Edizioni Pubblicità Italia

News di Marzo 2021, Settore Pesce


06/03/2021

Marr rileva le attività del gruppo Verrini. Il leader nel foodservice si rafforza nel segmento dell'ittico fresco

Marr, società del gruppo Cremonini, leader in Italia nella
commercializzazione e distribuzione al foodservice di prodotti alimentari e non-food, ha sottoscritto un accordo per acquistare la totalità delle quote di una newco, in cui saranno conferite tutte le attività della Antonio Verrini & Figli Spa, incluse quelle di lavorazione e commercializzazione di prodotti ittici, e di Chef Srl che ha in affitto l’azienda Chef Seafood.
La Verrini, con base a Genova e che opera con 5 centri distributivi lungo la costa ligure e a Viareggio e una flotta di 50 automezzi refrigerati, rappresenta una realtà di riferimento nella commercializzazione di prodotti ittici in Liguria e Versilia. Nell’azienda, attiva fin dai primi anni ’50, si sono spese 3 generazioni della famiglia Verrini che l’hanno portata a oltre 48 milioni di Euro di vendite nel 2020 (ante pandemia 58 milioni nel 2019) con una significativa specializzazione nel fresco (oltre i 2/3 del fatturato) e nella lavorazione di prodotti freschi e decongelati. L'operazione prevede una valorizzazione (inclusa l’assunzione dei debiti) di 8 milioni di Euro e pagamento in parte dilazionato, oltre a un earn out subordinato al raggiungimento di obiettivi di fatturato e redditività nel 2022.

L’operazione prevede anche l’apporto della Chef con oltre 7 milioni di Euro di vendite di prodotti ittici nel 2020, in prevalenza ai clienti della ristorazione nella riviera romagnola serviti dal centro distributivo di San Clemente (Rimini). L’acquisizione di specializzazione di prodotto e di competenze, che prevede anche la conferma del management della Verrini nelle persone di Alessandro e Manuel Verrini, con quest’ultimo che manterrà il ruolo di AD, permetterà a Marr di rafforzare la propria presenza in Liguria e Versilia attraverso l’ittico fresco.

Il consumo mondiale di prodotti ittici dal 1961 al 2017 è cresciuto a un tasso annuo del +3,1% con un valore annuo pro-capite che nel 2018 ha raggiunto i 20,5 kg. A livello europeo il consumo annuo pro-capite di ittico si colloca attorno i 24,4 kg con una propensione che in Italia sale a circa 31 kg. Il 20% del consumo ittico in Italia è extra domestico, una quota che nel periodo 2015-2019 ha fatto registrare un costante incremento in termini reali. L’ittico nella ristorazione fuori casa in Italia è quindi una voce in crescita in un paese in cui il consumo di tali prodotti si colloca al di sopra della media Ue e con una quota di prodotti freschi che è circa il 36% di quelli congelati.
Marr ha da tempo sviluppato una strategia per rafforzare la propria presenza e specializzazione nell’ittico fresco che nel 2019 rappresentava con oltre 100 milioni di Euro di vendita circa il 10% delle vendite al principale segmento dei clienti dello Street Market (ristoranti e hotel non appartenenti a gruppi
o catene).

L’operazione, per la quale la stipula del closing è soggetta all’assenso da parte dell’autorità garante della concorrenza e del mercato. L’operazione prevede anche la stipula di contratti di locazione della durata di 6 anni più ulteriori 6 per i centri distributivi attraverso i quali opera il Gruppo Verrini.


hef - 17486
Rimini, RN, Italia, 05/03/2021 11:15
EFA News - European Food Agency

« Indice

Il Pesce
Anno:

Numero:


Cerca negli articoli di Il Pesce:
Annuario del Pesce e della Pesca
La banca dati che con cadenza annuale costituisce un prezioso strumento di lavoro per gli operatori del settore ittico e acquacoltura.