Edizioni Pubblicità Italia

News di Aprile 2017, Settore Carne


06/04/2017

La FVE chiede controlli piú efficaci in macello

La FVE ha diffuso ieri un comunicato stampa per sollecitare migliori e più effettivi controlli al macello.
Il testo conclude che "È fondamentale rafforzare la collaborazione tra pubblico e privato nell’assunzione di responsabilità verso un obiettivo comune: trattare gli animali diretti al macello con rispetto e garantire carni salubri di alta qualità ai consumatori."

La Federazione dei Veterinari Europei (FVE) é scioccata dalle immagini divulgate la scorsa settimana nei notiziari in Belgio in merito ai gravi abusi perpetrati sui suini in un macello. Alcune immagini, inoltre, suscitano seri dubbi sull’idoneità al trasporto di taluni degli animali coinvolti. Sfortunatamente eventi come questo non sono isolati: casi simili di abuso sugli animali sono emersi in altri macelli in altri Paesi d’Europa. Questi gravi, e a quanto pare ripetuti, casi di maltrattamento degli animali sono totalmente inaccettabili.

È difficile credere che casi di crudeltà verso gli animali come quelli riportati la scorsa settimana siano causati solo da singoli individui; è invece probabile che siano segnali di un fallimento nell’intero sistema, con punti di debolezza a vario livello nella catena delle responsabilità, dagli alti livelli direzionali delle aziende fino agli operatori direttamente in contatto con gli animali.
Ovviamente, anche l’ente o agenzia, preposto al controllo non sono stati in grado di prevenire queste deplorevoli pratiche.

Nonostante sia positivo vedere come oggi adeguate misure correttive siano state prese nel macello interessato, è senz’altro necessario che siano messe in atto misure preventive per evitare che simili situazioni possano verificarsi in futuro. C’è oggi un urgente bisogno di aumentare i livelli di consapevolezza, formazione e coinvolgimento, di tutte le persone coinvolte nel trasporto e nella macellazione degli animali. In ogni fase del processo gli animali devono essere considerati e trattati come esseri senzienti, in grado di provare paura, dolore e sofferenza.
Gli animali non dovrebbero mai essere trattati come oggetti.

Inoltre, distributori e consumatori devono comprendere che i prezzi degli alimenti devono essere realistici, e basati sui costi reali. La competizione basata sul prezzo ha effetti negativi sulla modalità con la quale gli animali sono tenuti o allevati, e può arrivare a causare una compromissione della sicurezza alimentare e l'insorgenza di frodi alimentari. Una maggiore enfasi dovrebbe essere posta sulla qualità, compreso il benessere animale. L’aumento della consapevolezza, la promozione di buone pratiche e la definizione di standard saranno di importanza fondamentale.

Le autorità e le istituzioni responsabili per le ispezioni ed i controlli devono ripensare a come assumersi le proprie responsabilità in modo efficace. In questo contesto, la FVE vuole sottolineare le difficoltà della situazione di molti medici veterinari impiegati come veterinari ufficiali in macello.
Troppo spesso riceviamo segnali che indicano come questi siano sotto pressione e non sufficientemente supportati dalla gerarchia responsabile. Ci capita spesso, inoltre, di ricevere segnalazioni inerenti il fatto che non gli sia fisicamente possibile controllare tutti i luoghi che dovrebbero essere controllati. I risultati delle ispezioni veterinarie sono ampiamente dipendenti dalle capacità, autorità e dal supporto della gerarchia dei servizi veterinari.

La FVE si é già espressa in numerose occasioni in riguardo al trend di riduzione del numero di controlli da parte dei veterinari ufficiali. La cessione di ruoli chiave nell’ambito dell’ispezione - come il controllo delle condizioni di salute e benessere animale prima della macellazione – dai medici veterinari ufficiali al personale dipendente del macello metterà a rischio la salute e il benessere animale, e quindi anche la sicurezza dei consumatori in Europa.
La FVE chiede alle autorità ed ai privati della UE e dei Paesi Membri:
- di aumentare la supervisione e l’applicazione dei controlli ufficiali lungo tutta la catena alimentare. L’uso di deroghe non dove essere concesso;
- di migliorare il trattamento degli animali in macello e la sicurezza alimentare;
- di promuovere ad un livello di priorità più elevato, sia nel settore pubblico che privato, la promozione del miglioramento delle performance e di una maggiore responsabilità.

È fondamentale rafforzare la collaborazione tra pubblico e privato nell’assunzione di responsabilità verso un obiettivo comune: trattare gli animali diretti al macello con rispetto e garantire carni salubri di alta qualità ai consumatori.


(Ufficio stampa FNOVI)

« Indice

Eurocarni
Anno:

Numero:


Cerca negli articoli di Eurocarni:
Euro Annuario Carne
La banca dati Europea del mercato delle carni sempre aggiornata, utile strumento di lavoro per gli operatori del settore lavorazione, commercio e distribuzione carni.