Edizioni Pubblicità Italia

Premiata Salumeria Italiana nr. 3, 2018

Rubrica: Speciale Vinitaly
Articolo di Borghi G.
(Articolo di pagina 94)

Tutto il buono del Vinitaly, oltre al vino

Salumi & vino: il viaggio di Citterio attraverso le cantine di Vinitaly per valorizzarli al meglio

Meglio soli che mal accompagnati dice il popolare proverbio. Ma cosa succede quando si è ben accompagnati, anzi, sapientemente abbinati? Meglio stare insieme allora! Lo sanno bene gli organizzatori di Sol&Agrifood, il Salone Internazionale dell’Agroalimentare che si svolge durante Vinitaly insieme ad Enolitech, rassegna su accessori e tecnologie per la filiera oleicola e vitivinicola. Nel padiglione dedicato, che quest’anno ospitava oltre 300 espositori, abbiamo trovato una superficie espositiva ampliata rispetto alle scorse edizioni, “per dare più spazio a nuove aziende e potenziare le iniziative B2B”, hanno spiegato i responsabili dell’ente fiera, “con degustazioni e cooking show che diventano strumenti per raccontare e far sentire a buyer e professionisti dell’Horeca di tutto il mondo la qualità dei prodotti esposti, espressione di territori, cultura, innovazione”. Un esempio? Imparare ad usare correttamente l’olio extravergine di oliva in cottura e a crudo e abbinarlo ai cibi per esaltare sapore e qualità salutistiche degli alimenti insieme all’Associazione Interregionale Produttori Olivicoli (AIPO Verona) e agli chef della Federazione Italiana Cuochi. La star indiscussa di Sol&Agrifood rimane infatti l’extravergine, proposto da decine di aziende, di piccole e medie dimensioni. Il Consorzio del Parmigiano Reggiano, invece, ha portato a Sol&Agrifood varie stagionature e tipologie del re dei formaggi proposte anche in abbinamento a grandi vini, non solo quelli classici del territorio di provenienza: quindi sì al Lambrusco di Modena ma anche sì al Marsala Doc di Intorcia, al Franciacorta, all’Aglianico del Taburno, ai vini toscani della Cantina Marchesi Antinori. L’obiettivo del Consorzio era infatti porre l’accento sulla versatilità del Parmigiano Reggiano, un prodotto che per la sua complessità di aromi e struttura è il partner ideale sia per un calice da aperitivo sia per abbinamenti più arditi. Da provare con le birre del Birrificio del Borgo di Rieti. E, a proposito di birra, accanto alle proposte più classiche, da segnalare la presenza delle emergenti IGA, le Italian Grape Ale, birre “di confine” che hanno una percentuale di uva, mosto o mosto cotto al loro interno e che stanno riscuotendo sempre maggiore successo. Magici i profumi provenienti dall’Arena pizza, che si conferma uno dei piatti più conosciuti e amati al mondo. Proprio la pizza era comunque presente in tante aree della fiera: sdoganato oramai l’abbinamento esclusivo con le birre, diverse sono state le proposte con il vino. Persino il presidente della Regione Luca Zaia, nei panni di aiuto-pizzaiolo, ha fatto da assistente a Stefano Miozzo, neoeletto campione del mondo nella categoria “Pizza classica”, sfornando pizze per visitatori ed espositori. Lo chef Renato Bosco, che di pizze se ne intende, è stato invece la star che, il primo giorno della fiera, sul Double Decker di Tannico, ha realizzato “sei deliziose tentazioni” con i salumi della Levoni di Castellucchio, come la Pizza Crunch® con salsiccia stagionata, la Brioche salata col salame gentile o il Pane ai cereali con la culatta, da abbinare a tre calici di Trento Doc delle Cantine Ferrari: Perlé, Perlé rosé e Riserva Lunelli. Nell’Agorà, lo spazio dedicato alle degustazioni rivolte ai buyer, in primo piano le produzioni di Toscana, Lazio e Calabria, i limoni della costiera amalfitana — recentemente protagonisti anche della torta del Royal Wedding di Harry e Meghan — e tanto altro ancora. Dall’estero, i produttori di olio dal Marocco, una collettiva di aziende selezionate dal Ministero dell’agricoltura polacco, escargot, miele, noci e vino dall’Ucraina, la Germania e il Belgio con birre e cioccolata, e infine Austria, Spagna e Giappone.

 

Golosario 2018, i vincitori

Il premio Golosario, ideato dai critici enogastronomici Marco Gatti e Paolo Massobrio, ha festeggiato quest’anno la sua 10a edizione proprio a Sol&Agrifood. Sono stati 21 i prodotti selezionati da una squadra di assaggiatori che si è mossa in incognito tra gli stand delle aziende espositrici alla ricerca delle migliori novità agroalimentari. Tra i premiati, accanto all’anello di Monaco, il dolce soffice delle feste mantovane della Pasticceria Antoniazzi, al baccalà in scatola, al chutney di pomodori e cocco Cavazza da Vignola (MO) e al chinotto Paoletti di Ascoli Piceno, anche la coppa affinata all’amarone di Corrado Benedetti di Sant’Anna d’Alfaedo (VR). La famiglia Benedetti delizia chi raggiunge la loro bottega con mille specialità preparate artigianalmente fin dagli anni ‘50: carni dalla Lessinia, salumi tipici, formaggi stagionati e affinati, confetture, mostarde. Un profumatissimo regno del gusto da non lasciarsi sfuggire.

 

Salumi & vino: il viaggio di Citterio attraverso le cantine  di Vinitaly per valorizzarli al meglio

Valorizzare due prodotti tipici della tradizione italiana, come vino e salumi, attraverso abbinamenti e degustazioni. Questo l’obiettivo della presenza a Vinitaly di Citterio, azienda che dal 1878 rappresenta la storia della salumeria italiana, producendo i propri salumi nei loro luoghi d’origine e seguendo ricette tradizionali nel pieno rispetto dell’ambiente e dei sapori autentici. La scelta degli abbinamenti tra salumi e vini è stata fatta in modo tale da valorizzare al meglio le caratteristiche dei prodotti. Tre cantine di tre diverse regioni italiane e tre diversi salumi. Il salame Milano, ad esempio, dal colore rosso rubino, con grana di grasso ben definita dalle dimensioni di un chicco di riso, è stato abbinato ai vini toscani della cantina sociale Colli Fiorentini Valvirginio; lo speck Alto Adige Igp, dalla leggera affumicatura con legno di faggio, alla cantina Consorzio Tutela Vino Custoza Doc, il vino bianco delle colline tra Verona e il Garda; infine, la mortadella Regina, dal sapore unico e delicato, con i vini siciliani della cantina Alcesti di Marsala (TP).

>> Link: citterio.com

Photogallery

Premiata Salumeria Italiana
Anno:

Numero:


Cerca negli articoli di Premiata Salumeria Italiana:
Euro Genuine Food
L'Annuario di tutti i DOP, IGP, STG europei dal Produttore al Consumatore