Edizioni Pubblicità Italia

News di Giugno 2017, Settore Pesce


15/06/2017

Riunita Giunta di Federpesca: all’unanimità, nessun fermo biologico nel 2017, perdurando il mancato pagamento alle imprese delle indennità pregresse

La Giunta di Federpesca, riunita a Roma anche per affrontare le persistenti difficoltà del settore, ha assunto all’unanimità una posizione netta sulla prospettiva di reiterare nell’anno in corso un ulteriore periodo di fermo biologico, senza che siano state corrisposte alle imprese le indennità loro dovute per il fermo osservato obbligatoriamente negli anni 2015 e 2016.
“Un ritardo inaccettabile, frutto di impreparazione ed improvvisazione nel gestire un meccanismo, quello previsto dalle norme comunitarie s
in dal 2014, che porta all’esasperazione le imprese destinatarie della misura” dichiara Luigi Giannini, presidente della Federazione,
a margine della riunione. “L’interruzione prolungata
dell’attività di pesca, imposta nello scorso biennio attraverso il fe
rmo biologico ed il fermo tecnico, ha costretto le aziende a sopportare comunque i costi di armamento del peschereccio, anche in considerazione del ritardo e delle inefficienze derivate dalla corresponsione delle indennità di Cassa Integrazione per gli equ
ipaggi”.

Non quest’anno, sostiene con forza la Giunta di Federpesca: nessuno potrà impedire il disarmo generalizzato delle unità da pesca destinatarie della misura, se gli armatori non incasseranno prima le indennità attese da ben due anni.
“Che ognuno si assuma le proprie responsabilità e faccia il proprio lavoro” continua Giannini, osservando che “le norme escludono l’impresa dal diritto all’indennità anche per un solo giorno di ritardo nel presentare la documentazione richiesta per
l’ammissione all’indennità di fermo, ma poi l’Amministrazione si auto
- concede due anni di ‘flessibilità’ nel pagamento”.
Sulla misura stessa, anticipata dalla Direzione Generale della Pesca in una recente riunione, molte sono le obiezioni provenute dalla Giunta di Federpesca: si continua a riproporre un fermo davvero poco utile, perché non ne sono chiari gli obiettivi di conservazione delle risorse ittiche e pure trascurato l’impatto commerciale sulle
imprese di pesca. Una misura che il Ministero delle Politiche Agricole vorrebbe per di più indennizzare per 26 giornate, a fronte di un’interruzione di 90 giorni, includendo il fermo tecnico.
Neanche chiaro, a tutt’oggi, il meccanismo di erogazione dell’indennità giornaliera prevista per gli equipaggi dalla norma introdotta per il 2017 dalla Legge di stabilità: 30€ lordi al giorno, senza una espressa previsione sugli oneri contributivi, senza un preciso meccanismo di erogazione.

Federpesca da sempre sostiene l’opportunità di una modulazione dello sforzo di pesca, anche per periodi più lunghi, ma che passi attraverso la chiusura generalizzata una adeguata fascia di rispetto
dalla costa, quella maggiormente deputata alla riproduzione ed all’accrescimento di taglia delle specie ittiche. C’è però chi propende per un fermo sempre uguale a se stesso, che impegni risorse
pubbliche teoricamente destinate al parziale ristoro di imprese e lavoratori, ma che si traducono in uno spreco per effetto dei ritardi
e delle inefficienze registrate.
Ciò anche in considerazione del fatto che molte aziende risulteranno comunque escluse per causa della penalizzazione derivante dal feroce sistema sanzionatorio in vigore.
“A questo punto, per gli imprenditori della pesca italiana, meglio lasciare i pescherecci in disarmo a banchina e andare in spiaggia, chiedendo magari ospitalità sotto l’ombrellone dei politici e degli amministratori che portano la responsabilità del settore” conclude amareggiato Giannini.

« Indice

Il Pesce
Anno:

Numero:


Cerca negli articoli di Il Pesce:
Annuario del Pesce e della Pesca
La banca dati che con cadenza annuale costituisce un prezioso strumento di lavoro per gli operatori del settore ittico e acquacoltura.