Edizioni Pubblicità Italia

News di Ottobre 2020, Settore Food


12/10/2020

FEDERALIMENTARE: pillole sull'agroalimentare

Sul fronte export, il settore ha evidenziato nel semestre una variazione del +2.6% sullo stesso periodo 2019, in leggero recupero rispetto al +3,0% dei primi cinque mesi 2019. Si ricorda che, in fatto di ex-port complessivo, questo ha sofferto a giugno 2020 un’ampia flessione su base annua (-12,1%), ap-parsa in progressiva attenuazione rispetto a maggio (-30,4%) e aprile (-41,5%). Anche il grande ag-gregato dell’export ha mostrato a luglio, secondo le anticipazioni Istat, segni di recupero, con un ten-denziale del -7,3%, meno impattante dei segni negativi precedenti.

Si sono dunque registrati, anche a livello internazionale, cali vistosi per l’export alimentare e sono in gran parte legati al taglio dell’Horeca. Tuttavia, si segnalano doti di resilienza di molti mercati, come ad esempio Germania, USA, Francia e Regno Unito.
Nonostante la capacità di assorbimento della crisi, l’alimentare ha sofferto impoverimenti di valore dell’output, non solo a livello nazionale, ma internazionale. Il fatturato alimentare nel corso del 2° tri-mestre dell’anno è diminuito mediamente del -5,5%. A fianco, i progressivi di produzione dell’industria alimentare hanno segnato una media trimestrale del -2,6%: il differenziale tra i trend citati indica una chiara discesa dell’output e un impoverimento del valore prodotto dal settore nel periodo.

Certo è che il consumatore italiano ha esasperato nei mesi scorsi la tendenza al risparmio emersa in modo strutturare in epoca pre-Covid. Le vendite alimentare al dettaglio di luglio sono scese con ten-denziali, rispettivamente, del -1,1% in valore e del -2,4% in volume. Le vendite specifiche dei discount alimentari sono cresciute nel secondo trimestre dell’anno con un passo tendenziale in valore anomalo, superiore al +7% e a luglio si sono poste poco sotto tale soglia.

A questo punto che la scommessa congiunturale del food si gioca, semplificando, su due fronti. Il primo è l’irrobustimento della ripresa e il ritorno a regime del canale Horeca. Esso tuttavia difficil-mente potrà fare a breve, malgrado i sostegni pubblici di recente messi in campo, più di quanto ha già recuperato nel corso dell’estate, col perdurante, netto declino del turismo estero. Il secondo fronte si gioca, invece, sull’alea del contenimento dell’onda di ritorno dei contagi sui nostri migliori mercati di esportazione.
È vero infine che gli sviluppi recenti dei super-dazi americani hanno diradato gli incubi e per l’Italia ad agosto questi sono risultati congelati. Ma la penalizzazione varata nell’ottobre scorso su una platea di circa 500 milioni di export alimentare sul mercato USA (vero traino l’anno scorso di tutto l’export ali-mentare nazionale) è rimasta. Come rimangono, su questo mercato e nel contesto mondiale, troppe ombre e tanta incertezza.


InformaALIMENTARE
Ottobre 2020

« Indice

Premiata Salumeria Italiana
Anno:

Numero:


Cerca negli articoli di Premiata Salumeria Italiana:
Euro Genuine Food
L'Annuario di tutti i DOP, IGP, STG europei dal Produttore al Consumatore