Edizioni Pubblicità Italia

News di Luglio 2019, Settore Pesce


23/07/2019

L'Italia è tra i Paesi dell’UE con la più alta spesa per l’acquisto di pesce fresco: un dato confermato anche da HAPO, l’Organizzazione Ellenica di Produttori di Acquacoltura

La trasparenza e l'efficienza dei mercati dell’UE sono gli obiettivi dell'Osservatorio europeo del mercato dei prodotti della pesca e dell'acquacoltura (EUMOFA) che, nel 2016, registra un rilevante quinto posto dell’UE nella produzione mondiale del settore, dopo i quattro maggiori produttori asiatici (Cina, Indonesia, India e Vietnam).
Tra i dati emersi dalla ricerca condotta dall’Osservatorio EUMOFA, nel 2017, Italia, Spagna, Francia, Germania e Regno Unito hanno rappresentato il 72% della spesa totale dell’UE per i prodotti ittici e le famiglie hanno speso 56,6 miliardi di euro per i prodotti della pesca e dell’acquacoltura, raggiungendo il livello di spesa più alto degli ultimi 15 anni. In modo particolare, l’Italia ha registrato un consumo di prodotti ittici freschi nettamente superiore agli ultimi 5 anni, posizionandosi come il Paese Membro con il tasso di spesa più elevato pari a 11,2 miliardi di euro, seguito da Spagna e Francia.

Tra le specie commerciali di pesce fresco più consumate dagli italiani, nei primi dieci posti della classifica EUROPANEL del consumo domestico basata su un campione di 10.000 famiglie italiane, si trovano l’orata (per cui Italia e Spagna ricoprono circa l’81% del consumo totale europeo) e il branzino. Due specie ittiche molto popolari che HAPO, Hellenic Aquaculture Producers Organization, porta sulle nostre tavole, insieme al pagro, all’ombrina boccadoro e a tutta la ricchezza, la diversità e la purezza delle acque cristalline della Grecia, ecosistema ideale per l’allevamento di pesce fresco e sano.
L’associazione, fondata nel 2016, comprende 21 aziende situate in diversi punti dell’incontaminato mare greco e rappresenta oggi l’80% dell’industria greca dell’acquacoltura. HAPO è depositaria del marchio "Fish from Greece", supportato da un protocollo di certificazione privata, che testimonia l’unicità dell’identità greca e si fa garante di elevati standard qualitativi organolettici, assicurati dai metodi e dalle pratiche di allevamento propri delle aziende che ne fanno parte. Le aziende associate ad HAPO distribuiscono il 35% dei propri prodotti nel nostro Paese.

Lo scopo principale dell’organizzazione è offrire ai consumatori, giorno dopo giorno, la freschezza, il gusto, le proprietà nutritive e la qualità eccellente del pesce greco, allevato con cura da professionisti esperti, nel rispetto dell’ambiente e delle normative europee. I pesci freschi greci contrassegnati con il sigillo di fiducia “Fish from Greece” raggiungono i diversi mercati in modo rapido e sicuro, mantenendo inalterati i valori nutrizionali, le caratteristiche qualitative e il loro gusto inconfondibile. Da vivai tecnologicamente avanzati a strutture di confezionamento all'avanguardia: i pesci “Fish from Greece”, vengono nutriti esclusivamente con mangimi certificati e privi di OGM, confezionati con grande cura e trasportati nei mercati locali e internazionali utilizzando metodi di refrigerazione che assicurano la catena del freddo durante l'intero processo.

Il pesce rappresenta, da sempre, un classico della dieta mediterranea e un suo consumo regolare è spesso consigliato da medici e nutrizionisti. Il consumo di pesce fresco, considerato come fonte di proteine ​​di alta qualità, Omega3, vitamine e minerali, è l’ideale per chi desidera mantenersi in salute, alla ricerca di benessere.


Fonte:
HAPO

« Indice

Il Pesce
Anno:

Numero:


Cerca negli articoli di Il Pesce:
Annuario del Pesce e della Pesca
La banca dati che con cadenza annuale costituisce un prezioso strumento di lavoro per gli operatori del settore ittico e acquacoltura.