che la rende relativamente isolata. Il clima è mediterraneo continentale, ma a causa della sua ubicazione molto spesso si verifica una stagnazione della massa d’aria in questa zona in condizioni anticicloniche. Si produce così un’inversione termica, con temperature fino a 20 °C inferiori nella pianura rispetto alle zone limitrofe.

Nella zona è inoltre frequente la presenza di nebbia (in media, 225 giorni di nebbia l’anno). Di conseguenza, nella Plana de Vic vengono a crearsi condizioni ambientali molto particolari e difficilmente riproducibili che favoriscono lo sviluppo di una flora microbica tipica, responsabile dei processi enzimatici e di fermentazione che conferiscono al Salchichón de Vic il suo inconfondibile aroma e sapore.

Esistono riferimenti scritti al Salchichón de Vic sin dal 1456, anche se la sua origine potrebbe risalire al IV secolo. Anticamente era prodotto nelle case contadine della zona per la conservazione dei tagli più nobili delle carni. A partire dalla metà del XIX secolo, abbondanti documenti scritti esaltano la qualità del Salchichón de Vic e ne attestano la buona reputazione. A titolo d’esempio, in un articolo pubblicato sul periodico El Porvenir il 29 maggio 1867 si legge: “[…] gli ormai famosi Salchichónes de Vic”. È inoltre risaputo che fra gli ammiratori del Salchichón de Vic c’era lo stesso re Alfonso XIII.

Da anni, dunque, Vic è indissolubilmente associata al salchichón, che col tempo è diventato un piccolo tesoro. E sebbene il termine salchichón si riferisca tradizionalmente a un grosso insaccato stagionato, va segnalato che in catalano è chiamato llonganissa, che è il nome autoctono e originale e che, tradotto in castigliano, diventa salchichón, motivo per cui si utilizza indistintamente la denominazione Salchichón de Vic e Llonganissa de Vic. In sintesi, il Salchichón de Vic è un prodotto che gode di ottima reputazione, frutto dell’esperienza tramandata da generazioni di produttori e delle particolari condizioni ambientali presenti nella zona geografica di produzione.

 

Descrizione del prodotto

Il Salchichón de Vic / Llonganissa de Vic Igp è un insaccato tradizionale della Catalogna prodotto con carne magra di suino, lardo, zuccheri, sale e pepe come unici condimenti, che viene macinata, macerata, insaccata e quindi stagionata. Insaccato in budello naturale, il salame si caratterizza per l’aspetto esterno rugoso, col budello ben aderente all’impasto, la forma cilindrica abbastanza regolare e il colore esterno biancastro dovuto alla microflora, che col tempo acquista una tonalità marrone violacea. All’interno sono visibili il lardo a dadini e il pepe in grani. Il processo di stagionatura e le spezie conferiscono al prodotto un aroma e un sapore caratteristici e gradevoli.

Il diametro e le dimensioni del Salchichón de Vic / Llonganissa de Vic dipendono dal tipo di budello utilizzato. In Tabella si precisano le dimensioni al momento della spedizione e i periodi di stagionatura.

 

Parametri fisico-chimici

  • Grassi: massimo 48% (valore espresso sulla base della sostanza secca);
  • Proteine: minimo 38% (valore espresso sulla base della sostanza secca);
  • Rapporto collagene/proteine x 100: massimo 12;
  • Zuccheri solubili totali espressi in glucosio: massimo 3% (valore espresso sulla base della sostanza secca);
  • Proteine aggiunte: nessuna
  • Attività dell’acqua a 20 °C: Aw < 0,92;
  • 5,3 ≤ pH ≤ 6,2.

Si utilizzano carne magra di suino selezionata (prosciutto, spalla e parti magre di prima qualità), lardo, sale, pepe e budello naturale (culare, crespone, cucito o ricostituito).

Altri ingredienti: si autorizza esclusivamente l’impiego di zuccheri (monosaccaridi e disaccaridi), lieviti naturali propri del fabbricante, nitrito di potassio e di sodio, nitrato di potassio e di sodio, acido ascorbico e suo sale di sodio.

 

Area di produzione

La fabbricazione del prodotto (preparazione delle carni fresche, mondatura e macinazione, mescolatura, impasto, macerazione, insaccamento e stagionatura-maturazione) deve essere effettuata nella zona geografica che comprende tutti i comuni della Plana de Vic, situata nel distretto di Osona, provincia di Barcellona, ossia: Aiguafreda, Sant Martí de Centelles, El Brull, Seva, Tona, Muntanyola, Malla, Taradell, Sant Julià de Vilatorta, Santa Eugènia de Berga, Calldetenes, Folgueroles, Vic, Santa Eulàlia de Riuprimer, Gurb, Tavèrnolas, Roda de Ter, Manlleu, Santa Cecila de Voltregà, Sant Hipòlit de Voltregà, Les Masies de Voltregà, Oris, Torelló, Centelles, Balenyà, Les Masies de Roda, San Vicenç de Torelló e Sant Pere de Torelló. L’affettamento può avvenire anche al di fuori della suddetta area geografica. I produttori attualmente approvati sono sei, reperibili sul sito ufficiale della Igp (www.llonganissadevic.cat).

 

Marchiatura ed etichettatura

Oltre alle informazioni prescritte in generale dalla normativa vigente, sulle confezioni è obbligatorio apporre in modo ben visibile il nome dell’Indicazione Geografica Protetta Salchichón de Vic (in castigliano) o Llonganissa de Vic (in catalano), il logo dell’Igp e il simbolo dell’UE per le Igp, nonché l’etichetta autorizzata e numerata dal Consiglio regolatore.

Roberto Villa

 

Atre notizie

 

Nuova banca dati di ricerca per le Indicazioni Geografiche anche di Paesi Terzi

Le Indicazioni Geografiche (IG) stabiliscono diritti di proprietà intellettuale per prodotti specifici, le cui qualità sono specificatamente legate alla zona di produzione. Sono una risorsa economica fondamentale per l’Unione europea e fanno parte del sistema dei diritti di proprietà intellettuale in tutta l’UE. Il nuovo database di ricerca, GIview, accessibile al link www.tmdn.org/giview, fornisce un unico punto di ingresso per i dati IG registrati nell’UE ed è una risorsa utile per consumatori, produttori e professionisti della proprietà intellettuale. Esso contiene, inoltre, informazioni dettagliate sulle Indicazioni Geografiche non UE protette a livello dell’UE tramite accordi bilaterali e multilaterali e sulle indicazioni geografiche protette nei Paesi Terzi.

Il database, di facile navigazione e coi contenuti anche in lingua italiana, è costantemente aggiornato con i dati ufficiali registrati dalla Commissione europea (Direzione generale dell’Agricoltura e dello sviluppo rurale) ed è sviluppato e mantenuto dall’Ufficio per la proprietà intellettuale dell’Unione Europea (EUIPO). Al suo interno trovate tutto, compreso il Salame felino Igp.

 

Didascalia: il Salchichón de Vic (photo © www.3tres3.com)

Photogallery

Premiata Salumeria Italiana
Anno:

Numero:


Cerca negli articoli di Premiata Salumeria Italiana:
Euro Genuine Food
L'Annuario di tutti i DOP, IGP, STG europei dal Produttore al Consumatore