Edizioni Pubblicità Italia

News di Aprile 2020, Settore Carne


02/04/2020

Suinicoltura: scendono anche a marzo prezzi e redditività

Suinicoltura: scendono anche a marzo prezzi e redditività

Migliora la redditività della macellazione, ma solo a livello congiunturale, e prosegue la fase positiva della stagionatura del Parma, nonostante i prezzi fermi dello stagionato

Anche a marzo la situazione della suinicoltura appare negativa. Sia sul fronte dei prezzi, al ribasso, sia dal lato dei costi delle materie prime, in aumento, e dunque sul versante della performance economica che risulta sfavorevole. Come segnala l'indice Crefis di redditività, che a marzo scende del 5,1% rispetto a febbraio (variazione congiunturale); per contro è molto positiva (+29,3%) la variazione tendenziale, cioè rispetto a marzo 2019: una eredità del lungo periodo favorevole vissuto lo scorso anno dagli allevatori di suini.
Passando ai mercati, a febbraio le quotazioni dei suini pesanti da macello del circuito tutelato si sono fermate a 1,527 euro/kg, con un calo del 4,4% su febbraio; così come sono scesi i prezzi dei suini pesanti destinati a prodotti generici: 1,424 euro/kg con una variazione del -4,7% su febbraio. La dinamica positiva del mercato registrata nel corso del 2019 lascia però il segno nelle variazioni tendenziali ancora ampiamente positive: +32,1% e +34% rispettivamente per i suini del circuito tutelato e quelli del non tutelato. Salgono a marzo, seguendo l’andamento tipico stagionale, le quotazioni dei suini da allevamento; i prezzi dei suinetti di 30 kg, in particolare, segnano un aumento del 4,9% rispetto a febbraio, arrivando a 3,875 euro/kg; anche in questo caso la variazione tendenziale è ampiamente positiva: +43,3%.

Recupera ancora, a marzo, la redditività dell'industria di macellazione dei suini. Secondo l'indice Crefis: +7,6% rispetto a febbraio, grazie soprattutto alla diminuzione congiunturale della quotazione dei suini da macello e all’aumento del prezzo dei lombi; a livello tendenziale, tuttavia, il dato è ancora ampiamente sfavorevole: -10,9% marzo 2020 su marzo 2019.
Come accennato, il prezzo dei lombi freschi a marzo si impenna fino a 3,925 euro/kg (taglio Padova), con un balzo del 15% rispetto al mese precedente e del 26,1% su base tendenziale, probabilmente a seguito dell’aumento della domanda presso i punti vendita della GDO determinata dalla pandemia di Covid-19. Scendono invece le quotazioni delle cosce fresche pesanti, sia quelle per prosciutti Dop, che arrivano a 4,058 euro/kg (-5,4% rispetto a febbraio, ma +12,2% su marzo 2019), sia quelle per prosciutti non tipici che si fermano a 3,475 euro/kg (-5,8% e +11% le variazioni congiunturale e tendenziale).

Prosegue a marzo la fase positiva della stagionatura del Prosciutto di Parma. Cresce del 3,1% la redditività delle cosce stagionate pesanti, grazie soprattutto al prezzo relativamente basso del taglio fresco registrato dodici mesi prima, cioè al momento dell'acquisto da parte degli stagionatori. Scende invece la redditività dei prosciutti stagionati generici (-5,6%). Molto buone le variazioni tendenziali: +42,6% per il Parma Dop e +14,5% per i generici. Positivo (+23,9%) risulta anche il gap di redditività a favore della filiera Dop, soprattutto per il prosciutto pesante.
Uno sguardo ai mercati dei prosciutti stagionati: a marzo il prezzo del Parma pesante è risultato stabile a 8,050 euro/kg, con uno scostamento tendenziale del +1,1%. Ferme a marzo anche le quotazioni dei prosciutti generici stagionati; in particolare il prezzo del prodotto di peso 9 kg e oltre non si è mosso da 6,275 euro/kg, per una variazione tendenziale pari a +4,6%.


Cos'è il Crefis
Crefis – Centro ricerche economiche sulle filiere sostenibili dell'Università Cattolica del S. Cuore diretto dl professor Gabriele Canali – svolge un’attività di monitoraggio e analisi delle filiere suinicole, grazie al sostegno fornito dell’Assessorato Agricoltura della Regione Lombardia, Unioncamere Lombardia, della CCIAA di Mantova.
Oltre a questa attività, il Centro collabora attivamente su progetti specifici con diversi enti, organizzazioni,
associazioni e distretti delle filiere suinicole, dai cereali ai salumi.
Ufficio stampa: Stefano Boccoli ufficiostampa@crefis.it


« Indice

Eurocarni
Anno:

Numero:


Cerca negli articoli di Eurocarni:
Euro Annuario Carne
La banca dati Europea del mercato delle carni sempre aggiornata, utile strumento di lavoro per gli operatori del settore lavorazione, commercio e distribuzione carni.