Edizioni Pubblicità Italia

Premiata Salumeria Italiana nr. 6, 2010

Rubrica: Delicatessen
Articolo di Franchini L.
(Articolo di pagina 70)

Arriva il Riconoscimento Ministeriale per il Consorzio di Tutela del Culatello di Zibello

Festeggiato a Milano presso la prestigiosa sede del Museo dei Navigli a Brera l’ambito Riconoscimento del Ministero per il Consorzio del Culatello

Un pubblico attento, curioso e certamente “buongustaio” ha riempito la sala del Museo dei Navigli di Milano che ha ospitato la conferenza dedicata al Consorzio di tutela del Culatello di Zibello.

È inevitabilmente toccato al presidente del Consorzio, Tito Tortini, dare il via ai lavori, ringraziando pubblico e relatori e sottolineando l’importanza del recente riconoscimento ministeriale, giunto nel giugno del 2010. Un riconoscimento che, di fatto, garantisce maggiori tutele della denominazione, vigilanza e lotta alla contraffazione. «Ancora una volta — ha sottolineato Tortini — il Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali si dimostra sensibile e attento nel garantire e premiare l’eccellenza italiana». Un’eccellenza, in questo caso, il cui Consorzio di tutela non vuole solo proteggere, ma pure comunicare e promuovere, anche attraverso nuove strategie distributive, che prevedono anche l’implementazione del prodotto affettato, secondo specifiche garanzie di tutela della qualità. La parola è poi passata a Massimo Spigaroli, produttore, ex presidente del Consorzio e memoria storica del passato, per quanto recente, del consorzio stesso. Nasce infatti a gennaio del 2009, grazie alla volontà dei soci fondatori, tra i quali lo stesso Spigaroli. Ora il consorzio vede 21 soci e una denominazione protetta che prevede e autorizza la produzione nei soli comuni di Busseto, Polesine Parmense, Zibello, Soragna, Roccabianca, San Secondo, Sissa e Colorno.

Ogni anno poco più di 60.000 Culatelli di Zibello si possono fregiare del marchio Dop, al quale da oggi verrà affiancato anche il marchio dei produttori aderenti al Consorzio di tutela. Un traguardo che evidenzia non solo la qualità del prodotto, ma anche la lunga storia del culatello. Si narra infatti che già nel 1332, al banchetto di nozze di Andrea dei Conti Rossi e Giovanna dei Conti Sanvitale fossero presenti alcuni culatelli, recati come dono agli sposi e che, più avanti, i Pallavicino usassero omaggiare con alcuni culatelli il Duca di Milano Galeazzo Sforza.
L’assessore alla Salute del Comune di Milano, Giampaolo Landi di Chiavenna, ha invece voluto ricordare ai presenti l’importanza, anche ai fini salutistici, di un’alimentazione sana e sicura, di cui il culatello è certamente ottimo e degno rappresentante.

Divertente e coinvolgente l’intervento dell’ironica Lella Costa, soubrette del culatello, come lei stessa si è causticamente definita. «Eccellenze da difendere come il culatello siamo noi attori», ha denunciato pacata l’attrice, continuando con racconti di infanzia, declinati nel sottolineare l’importanza delle tradizioni del nostro Paese.

L’incontro ha successivamente visto intervenire Daniele Fornari, professore universitario e direttore del CERMES (Università Bocconi Milano), il quale ha portato il discorso sul marketing del prodotto culatello, e sulla necessità di opportune strategie comunicative ad hoc.

Un prodotto che, al momento, vede nel dettaglio, quasi il 40%, il suo principale canale distributivo, seguito dalla vendita diretta (oltre il 30%), dalla distribuzione moderna per il 20%, mentre il 10% è rappresentato dal canale della ristorazione.

Non poteva mancare all’appello un rappresentante della ristorazione italiana, declinata ovviamente sull’ingrediente “culatello”: Claudio Sadler, chef di indubbia fama e altrettanta maestria e sapienza, ha non solo esposto la sua grande passione per il “Re dei Salumi”, ma ha anche lanciato uno speciale, e specifico, corso di cucina.

Infatti, presso il sito www.accademiadelculatellodizibello.com, sarà possibile non solo reperire ricette ed idee di preparazioni elaborate sul culatello, ma anche iscriversi ad un corso tenuto dallo stesso Sadler e dedicato appunto al suddetto culatello.

Laura Franchini


 

Premiata Salumeria Italiana
Anno:

Numero:


Cerca negli articoli di Premiata Salumeria Italiana:
Euro Genuine Food
L'Annuario di tutti i DOP, IGP, STG europei dal Produttore al Consumatore