Edizioni Pubblicità Italia

Il Pesce nr. 1, 2021

Rubrica: Indagini
(Articolo di pagina 76)

Il mercato ittico dell’UE

Parte I - Consumi

Quadro generale per i prodotti della pesca e dell’acquacoltura

Nel 2018, il consumo apparente di prodotti della pesca e dell’acquacoltura nell’UE è stato di 12,48 milioni di tonnellate di peso vivo, il 2% in meno rispetto al picco decennale di 12,78 milioni di tonnellate registrato nel 2016. Per consumo apparente (totale e pro capite) si intende la quantità totale di prodotti ittici (catturati + allevati) consumati nell’UE. Il consumo pro capite si riferisce invece al totale consumato da ciascun cittadino dell’UE. Dal 2017 al 2018, il consumo pro capite è sceso da 24,79 kg a 24,36 kg, il che significa che i cittadini dell’UE hanno consumato in media 430 grammi in meno di prodotti della pesca e dell’acquacoltura. I prodotti della pesca coprono i tre quarti del consumo apparente totale. Nel 2018, il loro consumo pro capite è stato di 18,09 kg, in calo di 351 grammi rispetto al 2017 e appena inferiore al consumo medio negli ultimi dieci anni (2009-2018). Anche se in lieve calo rispetto al 2017 (–1% o –80 grammi), il consumo di prodotti dell’acquacoltura si è attestato a 6,27 kg pro capite nel 2018, ossia ad un livello esattamente uguale alla sua media decennale. Secondo le stime di EUMOFA e delle fonti nazionali, in contrasto con l’andamento generale a livello UE28, si è osservato un aumento del consumo apparente pro capite molto significativo a Malta grazie all’aumento delle importazioni.

 

Tonno

Nel corso del decennio 2009-2018, di tutti i prodotti catturati e allevati consumati nell’UE, nessuno ha mai raggiunto un livello annuale di consumo apparente superiore a 3 kg pro capite fino agli anni 2017 e 2018, quando il tonno ha toccato i picchi di 3,06 (2017) e 3,05 (2018) kg pro capite. Si tratta prevalentemente di tonno in scatola e più specificatamente di tonnetto striato e tonno pinna gialla. Il consumo di tonno nell’UE dipende in larga parte dalle importazioni, ma anche dalla produzione interna, e più in particolare dalle catture spagnole e francesi. Da notare però che la maggior parte del tonno catturato viene sbarcata all’estero in prossimità delle zone di pesca, dove subisce processi di trasformazione prima di essere riesportato. L’incremento di consumo che ha avuto luogo dal 2016 al 2017 è stato infatti trainato sia dalle importazioni che dalle catture.

 

Pesci demersiali (merluzzo nordico e carbonaro, pollack d’Alaska, nasello)

Oltre un quinto del consumo di prodotti ittici nell’UE comprende quattro specie demersali: il merluzzo nordico, il pollack d’Alaska, il nasello e il merluzzo carbonaro. Il consumo di merluzzo nordico ha seguito un andamento crescente nel periodo 2009-2018. Negli ultimi due anni, tuttavia, è diminuito, sia per effetto di un calo delle importazioni (la fonte di approvvigionamento principale di questa specie) sia a causa di una riduzione delle catture. Per quanto riguarda il pollack d’Alaska, la disponibilità di tale specie sul mercato UE nel 2009 e nel 2010 è stata più limitata, in corrispondenza di una riduzione delle quote di pesca negli Stati Uniti ad una media di circa 950.000 tonnellate. Da quando nel 2011 le quote di pesca negli Stati Uniti hanno mostrato una risalita, raggiungendo 1.367.000 tonnellate, il consumo apparente nell’UE è tornato ai livelli del 2008, attestandosi ad una media di 1,63 kg pro capite nel periodo 2011-2018. Il consumo di nasello è rimasto pressoché stabile dal 2009 al 2018, attestandosi intorno ad 1 kg pro capite, in linea con la stabilità delle importazioni e della produzione. Il merluzzo carbonaro è il meno consumato tra i demersali, e il suo consumo ha seguito un andamento negativo nel decennio in esame, in linea con la riduzione della produzione e delle importazioni.

 

Piccoli pelagici (aringa, sgombro, sardina, spratto)

La disponibilità di piccoli pelagici sul mercato UE è fondamentalmente legata all’andamento delle loro catture. L’aringa è la specie più consumata di questo gruppo di prodotti. Dal 2009 al 2018, i cittadini dell’UE hanno consumato in media 1,14 kg pro capite di aringa all’anno. Il calo del 2014 è da ricollegarsi sia alla diminuzione delle catture tedesche (in calo di 18.502 tonnellate dal 2013 al 2014) sia, soprattutto, all’aumento delle esportazioni (cresciute di 85.886 tonnellate dal 2013 al 2014). Per quanto riguarda lo sgombro, la sardina e lo spratto, nello stesso decennio il consumo annuo non ha mai superato il livello di 1 kg pro capite. Per lo spratto, in particolare, dal 2012 il consumo segue un andamento crescente, grazie ad una stabilità delle catture e alla progressiva riduzione delle esportazioni.

