Edizioni Pubblicità Italia

News di Febbraio 2021, Settore Pesce


18/02/2021

FAO conferma: i pesci non sono sensibili al Covid-19

Il report “COVID-19 and animals: Information on risk mitigation measures for livestock and agricultural professionals” fondato sui più recenti e affidabili studi scientifici, afferma che i pesci (sia allevati che selvatici) non sono sensibili al virus SARS-CoV-2 (responsabile del COVID-19).

La pubblicazione della FAO fornisce l’elenco dettagliato degli animali da allevamento e domestici raggruppati in base al loro grado di sensibilità al virus, sottolineando come la diffusione della pandemia è dovuta principalmente alla trasmissione da uomo a uomo. Il contagio di specie animali sensibili al virus si è verificato, nella maggior parte dei casi, solo dopo il contatto con persone infette.

Tra gli animali più sensibili vengono indicati i visoni, contagiati dall’uomo, che possono sviluppare i sintomi tipici del virus (problemi respiratori e gastrointestinali, aumento di mortalità).

Tra gli animali a bassa suscettibilità, la FAO indica i suini e i bovini. Pochi suini hanno sviluppato lievi sintomi respiratori dopo essere stati sottoposti all’inoculazione del virus in laboratorio e i bovini, in un altro studio sperimentale, non hanno mostrato alcun sintomo né sono risultati contagiosi per gli altri bovini.

Tra gli animali domestici vengono riportati come sensibili i cani e i gatti.

Gli unici animali che non possono essere infettati dal virus Covid-19, e che dunque non sono sensibili al virus, sono pesci, polli, tacchini, quaglie, oche e anatre.

Le informazioni presenti nel report relative alla sensibilità degli animali al virus SARS-CoV-2 si basano sugli esiti degli studi sperimentali effettuati fino all’8 gennaio 2021.

http://www.fao.org/documents/card/en/c/CB2549EN/


(API Associazione Piscicoltori Italiani)

« Indice

Il Pesce
Anno:

Numero:


Cerca negli articoli di Il Pesce:
Annuario del Pesce e della Pesca
La banca dati che con cadenza annuale costituisce un prezioso strumento di lavoro per gli operatori del settore ittico e acquacoltura.