Edizioni Pubblicità Italia

Premiata Salumeria Italiana nr. 6, 2010

Rubrica: Vino
(Articolo di pagina 128)

Casali Viticultori, con la vendemmia 2010 passiti al top

La vendemmia 2010 della Casali Viticultori lascia presagire vini ricchi di profumi e passiti dalla qualità eccellente. La cantina di Pratissolo di Scandiano (RE), che ogni anno produce oltre un milione di bottiglie fra Lambruschi, Bianchi di Scandiano, Malvasie e Riserve, registra infatti a livello quantitativo una raccolta in linea con quella del 2009, mentre, per quanto riguarda la qualità delle uve, una buona acidità e un elevato grado zuccherino, superiore a quello delle stagioni precedenti. Ad affermarlo è Giovanni Sidoli, CEO ed Export Director della Casali Viticultori. «In particolare — spiega Sidoli — la qualità sul fronte delle uve bianche ci fa presupporre vini con ottimi profumi e una tipicità molto ben marcata. Dall’altra parte le uve rosse mostrano, ad eccezione del Malbo Gentile, un colore più intenso rispetto alla vendemmia 2009. Tali caratteristiche sono una diretta conseguenza sia delle condizioni climatiche dell’estate scorsa, che ha visto abbondante piovosità e giornate molto calde, sia dei nostri vigneti, equilibrati perché non più giovani e ubicati in posizione collinare. Un fattore, questo, che favorisce il drenaggio delle acque meteoriche, garantendo quelle caratteristiche qualitative sopra richiamate. Con l’elevato grado zuccherino della nostra produzione 2010 ci attendiamo quindi un’annata molto buona per i passiti». Ma non è tutto. Proprio la qualità dei vini della Casali Viticultori, e in particolare quella dello Spumante Ca’ Besina annata 2001 e del Sauvignon Passito Invernaia, hanno permesso alla cantina di prendere parte al prestigioso Merano Wine Festival, in programma dal 6 all’8 novembre scorsi.


Export triplicato

I positivi risultati che si stanno registrando in cantina, si riflettono anche sul fronte commerciale. Nello specifico, il fatturato 2010 è cresciuto del 30% rispetto al 2009 e la produzione di bottiglie, sempre sullo scorso anno, ha fatto segnare un +50%. E se in Italia le vendite rimangono sostanzialmente stabili, la vera sorpresa arriva dall’estero, dove l’export nei primi 8 mesi del 2010 è addirittura triplicato nel suo valore assoluto, merito dei successi negli Stati Uniti, in Giappone, Russia ed Europa.


Medaglia d’oro alla Selezione del Sindaco

A suggellare i traguardi delle ultime annate è arrivata anche una medaglia d’oro per la Casali Viticoltori alla Selezione del Sindaco, il prestigioso concorso enologico internazionale organizzato dall’Associazione Nazionale Città del Vino e da Recevin, la Rete Europea delle Città del Vino. Ad aggiudicarsi il riconoscimento è stato l’Albore Dolce Spergola 2009, un bianco fine e fruttato che si ottiene dalla lavorazione dell’uva Spergola, varietà autoctona di lunga tradizione proprio nell’area di Scandiano. Inoltre, un’altra medaglia d’oro è stata assegnata al Grancasali Grasparossa dal giornalista inglese Jamie Goode, noto esperto del settore, che ha accreditato questo vino rosso di 90 punti. 


Casali investe sui social network

Si rafforza la presenza della Casali Viticultori sui social network: dopo il successo riportato con la recente creazione di un profilo su Facebook (che conta già oltre 400 fan), è stato attivato anche un canale su YouTube, con filmati e video interviste allo staff e ai responsabili della cantina (www.youtube.com/user/casalivini).


A canestro con il basket reggiano

Consapevole del ruolo di primo piano che riveste nel tessuto socio economico del proprio territorio, Casali Viticultori è impegnata da anni nel sostegno di attività sportive e culturali. In questa ottica, la cantina ha siglato nei giorni scorsi una partnership con Pallacanestro Reggiana, aggiungendo il suo nome alla lista del pool di aziende che sostengono l’attività della formazione attualmente impegnata nel campionato Nazionale di A2.

 

 

Premiata Salumeria Italiana
Anno:

Numero:


Cerca negli articoli di Premiata Salumeria Italiana:
Euro Genuine Food
L'Annuario di tutti i DOP, IGP, STG europei dal Produttore al Consumatore