Edizioni Pubblicità Italia

News di Aprile 2017, Settore Food


20/04/2017

Export salumi 2016 ancora in crescita: +6,3% in quantità e +4,8% in valore

Crescono nel 2016 le esportazioni di salumi italiani. Secondo le elaborazioni ASSICA (Associazione Industriali delle Carni e dei Salumi aderente a Confindustria) sui primi dati pubblicati da ISTAT nel corso del 2016 il nostro export ha fatto registrare un +6,3% per 173.210 ton e un +4,8% per 1,4 miliardi di euro.

Un ottimo risultato maturato nonostante il rallentamento del commercio mondiale che ha destato molte preoccupazioni soprattutto nella prima metà dell’anno e il crescente ricorso a misure protezionistiche da parte di numerosi paesi terzi.
Particolarmente dinamica nel corso dell’anno è risultata la domanda dei partner comunitari ma, dopo un primo semestre opaco, ha ripreso vigore anche quella dei Paesi terzi. Su quest'ultima ha indubbiamente pesato il calo degli USA, penalizzati dal confronto con il biennio precedente che aveva fatto registrare crescite del 20% anno. Un mercato, quello statunitense, sul quale pesano i timori per le nuove misure protezionistiche annunciate da Trump.
Nel corso del 2016 hanno mostrato un andamento crescente anche le importazioni di salumi, salite a 54.220 ton (+7%) per un valore di 197,7 milioni di euro (+5,7).
Il saldo commerciale del settore ha registrato un incremento del +4,7% per 1,2 miliardi di euro.
Le esportazioni di salumi, inoltre, hanno mostrato, in termini di fatturato, un passo più veloce sia rispetto a quello dell’industria alimentare (+3,6%) sia rispetto a quello generale del Paese (+1,2%).
Una buona performance – ha commentato Nicola Levoni Presidente di ASSICA – ancora più apprezzabile perché arriva in un anno dalle molteplici difficoltà.

Nel 2016, infatti, abbiamo avuto a che fare con ostacoli vecchi, come la chiusura del mercato Russo, ma anche con nuove sfide. Penso a Brexit il cui impatto sull’economia è ancora tutto da verificare ma anche alle crescenti tensioni geopolitiche che nel corso dei mesi hanno aumentato l’instabilità dando nuovo impulso a politiche protezionistiche e nazionalistiche.

Un fenomeno, questo del crescente ritorno al protezionismo, largamente diffuso - basta pensare che dal 2008 al 2016 sono state implementate oltre 4.000 nuove barriere commerciali- e che non ha risparmiato neppure le economie avanzate, primi fra tutti gli Stati Uniti, patria del free trade.

Proprio sul finire dell’anno , infatti, il presidente Trump ha annunciato una forte rifocalizzazione sul mercato interno e un probabile innalzamento dei dazi, un’eventualità che andrebbe a colpire anche importanti prodotti della salumeria, vanificando molti dei risultati raggiunti nel recente passato con il superamento degli ostacoli non tariffari.

Per fronteggiare queste nuove sfide, consapevoli che l’export è un traino irrinunciabile, ASSICA sta lavorando fianco a fianco con le nostre Istituzioni e con quelle Europee per sostenere il fondamentale lavoro che svolgono sia sul fronte tecnico sanitario, sia in ambito commerciale e agroalimentare e non da ultimo sul piano dell’indispensabile diplomazia economica.

Un lavoro questo che non si è mai fermato e che proprio nel corso dei difficili mesi passati ha portato ad importati risultati quali l’apertura del mercato delle Filippine e il riconoscimento da parte della Cina dell’indennità da malattia vescicolare della Macroregione del Nord che pone le basi all’apertura del mercato cinese alle carni suine fresche e ai prodotti a breve stagionatura.


(ASSICA)

« Indice

Premiata Salumeria Italiana
Anno:

Numero:


Cerca negli articoli di Premiata Salumeria Italiana:
Euro Genuine Food
L'Annuario di tutti i DOP, IGP, STG europei dal Produttore al Consumatore