Edizioni Pubblicità Italia

Premiata Salumeria Italiana nr. 5, 1998

Rubrica: Aziende
(Articolo di pagina 49)

Brendolan, il grande specialista del prosciutto

Il prosciutto "fatto in casa", Gustavo Brendolan lo inventò subito dopo la Grande Guerra. Come lui non lo lavorava nessuno. Una vera rivoluzione. Quando arrivava la stagione giusta, di buon mattino si recava dagli amici contadini e ritirava i quartini dei maiali macellati in casa. Il pomeriggio cominciava il suo lavoro e, con amore, con pazienza e con passione, rifilava i cosciotti di carne e ne ricavava il prosciutto da stagionare. E mese dopo mese avveniva il "miracolo". I suini erano stati alimentati con granoturco, castagne e ghiande, prodotti naturali della campagna e dei boschi vicini a San Vito di Brendolan. E la carne era genuina e saporita. Il resto lo faceva lui, Gustavo, con un trattamento di cui non volle svelare il segreto a nessuno e che lasciò scritto solo ai suoi eredi. E il prosciutto, quando il tempo era maturo, era dolce e profumato. Insomma, una bontà.

La fama dei prosciutti di San Vito di Brendolan si diffuse in tutta la provincia di Vicenza e anche fuori, tanto che, quando nel 1928 i figli Luigi e Aldo cominciarono a macellare in proprio e aprirono una salumeria dotata di laboratorio, la clientela era già numerosa e affezionata. Questo l’inizio di una costante evoluzione che ha assunto ritmo e impulso di tipo industriale quando Bruno Brendolan, nipote di Gustavo, alla fine degli anni Cinquanta, senza dimenticare la tradizione, impresse all’attività uno stile e una spinta manageriali.

Di grosso rilievo la trasformazione degli impianti di Lonigo e l’avvio anche a San Daniele del Friuli dell’attività di produzione. Da allora la famiglia Brendolan ha saputo volare alto: assieme a Bruno i fratelli Giuliano e Sergio, e oggi le due figlie Marina e Silvia con i generi Mauro Bolla per la produzione ed Enrico Delfini per la parte commerciale, formano un gruppo compatto che persegue attraverso un lavoro specialistico di equipe il risultato comune.

Nel 1992 viene realizzato un nuovo stabilimento a San Daniele del Friuli. Nasce la A&B Prosciutti Spa in abbinamento con un’azienda di allevamento e di macellazione. La nuova società lancia in Italia un esperimento di filiera trattando e stagionando prosciutti ottenuti da un processo di lavoro in cui per la prima volta produttore, allevatore e macellatore operano assieme, in diretta collaborazione.

Nel 1993 il gruppo Brendolan acquisisce un tassello fondamentale per divenire il leader nazionale: la Bianchi & Ugolotti di Langhirano. È questa una tappa importante perché permette al gruppo Brendolan di essere l’unico ad avere tre unità produttive nei tre marchi Doc e di potersi definire, a buon titolo, come "lo specialista del crudo". Ma l’impegno dell’azienda non si ferma a tali successi. La costante ricerca e una innovazione unita a un’attenzione quasi ossessiva per il mantenimento dell’altissima qualità del prodotto permettono all’azienda di rivolgersi verso i principali mercati esteri più ostici quali Usa, Giappone e America Latina ottenendo risultati encomiabili, peraltro pari alla qualità del prodotto offerto.

Premiata Salumeria Italiana
Anno:

Numero:


Cerca negli articoli di Premiata Salumeria Italiana:
Euro Genuine Food
L'Annuario di tutti i DOP, IGP, STG europei dal Produttore al Consumatore