Edizioni Pubblicità Italia

News di Ottobre 2017, Settore Carne


06/10/2017

Battuta d'arresto nel mercato dei suini, ma la redditività tiene

Dopo mesi di rialzi, il mercato dei suini pesanti da macello ha subito a settembre un lieve cedimento. I prezzi, infatti, sono calati anche se solo lievemente: -0,3% sul mese di agosto, per una quotazione media mensile sulla piazza di Modena pari a 1,769 euro/kg. Si tratta di una diminuzione relativa, tanto che la variazione tendenziale – che offre il confronto con l'anno precedente – è invece positiva: +4,1%. Nonostante questa battuta d'arresto sui mercati, e grazie alla parallela diminuzione, il mese scorso, delle quotazioni della principale materia prima alimentare (il mais, sia nazionale che comunitario, ha subito un calo del 3,6% e dell'1,5% rispettivamente) la redditività dell'allevamento è salita anche a settembre: +1,1% rispetto ad agosto e +4,2% rispetto a settembre 2016.
Nel frattempo prosegue il forte calo del prezzo dei suini da allevamento, arrivato a settembre a 95,175 euro/capo, per un -7,5% su base congiunturale. Anche in questo caso, comunque, i prezzi si mantengono più elevati rispetto allo scorso anno (+16% la variazione tendenziale).

Scende invece la redditività della macellazione di suini. A settembre, infatti, l'indice Crefis segna -3,1% su base congiunturale, e soprattutto -10,8% nei confronti dell'anno scorso.
È l'andamento negativo dei lombi freschi – a settembre, a Modena il prezzo è crollato del 13% – a determinare il calo della remuneratività della macellazione. Perché, al contrario, le cosce fresche per prosciutti hanno fatto registrare, sempre a settembre, variazioni positive, sia a livello congiunturale che tendenziale. A cominciare dalla coscia fresca pesante destinata a prodotto Dop, quotata a settembre 5,490 euro/kg, per un +2,1% rispetto ad agosto. Mentre il prodotto per prosciutto generico ha raggiunto i 4,168 euro/Kg (+0,9%).

Peggiora a settembre anche la redditività della stagionatura dei prosciutti pesanti. L'indice Crefis evidenza infatti -3,4% per il Prosciutto di Parma e -1% per il prosciutto non tutelato. In sensibile calo anche il dato tendenziale: -5,5% per il prodotto Dop e -1% per il prodotto generico, anche se in il dato resta su valori elevati, se si valuta nel lungo periodo. Come conseguenza, anche a settembre – e ormai da mesi – è ulteriormente sceso il differenziale di redditività della stagionatura delle due tipologie di prosciutto; pur rimanendo ancora del 18,8% a favore dei Dop.
Per quanto riguarda il prezzo dei prodotti stagionati, il mese scorso le quotazioni dei prosciutti sono rimaste stabili: 10,550 euro/kg per il Parma Dop pesante e 13,700 euro/Kg per il Prosciutto di San Daniele. Peraltro per il "Parma", la variazione tendenziale risulta ampiamente positiva: +8,2%.


Cos'è il Crefis
Crefis – Centro ricerche economiche sulle filiere suinicole dell'Università Cattolica del S. Cuore diretto dl professor Gabriele Canali – svolge un’attività di monitoraggio e analisi delle filiere suinicole, grazie al sostegno fornito dell’Assessorato Agricoltura della Regione Lombardia, Unioncamere Lombardia, della CCIAA di Mantova.
Oltre a questa attività, il Centro collabora attivamente su progetti specifici con diversi enti, organizzazioni, associazioni e distretti delle filiere suinicole, dai cereali ai salumi.


(CREFIS)

« Indice

Eurocarni
Anno:

Numero:


Cerca negli articoli di Eurocarni:
Euro Annuario Carne
La banca dati Europea del mercato delle carni sempre aggiornata, utile strumento di lavoro per gli operatori del settore lavorazione, commercio e distribuzione carni.