Edizioni Pubblicità Italia

News di Settembre 2016, Settore Carne


12/09/2016

TTIP, stop ai negoziati. Ma forse il Trattato non è del tutto fallito

Quello che fino a qualche settimana fa era un timore sembra diventato realtà. I negoziati Usa-Ue sul Trattato di libero scambio, il Ttip, sono falliti. Il primo a darne notizia è stato il vicecancelliere e ministro dell’Economia tedesco, Sigmar Gabriel, sottolineando in un’intervista alla rete tedesca Zdf, che “i negoziati con gli Stati Uniti hanno preso questa direzione perché come europei non possiamo accettare supinamente le richieste americane. Non ci sarà più alcun passo avanti – ha rincarato – anche se nessuno lo vuole ammettere veramente: in 14 round di colloqui le parti non hanno trovato un’intesa su un solo capito dei 27 sul tavolo”.

In un articolo apparso sul sito www.teatronazionale.it il 5 settembre scorso, il direttore, Giuseppe Liberatore, sottolinea che proprio sulle Indicazioni geografiche tra organizzazioni europee che chiedono un riconoscimento effettivo delle IG sul mercato USA e gli stakeholder americani si sono incagliati gli ostacoli maggiori per raggiungere un accordo. Gli Usa, in buona sostanza, pur non essendo contrari in linea teorica al concetto delle IG, affermano che l’uso dei nomi generici che caratterizzano i prodotti alimentari di origine americana non può essere abbandonato perché il business annuale per i produttori statunitensi ammonta a 21 miliardi di dollari. “Non si tratta soltanto di un ritardo – afferma nell’articolo Giuseppe Liberatore – ma di una presa di tempo in attesa di assistere agli sviluppi degli eventi che interesseranno gli Stati Uniti nei prossimi mesi, a cominciare dall’elezione del nuovo Presidente. Se sul mercato cinese il vino australiano cresce a vista d’occhio grazie a un accordo di libero scambio tra i due Paesi entrato in vigore lo scorso dicembre, l’agroalimentare made in Italy vive ancora nel limbo di una trattativa per un Ttip che appare sempre più in alto mare. Questo perché alcuni Paesi Ue contrari impediscono una firma a breve del Trattato, ma anche perché si sta alla finestra ad attendere la linea che deciderà di seguire il nuovo inquilino della Casa Bianca su questo argomento. Per sapere se i negoziati del Ttip andranno avanti anche nei prossimi mesi infatti, dovremo attendere l’esito delle elezioni presidenziali americane e solo una volta inquadrata la linea che intenderà seguire la nuova Presidenza potremo capire se l’accordo ha un futuro. Nel frattempo – ha concluso Liberatore nella sua nota – il lavoro fatto nei round tenutisi fino ad oggi è da considerarsi sospeso”. Non tutto è perduto quindi?

(Fiere di Cremona)

« Indice

Eurocarni
Anno:

Numero:


Cerca negli articoli di Eurocarni:
Euro Annuario Carne
La banca dati Europea del mercato delle carni sempre aggiornata, utile strumento di lavoro per gli operatori del settore lavorazione, commercio e distribuzione carni.