Edizioni Pubblicità Italia

Premiata Salumeria Italiana nr. 5, 2020

Rubrica: Prodotti tipici
Articolo di Ballarini G.
(Articolo di pagina 44)

La spalla cotta di Giuseppe Verdi

Spalla di maiale, antico e pregiato salume

La spalla di San Secondo è uno dei salumi più antichi del quale si abbia menzione nel Parmense e la preparazione e trasformazione della spalla del maiale è accertata già nell’anno 1170 quando nelle terre di San Secondo, in un atto di stipula con i coloni, fra i vari corrispettivi in natura compaiono le spallam o spalam. La spalla è nominata nuovamente nel 1184 in un atto di affitto di un podere e nel quale figura questo salume. Nei secoli successivi a San Secondo e dintorni vi è un ampio commercio della spalla e nel 1788 è attestata la spedizione di spalle di San Secondo alla Corte estense del Ducato di Modena.

Ai tempi di Giuseppe Verdi, nel 1850, il Vocabolario Parmigiano-Italiano di Carlo Malaspina definisce la spalla: “specie di Prosciutto ammagliato che si fa con la Spalla di maiale. Il migliore ed il più celebrato di questi salumi si fa a San Secondo, borgata del Parmigiano”.

Nel 1873, nel Vocabolario Geografico Storico e Statistico dell’Italia di Salvatore Muzzi, alla voce relativa a San Secondo Parmense si dice “… ne rustici dei cortili… si allevano e impinguano i più bei maiali della provincia. Celebre è infatti quel prosciutto speciale, chiamato spalla di San Secondo, del quale gl’industrianti fan lucroso commercio”.

La spalla cotta si ottiene dal maiale. La parte di questo animale dal quale si ricava è la parte superiore della zampa anteriore e questo taglio si differenzia dal taglio dell’arto posteriore da cui si ricava il prosciutto. La presenza nella spalla dell’osso piatto della scapola rende piuttosto complessa la stagionatura: per questa difficoltà la versione cruda della spalla è meno diffusa della versione cotta.

Un tempo, e quindi anche in quello di Giuseppe Verdi, i maiali avevano uno sviluppo dell’arto anteriore maggiore di quello posteriore e dalla spalla si otteneva un salume di maggior pregio rispetto al prosciutto. Oggi, dopo essere stata disossata rifilata e salata, la spalla è avvolta in vescica di maiale o di bovino e stagionata per un breve periodo (30-40 giorni) senza l’aggiunta di spezie. Al termine di questa stagionatura si procede alla cottura della spalla in acqua e vino (può essere bianco o rosso Fortana) con l’aggiunta di spezie e verdure per conferirle aroma e gusto. La cottura avviene a fuoco molto lento a una temperatura di circa 75 °C e dura diverse ore.

 

Giuseppe Verdi produttore di salumi?

Nel numero XX 1992 (pag. 23) della Verdi Newsletter dell’American Institute for Verdi Studies della New York University si legge che l’editore musicale Giulio Ricordi avrebbe acquistato da Giuseppe Verdi una spalla di maiale con marchio G.V. e che, in una lettera del 22 agosto 1890, si sarebbe congratulato con il maestro per il felice avvio di un nuovo business — la vendita di salumi preparati dallo stesso compositore —, pur lamentandosi di aver trovato il conto un poco salato.

Come viene trasformato Giuseppe Verdi in salumiere? A causa di un equivoco in cui cade l’estensore americano della nota; equivoco evitabile anche solo considerando l’astronomico prezzo di una spalla cotta segnato nella fattura (mille lire, pari a circa 425.000 euro odierni) e la firma di Giuseppe Verdi apposta sulla marca da bollo non originale ma contraffatta.

Che cosa è avvenuto in realtà? Da tempo ne siamo al corrente, come ha dettagliatamente spiegato Corrado Mingardi dal quale traiamo le notizie di quanto segue (Mingardi C., Bodoni e Verdi: salumi e sovrani, Quaecumque Recepit Apollo, Scritti in onore di Angelo Ciavarella, Bollettino del Museo Bodoniano di Parma n. 7, 1993).

In rapida sintesi, il 12 agosto del 1890 Giuseppe Verdi invia al suo editore di Milano Giulio Ricordi due spalle di maiale uso San Secondo. Delle due spalle una è per la famiglia di Ricordi e l’altra per Teresa Stolz, nata Tereza Stolzová (1834-1902), soprano ceco naturalizzato italiano nonché soprano verdiano drammatico per eccellenza, potente e appassionata, ancora oggi associata alla figura e all’opera di Verdi avendone cantato molte opere.

