Edizioni Pubblicità Italia

Premiata Salumeria Italiana nr. 4, 2020

Rubrica: Fiere
(Articolo di pagina 122)

Cibus Forum: il Food & Beverage post Covid-19

Il primo evento phygital di networking per rilanciare consumi e export

Come reagire ai nuovi scenari aperti dall’emergenza Covid-19: se ne parlerà a Cibus Forum, in programma dal 2 al 3 settembre prossimi a Parma. Cibus ha sempre rappresentato un momento di riflessione e condivisione per la community agroalimentare nazionale. La gravità della crisi attuale necessita però di un confronto più approfondito e proprio per questo motivo Fiere di Parma, in collaborazione con Federalimentare, ha organizzato “Cibus Forum – Food & Beverage e Covid: dalla transizione alla trasformazione”. Cibus Forum, che accoglierà gli operatori in un quartiere fieristico con un sistema di gestione accessi volto a garantire la sicurezza e la salute dei visitatori, sarà un evento fisico trasmesso anche in diretta streaming, al fine di consentire anche a buyer e retailer esteri di assistere ai lavori.

Accanto alle sessioni di discussione ci sarà anche una ricca offerta espositiva dove aziende food e food technologies presenteranno agli operatori le ultime novità del settore. E, infine, un’area lounge e uno spazio innovazione.

«L’idea è quella di confrontarsi per accelerare una normalizzazione dei processi di produzione-distribuzione-somministrazione che sia premessa per un rilancio dei consumi interni e una rapida ripresa dell’export» ha dichiarato Antonio Cellie, ceo di Fiere di Parma. «Utilizziamo i risultati di questo stress test per progettare coralmente il prossimo ciclo di sviluppo con la partecipazione attiva e dialogante di tutta la filiera». «Sarà un momento strategico per tutto l’agroalimentare» conferma Ivano Vacondio, presidente di Federalimentare. «Faremo il punto sulla situazione dell’Ho.re.ca., da cui dovranno ripartire i nostri consumi interni e sui quali è arrivato il momento di fare un ragionamento serio: non possiamo più permetterci il loro stallo».

Le quattro sessioni di Cibus Forum sono articolate su uno schema che prevede relazioni di istituti di ricerca, illustrazioni di case history, tavole rotonde coi principali attori della filiera agroalimentare. Il programma di incontri sta prendendo forma definitiva. Cristina Alfieri, Gruppo Food, inaugurerà il Forum moderando una sessione dedicata al cambiamento dei consumi post Covid-19 e intitolata “Consumi e nuovi valori. L’impatto del Covid-19 sulle abitudini dei consumatori. Quali prospettive e quali opportunità?”. Nel pomeriggio Debora Rosciani di Radio 24 coordinerà la sessione “Salute e sicurezza: la riorganizzazione dei luoghi di lavoro e di consumo”.

L’on. Paolo Di Castro condurrà la sessione di apertura del 3 settembre, “Come si modificano i rapporti di filiera: valenza strategica e prospettive future per l’agroalimentare”, dedicata all’impatto del contagio sulla filiera agroalimentare. L’incontro sarà completato da un panel di discussione sull’interpretazione del progetto europeo “Farm to Fork”. Nel pomeriggio, l’on. Alfonso Pecoraro Scanio modererà la sessione “Ripartire bene: la sostenibilità e l’innovazione come risposta all’emergenza” dedicata all’ambiente e al potenziale della sostenibilità come driver della ripresa del settore.

Un tema trasversale alle sessioni sarà quello dell’export del food & beverage italiano, un’incognita rilevante, come ha ricordato in conferenza stampa Anna Flavia Pascarelli, manager food & beverage division di ICE. «I tempi della ripresa dell’export dipenderanno dall’andamento della pandemia, che oggi comprime significativamente le nostre esportazioni su diversi mercati. Confidiamo, e in qualche caso lo abbiamo già verificato, che non appena un Paese si avvia alla ripresa dell’attività, la domanda di prodotti italiani si rianimi».

Altro tema ricorrente saranno le case history e le proposte delle aziende più innovative, come Costa Group, specializzata nella progettazione e arredamento di locali. «Presenteremo a Cibus Forum le soluzioni studiate a supporto dei ristoratori, in collaborazione con Francesco Panella, ristoratore e ambasciatore della tradizione culinaria italiana negli USA» ha anticipato Franco Costa, presidente di Costa Group.

«Abbiamo avviato una ricerca rivolta al domani, coinvolgendo imprenditori di settori diversi per trovare insieme proposte e idee che andassero oltre il dopo Covid e ne è scaturito un lavoro prezioso, attento: soluzioni che contribuiranno a traghettare il settore dell’ospitalità verso il futuro».

>> Link: cibusforum.cibus.it

 

Altre notizie

 

Identità Golose ci riprova: confermata la 16ª edizione a Milano dal 24 al 26 ottobre 2020

Dopo il rinvio causa pandemia, è stata confermata per l’autunno la 16a edizione di Identità Golose: il congresso internazionale di cucina d’autore, pasticceria e servizio di sala si terrà infatti da sabato 24 a lunedì 26 ottobre negli spazi del Mi.Co. – Milano Congressi. Quest’anno, inoltre, Identità Golose raddoppia: all’impianto originale di un irrinunciabile evento dal vivo, invariato pur nel rispetto delle normative che regolamenteranno la realizzazione dei grandi eventi nell’immediato futuro, si affiancherà una potente piattaforma digitale che consentirà di seguire il congresso nelle sue varie fasi e di condividere l’esperienza espositiva delle aziende partner senza limiti di tempo e partecipazione. Se il congresso non rinuncia alla sua dimensione tradizionale, che pone al centro l’incontro e la relazione, il convivio e l’esperienza diretta, la parte digitale consentirà nuove e importanti possibilità di interazione. È un’opportunità che aprirà il congresso ad originali prospettive di sviluppo per il futuro. “Il senso di responsabilità: costruire un nuovo futuro” sarà il nuovo tema del congresso. Spiega Paolo Marchi, ideatore e curatore della manifestazione: «Concepiremo il congresso in modo diverso, ad iniziare dalla sua digitalizzazione, perché in questi mesi abbiamo assistito al forte sviluppo del web, eventualità che era nelle cose ma che la crisi ha certo accelerato. Siamo anche indotti a cambiare tema: avevamo pensato inizialmente al senso di responsabilità — concetto allora perfetto, persino premonitore — per sottolineare alcuni eccessi che allignavano nel settore. Gli accadimenti hanno fatto in modo che tale senso di responsabilità diventasse fattore ormai acquisito. Deve essere proprio la base dalla quale ripartire. E allora: il nuovo tema è Costruire un nuovo futuro, perché va ridiscusso l’intero mondo della ristorazione. Ci sono stati tanti sviluppi — dal delivery in poi — che dobbiamo capire quale ruolo possano essere in prospettiva rispetto a un settore che oggi sta soffrendo, ma deve tornare al più presto a stare in piedi, deve recuperare redditività. Quanto tempo passerà prima che torni a regime? Come recuperare il rapporto col cliente? Parleremo di questo, perché dovremo poco a poco saperci riappropriare di una dimensione di ritrovata quotidianità».

>> Link: www.identitagolose.it

Photogallery

Premiata Salumeria Italiana
Anno:

Numero:


Cerca negli articoli di Premiata Salumeria Italiana:
Euro Genuine Food
L'Annuario di tutti i DOP, IGP, STG europei dal Produttore al Consumatore