Edizioni Pubblicità Italia

Il Pesce nr. 1, 2021

Rubrica: La Qualità
Articolo di Tepedino V.
(Articolo di pagina 74)

Pesci in cerca di un riconoscimento

In Italia vengono settimanalmente commercializzate nei banchi pescheria del fresco, del congelato e nei reparti del trasformato, oltre 1.200 specie ittiche differenti, per un numero di referenze che supera le dieci migliaia. Eppure, a differenza di altri settori relativi agli alimenti di origine animale, i prodotti ittici continuano a non avere un loro riconoscimento per quanto riguarda marche o marchi particolari.

Anche considerando i prodotti ittici nazionali, che oggi rappresentano circa un terzo rispetto a quelli di importazione, non ci sono ancora specie o produzioni riconosciute e riconoscibili al grande pubblico come “eccellenze” in questo settore.

In effetti, mancano per il prodotto ittico nazionale, e non solo, esempi come nel campo dei formaggi sono rappresentati dal Parmigiano Reggiano Dop o dal Pecorino Romano Dop o, nel campo dei prodotti a base di carne, il Culatello di Zibello Dop e la Coppa di Parma Igp. Questo non vuole dire che nel pesce manchino Dop e Igp, anche se attualmente sono soltanto sei in tutta Italia, ma significa soprattutto che, a mio parere, non si sta ancora puntando, per i prodotti ittici, ad un mercato di “qualità”. E ho indicato il termine qualità tra virgolette per dire che per me, quest’ultima, dovrebbe rappresentare un valore aggiunto che ha un determinato prodotto rispetto al convenzionale.

Questo valore aggiunto chiaramente dovrebbe essere reale e facilmente comunicabile al consumatore.

L’ideale sarebbe che fosse conforme ad una linea guida o a un disciplinare delineato da un comitato tecnico-scientifico, possibilmente disciplinato da una normativa e comunque controllato e dunque verificabile da organi ufficiali competenti. In pratica sarebbe utile che il prima possibile, nell’interesse della correttezza del mercato e della tutela del consumatore, si cominciasse anche per il settore ittico a delineare un sistema di norme utili a garantire non soltanto la qualità igienico-sanitaria e una corretta tracciabilità come già oggi avviene, ma anche una qualità relativa ad aspetti ulteriori e definita da “capitolati o linee guida istituzionali” che chiariscano in modo più oggettivo il reale valore aggiunto di un determinato prodotto.

Sarebbe auspicabile, a mio parere, che in futuro diventi un modello ciò che si fa in linea di massima per i “Sistemi europei di Qualità”, istituiti infatti per identificare con chiarezza, autorevolezza e trasparenza prodotti che contengono qualità specifiche rispetto ad altri prodotti della medesima categoria.

Non tutti i prodotti ittici e le rispettive loro produzioni sicuramente possono ambire o ha senso che diventino Dop o Igp ma è anche vero che è alquanto sconcertante nel 2020 avere soltanto sei prodotti ittici riconosciuti come tali in tutta Italia: tre Igp (Acciughe sotto sale del Mar Ligure, Salmerino del Trentino, Trote del Trentino) e tre Dop (Cozza di Scardovari, Tinca Gobba Dorata del Pianalto di Poirino, Colatura di Alici di Cetara).

Una certificazione di questo tipo, se compresa correttamente dal produttore e comunicata altrettanto bene sul mercato, diventa una chiave per creare un enorme valore aggiunto al prodotto in termini di marginalità ma anche di riconoscibilità dentro e fuori i confini italiani, oltre che di tutela rispetto ad eventuali concorrenze sleali da parte di prodotti proposti come simili.

Gli aspetti positivi dunque per investire in questa direzione sono numerosi e comunque, anche la recente e non conclusa pandemia determinata dal Covid-19, ha fatto da acceleratore in merito ad una ormai necessaria svolta del settore ittico per quanto riguarda l’importanza di una “qualità” più autorevole e più oggettiva.

