Edizioni Pubblicità Italia

News di Dicembre 2017, Settore Carne


14/12/2017

Campionato italiano di coniglicoltura, 780 conigli in gara… e qualche curiosità su questo piccolo mammifero

Si terranno oggi, 14 dicembre, le valutazioni degli esperti Anci (Associazione nazionale coniglicoltori italiani) per decretare i campioni assoluti di ogni razza in gara al Campionato italiano di coniglicoltura del Registro anagrafico, in programma sabato 16 e domenica 17 dicembre prossimi presso i padiglioni della Fiera di Reggio Emilia.

L’evento, giunto alla sua terza edizione e inserito nella rassegna Aia in Fiera che prevede anche lo svolgimento del 37mo Campionato italiano di colombicoltura, è organizzato da Araer (Associazione regionale allevatori dell’Emilia Romagna) con il patrocinio di Anci.
Circa 780 i soggetti in competizione, in rappresentanza di 39 delle 43 razze iscritte al Registro anagrafico. Ad essi si devono aggiungere 102 allevatori provenienti da ogni parte d’Italia.
Durante i due giorni della rassegna, che culminerà con la premiazione dei vincitori prevista per domenica pomeriggio a partire dalle ore 14.30, visitatori, appassionati e operatori del settore potranno ammirare i migliori esemplari appartenenti alla vasta varietà di razze in gara, suddivise in 4 categorie stabilite in base al peso e alla struttura del pelo dei conigli. Si tratta delle categorie: pesante, media, leggera e a struttura di pelo speciale.
Oggi il coniglio è considerato a tutti gli effetti anche un animale da affezione e soprattutto nelle famiglie con bambini trova una felice collocazione grazie ad un carattere affettuoso e particolarmente incline al gioco.

Contrariamente a quanto in molti pensano, il coniglio non è un roditore, bensì un mammifero lagomorfo erbivoro, infatti nella sua dieta la componente vegetale non deve mai mancare. Riguardo il suo comportamento, forse non tutti sanno che, come il gatto, anche il coniglio fa le fusa e imitando invece il cane, quando dimostra fiducia nei confronti del suo padrone si sdraia a pancia in su. Ognuno di noi, guardando un coniglio, si sarà reso conto che non smette mai di muovere il naso. Il motivo è molto semplice: il continuo movimento del naso misura il suo interesse che è tanto maggiore quanto è più veloce il suo movimento.

Un’altra caratteristica dei conigli riguarda la velocità dei loro spostamenti. È stato calcolato che possono toccare i 55km/h e raggiungere un metro di altezza spiccando un salto, mentre il coniglio più grosso che sia stato mai pesato ha raggiunto i 20 kg.
Particolarmente attenti alla loro pulizia personale, i conigli non devono essere mai bagnati fatta eccezione per casi particolari. Possono inoltre contare su una vista molto acuta che raggiunge i 360 gradi e permette loro di vedere cosa si muove alle loro spalle senza girare la testa. Esiste però nel loro campo visivo un punto cieco davanti al muso, carenza che viene colmata dai peletti presenti sempre sul muso in grado di individuare qualsiasi cosa.

Al Campionato italiano di coniglicoltura del Registro anagrafico in programma sabato 16 e domenica 17 dicembre è tutto pronto per accogliere il pubblico delle grandi occasioni, dove potrà ammirare centinaia di soggetti e chiedere consigli e approfondimenti agli esperti Anci, pronti insieme agli allevatori a rispondere a tutte le domande che verranno loro rivolte.

« Indice

Eurocarni
Anno:

Numero:


Cerca negli articoli di Eurocarni:
Euro Annuario Carne
La banca dati Europea del mercato delle carni sempre aggiornata, utile strumento di lavoro per gli operatori del settore lavorazione, commercio e distribuzione carni.