Edizioni Pubblicità Italia

News di Marzo 2016, Settore Food


01/03/2016

Falle nel sistema - Guarinello rilancia: "Serve una direzione nazionale contro i reati alimentari"

"Le leggi ci sono ma non si applicano, risorse e personale specializzato sono poche”. Così dal Festival del Giornalismo di Torino il magistrato in pensione.
La questione è che l’impianto normativo italiano in tema di sicurezza alimentare, che è tra i più avanzati del mondo, “già oggi prevede strumenti potenzialmente efficaci per evitare che le esigenze del commercio prevalgano sul diritto alla salute e alla lealtà commerciale, ma all’atto pratico spesso si riesce a colpire solo chi ha responsabilità “minori”, peraltro arrivando raramente a sentenza, e spesso in prescrizione, nonostante reati accertati”, spiega Raffaele Guariniello.

“Ma non mancano dei buchi, delle falle nel sistema - aggiunge l'ex Pm - prima di tutto perchè molte delle norme che ci sono nella pratica non vengono applicate. Poi perché non c’è, come invece accade nella normativa sulla sicurezza nei luoghi di lavoro, una chiarezza su a chi vanno attribuite le responsabilità individuali di eventuali reati: per esempio, se un’azienda ha più stabilimenti, si colpisce sempre il responsabile dello stabilimento singolo, o peggio del singolo reparto, facendo leva su un sistema di delega che, peraltro, non è obbligatorio che sia scritta e puntuale, senza quasi mai andare ai vertici dell’azienda, tranne che per certi reati come la distribuzione di alimenti non in regola in mense di scuole ed ospedali, come confermato da una recente sentenza della Cassazione. Perchè talvolta i reati che vengono commessi sono episodici o incidentali, altri dipendono da impostazioni strutturali dell’azienda stessa".

E questo - aggiunge Guariniello - dipende anche dal fatto che spesso ci si basa solo sui controlli di polizia, che molte volte si fermano alla documentazione, e ad un parere tecnico del Pm, ma poi non si fanno indagini più approfondite. Anche perchè ci sono pochissime procure specializzate in materia, e con pochissimo personale. Ma se non si lavora meglio sulla responsabilità civile e penale delle singole persone, la risposta giudiziara è ovviamente fragile. E poi ci sono tante altre cose da rivedere, come il comportamento di molti ispettori che avvisano le aziende prima dell’ispezione, o che talvolta sono anche consulenti di azienda, e questo non va bene. Poi è vero che ci sono troppi enti che si occupano di controlli, e che spesso si contraddicono tra loro, come del resto Procure che indagano su uno stesso caso da una parte archiviano e dell’altra rinviano a giudizio, così si crea una gran confusione, e non si arriva a risultati concreti. E questo ha conseguenze devastanti, perché tra le imprese scorrette si diffonde senso di impunità, e tra i consumatori ed i produttori onesti il senso di una giustizia negata che ha effetti negativi pesanti”.

Per questo Guariniello rilancia sull’esigenza “di creare una direzione nazionale che si occupi di reati nell’agroalimentare, che coordini le attività su tutto il territorio del Paese, anche perché certe frodi e truffe, come quella dell’olio extravergine di oliva, per esempio, non possono essere risolte davvero indagando in singoli territori, e perché le poche risorse che ci sono, e che vanno comunque implementate, vanno messe a sistema perché siano davvero efficaci”.


(ANMVI)

« Indice

Premiata Salumeria Italiana
Anno:

Numero:


Cerca negli articoli di Premiata Salumeria Italiana:
Euro Genuine Food
L'Annuario di tutti i DOP, IGP, STG europei dal Produttore al Consumatore