All’editore che chiede quanto gli debba per la spalletta che ha ricevuto, il maestro risponde dicendo che vi è grande abbondanza di maiali ma le spallette sono carucce e gli indica un prezzo iperbolico di centomila lire. Dopo tre giorni, Ricordi risponde con una lettera nella quale loda il maestro dicendogli “Ella riesce bene in tutto… perfino nelle spallette” e acclude una ricevuta. Ricordi fa infatti stampare nella sua tipografia una finta ricevuta della Privilegiata Fabbrica di Spalle e Spallette di majali… marca G.V., nella quale figura il saldo della cifra di lire centomila e una marca da bollo di dieci centesimi annullata con la firma contraffatta di Verdi.

 

Cottura della spalla secondo Giuseppe Verdi

La spalletta che Giuseppe Verdi regala a Giulio Ricordi è accompagnata da una lettera nella quale il maestro spiega come cucinarla: si mette nell’acqua tiepida per circa dodici ore onde levargli il sale. Si mette dopo in altra acqua fredda e si fa bollire a fuoco lento, onde non scoppi, per circa tre ore e mezza, e forse quattro se grossa. Per sapere se la cottura è al punto giusto si fora la spalletta con un curedents e se entra facilmente la spalletta è cotta. Si lascia raffreddare nel proprio brodo e si serve. Guardare soprattutto alla cottura; se è dura non è buona, se è troppo cotta diventa asciutta e stopposa.

Il modo di cottura della spalletta è un poco diversa da quella che lo stesso Verdi indicava il 27 aprile 1872 in una lettera al conte Opprandino Arrivabene e nella quale si dice quanto segue: prima di metterla al fuoco bisogna levarla di sale, cioè lasciarla per un paio d’ore nell’acqua tiepida. Dopo si mette al fuoco entro un recipiente che contenga dell’acqua. Deve bollire a fuoco lento per sei ore, poi la lascerai raffreddare nel suo brodo. Fredda che sia, vale a dire circa ventiquattro ore dopo, levala dalla pentola, asciugala e mangiala.

Prof. Em. Giovanni Ballarini

Università degli Studi di Parma

 

Altre notizie

 

Foodbarrio: un social commerce che punta solo alle eccellenze

L’e-commerce di food in Italia è in continua crescita. Nel 2019 c’è stato un incremento di acquisti on-line di prodotti alimentari del 39% rispetto al 2018. E c’è da scommettere che questo dato sia cresciuto esponenzialmente durante il lockdown. La pandemia ha lasciato un mondo profondamente cambiato, in cui la distanza sociale ha modificato il nostro stile di vita, accelerando un processo irreversibile che porterà tantissimi produttori made in Italy a dover aprire uno shop on-line per ovviare a problemi di contatto fisico ma anche alle limitatezze dei mercati. Molti piccoli produttori non hanno tempo, conoscenze e spesso risorse per iniziare a creare da soli un e-commerce dove vendere i propri prodotti. Per questo motivo è nato Foodbarrio, un social commerce che punta solo alle eccellenze gastronomiche. “In questo mercato virtuale il produttore può creare la propria vetrina/bottega dove caricare tutte le proprie specialità senza limiti e iniziare a vendere on-line in Italia e, a breve, all’estero in un solo giorno. Inoltre, i produttori che si uniscono a Foodbarrio hanno accesso a una serie di vantaggi, tra cui un team dedicato a supporto, un social interno per interagire e rimanere in contatto con i propri clienti, l’accesso alla community degli amanti del cibo che animano l’app e promozioni a loro dedicate. Foodbarrio è anche un luogo di incontro virtuale che mette in contatto i cultori del buon cibo con i produttori regionali. Gli artigiani del cibo possono infatti raccontarsi e farsi conoscere ad un pubblico che non può fisicamente entrare in contatto con loro e gli appassionati di specialità tipiche possono vagare virtualmente per cantine, frantoi, caseifici, norcinerie e agriturismi, costruendo un vero e proprio rapporto con i produttori. Infine, riconoscendo margini più ampi ai produttori, si incentiva la sostenibilità delle realtà rurali, che torneranno a essere attrattive anche per le giovani generazioni e le piccole aziende saranno valorizzate, premiando la genuinità, la biodiversità dei prodotti e la trasparenza dei processi produttivi”.

>> Link: www.foodbarrio.com

 

 

Didascalia: spalla cotta di San Secondo (photo © www.incampercongusto.it).

Photogallery

Premiata Salumeria Italiana
Anno:

Numero:


Cerca negli articoli di Premiata Salumeria Italiana:
Euro Genuine Food
L'Annuario di tutti i DOP, IGP, STG europei dal Produttore al Consumatore