Edizioni Pubblicità Italia

News di Marzo 2020, Settore Food


19/03/2020

Regioni in etichetta: Trentino-Alto Adige al top, volano Molise e Puglia. La classifica dell’Osservatorio Immagino

Vini, pasta, latte, salumi, formaggi, acqua: ben il 10,8% dei 76.290 prodotti alimentari venduti in ipermercati e supermercati italiani riporta in etichetta l’indicazione della regione di provenienza e ha generato oltre 2,34 miliardi di euro di vendite (+2,6% nell’anno terminato a giugno 2019).

A rilevarlo è la sesta edizione dell’Osservatorio Immagino Nielsen GS1 Italy, che ha aggiornato la “classifica” delle regioni in etichetta, sulla base del numero di prodotti a scaffale e del relativo valore delle vendite.

Il Trentino-Alto Adige tiene saldo il primo gradino del podio, sia per numero di prodotti che per giro d’affari (rispettivamente 1,3% e 1,2% del mondo alimentare analizzato), e con un trend di vendita positivo (+2,4%). Seguono, a pari merito per valore di vendita (0,9% del paniere food), Piemonte (+3,1%) ed Emilia-Romagna (+1,3%).

A registrare, però, le migliori performance di vendita è il Molise che vede volare di +28,4% in un anno il sell-out dei prodotti su cui è segnalata in etichetta (pasta in primis). Ottimi risultati anche per Puglia (+13,1%), grazie soprattutto a mozzarelle, pasta e sottoli, e Calabria (+8,7%), con amari, surgelati vegetali e tonno.

Vendite in crescita anche per le altre regioni, ad esclusione di Sardegna, Umbria, Lazio e Abruzzo, che registrano invece lievi cali.



Osservatorio Immagino
osservatorioimmagino.it

(Nuage Comunicazione - Ufficio stampa GS1 Italy)

« Indice

Premiata Salumeria Italiana
Anno:

Numero:


Cerca negli articoli di Premiata Salumeria Italiana:
Euro Genuine Food
L'Annuario di tutti i DOP, IGP, STG europei dal Produttore al Consumatore