Oggi, anche non parlando di Indicazioni Geografiche, se non si fornisce al prodotto ittico italiano un valore aggiunto di qualsiasi tipo, non si riuscirà, secondo me, a competere in modo importante sul mercato nazionale ed internazionale.

Di sicuro l’Italia, sia per l’acquacoltura che per la pesca, dovrà mirare a costruire dei capitolati utili a dare una nuova consistenza alla parola qualità e anche a garantirla meglio e a renderla nazionale al fine che si possa davvero parlare in futuro del made in Italy come di qualità comprovata per quanto riguarda determinate produzioni ittiche.

L’Italia infatti, non potendo competere né per quantità di prodotti ittici né per costi di produzioni con la maggioranza degli altri Paesi, potrà valorizzare il proprio patrimonio ittico e convincere anche le nuove generazioni di imprenditori a scommettere su questo settore puntando su una produzione di qualità concreta e garantita. Poi sarà dunque possibile promuovere, valorizzare e difendere con maggiore facilità anche il nostro made in Italy ittico.

Valentina Tepedino

Fondazione Qualivita

Consortium n. 4/2020

www.qualivita.it

 

Altre notizie

 

Foody 2025: al lavoro per la realizzazione di una nuova piattaforma logistica all’interno del Mercato Agroalimentare di Milano

Sogemi, società che gestisce il Mercato Agroalimentare di Milano, ha concesso, ad esito di una procedura di gara alla società Prologis, leader nel settore immobiliare per la logistica, il diritto di superficie su un’area complessiva di 25.780 m2 per la realizzazione di una piattaforma logistica agroalimentare. L’operazione è un esempio di partnership virtuosa tra pubblico e privato, il primo caso di last mile logistic per la realizzazione di una piattaforma agroalimentare di 12.000 m2 collocata in un’area limitrofa al centro della Città di Milano. «Sogemi prosegue nel rilancio e nello sviluppo del Mercato Agroalimentare di Milano» ha dichiarato Cesare Ferrero, presidente Sogemi. «Il rafforzamento delle infrastrutture di logistica di supporto ai Mercati Ortofrutticolo, Ittico, Carni e Fiori rappresenta un’opportunità straordinaria per incrementare la centralità di Foody nel sistema distributivo e commerciale di Milano e della Lombardia. Ansiosi di avviare al più presto un nuovo progetto di rigenerazione urbana per ridare vita ad un angolo dimenticato del Mercato Agroalimentare — ha affermato Davide Rosina, direttore di Prologis — e dimostrare l’importanza della city logistics quando questa è localizzata strategicamente all’interno della cerchia della tangenziale di Milano». La nuova piattaforma rientra nel più ampio progetto “Foody 2025” finalizzato al completo rinnovamento del Mercato Agroalimentare di Milano. In tal senso i lavori avanzano come da programma: il cantiere nell’area dell’attuale Mercato Ortofrutticolo è operativo e a dicembre sono state completate le opere di demolizione delle tettoie dove sorgerà la Piattaforma Logistica Ortofrutta, che sarà realizzata entro la fine del 2021. Prosegue dunque il progetto che ha l’obiettivo di trasformare il Mercato Agroalimentare di Milano Agroalimentare di Milano nel più importante Hub agroalimentare italiano e che prevede in una prima fase un investimento di 100 milioni di euro per realizzare il nuovo mercato ortofrutticolo da completarsi entro il 2023 e una seconda fase per la realizzazione di strutture logistiche produttive e terziarie di supporto all’area Mercatale.

>> Link: www.foodymilano.it

Photogallery

Il Pesce
Anno:

Numero:


Cerca negli articoli di Il Pesce:
Annuario del Pesce e della Pesca
La banca dati che con cadenza annuale costituisce un prezioso strumento di lavoro per gli operatori del settore ittico e acquacoltura.