Edizioni Pubblicità Italia

News di Settembre 2020, Settore Food


02/09/2020

Ferrarini: nuova proposta di concordato con la partecipazione del Gruppo Pini e della società pubblica Amco (ex Sga)

Come annunciato negli scorsi giorni, il gruppo Ferrarini ha depositato al Tribunale di Reggio Emilia una nuova proposta di concordato, alternativa alla proposta lanciata dalla cordata Bonterre-Intesa Sanpaolo (vedi EFA News dell'11/8/2020). Secondo 'azienda di salumeria "il piano assicura le migliori condizioni per il rilancio dell'impresa, salvaguarda i livelli occupazionali, evita ricadute negative sull'indotto e soddisfa creditori privilegiati ed in prededuzione integralmente e i creditori chirografari al 33% - differenziati attraverso la formazione di classi - percentuale che, attestata, rende inammissibile la proposizione di concordati concorrenti". Rilancio Industrie Agroalimentari Srl, "società neocostituita e partecipata da Pini Italia, il maggiore operatore in Italia e uno dei principali a livello europeo nel settore della trasformazione di suini, insieme ad Amco (società controllata dal Ministero del Tesoro, ex Sga, ndr), quale partner finanziario, deterrà con l'omologazione l'intero capitale di Ferrarini Spa".

Ferrarini spiega inoltre che Rilancio Industrie Agroalimentari si occuperà della gestione in continuità con il passato, potendo disporre del know-how di produzione e delle consolidate relazioni sia con la Gdo, sia con la rete distributiva rivolta alle vendite al dettaglio. "Sarebbe inutilmente rischioso introdurre fattori aleatori ed intervenire sull'attuale struttura aziendale, già risanata da tempo grazie al tempestivo supporto indiretto del Gruppo Pini, come dimostrano i risultati ottenuti nel recente passato ed in linea con le migliori performance dei concorrenti".


agu - 13136
Reggio Emilia, RE, Italia, 01/09/2020 16:50
EFA News - European Food Agency

« Indice

Premiata Salumeria Italiana
Anno:

Numero:


Cerca negli articoli di Premiata Salumeria Italiana:
Euro Genuine Food
L'Annuario di tutti i DOP, IGP, STG europei dal Produttore al Consumatore