 

Salmonidi (salmone, trota)

Il salmone è di gran lunga la specie ittica più consumata nell’UE tra quelle allevate. Nel 2018, rappresentava il 36% del consumo apparente totale di prodotti dell’acquacoltura. Dopo il picco decennale di quasi 2,30 kg pro capite raggiunto nel 2015, il suo consumo apparente ha iniziato gradualmente a ridursi, così come le importazioni di salmone dalla Norvegia. Per la trota, invece, il consumo apparente nell’UE si è mantenuto intorno ai 400 grammi pro capite annui nel corso del decennio analizzato, in linea con una sostanziale stabilità della produzione acquicola negli Stati Membri principali.

 

Altri prodotti (gamberi, cozza, calamaro, surimi)

Il consumo di gamberi comprende parti uguali di prodotti catturati e prodotti allevati, e si basa in gran parte sulle importazioni dall’Ecuador, dall’India, dal Vietnam, dalla Tailandia, dall’Indonesia, dall’Argentina e dalla Groenlandia. La cozza è tra i prodotti d’allevamento più consumati nell’UE, seconda solo al salmone. Le cozze consumate nell’UE sono di produzione spagnola. Infatti, la ripresa registrata dal consumo totale di cozze (catturate e allevate) è avvenuta proprio nel 2014, anno in cui l’acquacoltura spagnola ha manifestato una risalita dopo il crollo del 2013 causato da episodi di “marea rossa” (fioriture algali). Ciononostante, sebbene la produzione spagnola sia aumentata dal 2017 al 2018, il consumo è diminuito nel 2018, essenzialmente a causa della diminuzione delle catture danesi di cozza atlantica e della diminuzione delle importazioni di cozza dal Cile e dalla Nuova Zelanda. Per quanto riguarda il calamaro, il consumo apparente registrato nel 2018, ovvero 660 grammi pro capite, è stato il più basso del decennio analizzato, in linea con le minori catture spagnole di totano atlantico. Infine, per quanto riguarda il surimi, poiché è costituito da specie diverse e non esistono statistiche che si riferiscano specificamente alla sua produzione, il consumo apparente viene assunto sottraendo le esportazioni dalle importazioni. L’UE si approvvigiona di surimi prevalentemente dagli Stati Uniti, quindi l’aumento di consumo apparente nell’UE dal 2017 al 2018 è il mero effetto di un aumento delle importazioni.

 

Spesa delle famiglie e prezzi

Nel 2019, la spesa delle famiglie dell’UE per i prodotti della pesca e dell’acquacoltura ha raggiunto 56,6 miliardi di euro, con un aumento del 3% rispetto al 2018. Anche rispetto al livello di dieci anni prima, tenendo conto degli effetti dell’inflazione, è cresciuta del 3%. Dal 2018 al 2019, le famiglie di tutti i paesi dell’UE hanno speso di più per l’acquisto di prodotti della pesca e dell’acquacoltura. In termini assoluti, la Spagna ha registrato l’incremento di spesa totale più significativo, con un aumento di 228 milioni di euro. L’Italia è sempre stata lo Stato Membro con il livello di spesa totale più elevato ed il Portogallo quello con la spesa pro capite più alta. Da notare che nel 2019, l’importo pro capite speso in Portogallo per l’acquisto di prodotti della pesca e dell’acquacoltura, ovvero 371 euro, ha superato di tre volte la media UE (cioè 110 euro).

 

Prodotti della pesca e dell’acquacoltura vs carne e totale dei prodotti alimentari

Nell’UE, nessun Paese ha una spesa per prodotti della pesca e dell’acquacoltura superiore a quella per la carne. Nel 2019, in media, le famiglie hanno speso circa un quarto dell’importo speso per la carne — che è stato di 229 miliardi di euro — per l’acquisto di prodotti della pesca e dell’acquacoltura. Il Portogallo è lo Stato Membro in cui il rapporto tra le due categorie è più equilibrato. Nel 2019, la spesa per prodotti della pesca e dell’acquacoltura in Portogallo ha rappresentato il 47% dell’importo totale speso sia per i prodotti ittici che per la carne. Lo squilibrio più accentuato si è osservato in Ungheria, dove la spesa per i prodotti della pesca e dell’acquacoltura ha rappresentato il 5%, e la Romania, dove ha rappresentato l’8%. I tre Paesi primi per consumo di pesce — Italia, Spagna e Francia — hanno mostrato modelli di spesa diversi. In Italia, la spesa per prodotti della pesca e dell’acquacoltura è stata tre volte inferiore a quella per la carne, in Spagna è stata due volte più bassa e in Francia quattro volte più bassa. Dal 2010 al 2019, i prezzi al consumo dei prodotti della pesca e dell’acquacoltura sono aumentati in media del 3% all’anno, un tasso di crescita superiore a quello del 2% registrato sia dal prezzo della carne sia dal prezzo medio dei prodotti alimentari in generale. Dal 2011 al 2013, i prezzi dei prodotti ittici, della carne e in generale i prezzi medi dei prodotti alimentare sono aumentati a tassi di crescita simili, ma a partire dal 2014 essi hanno seguito degli andamenti diversi. Quelli dei prodotti ittici hanno registrato un forte rincaro e, nel 2019, si sono attestati ad un livello superiore del 14% a quello che avevano registrato nel 2013. Tale incremento è in linea con l’aumento dei prezzi all’importazione, essendo la domanda dell’UE soddisfatta essenzialmente attraverso le importazioni. Nello stesso periodo sono cresciuti anche i prezzi della carne e in generale quelli dei prodotti alimentari, anche se ad un ritmo molto più lento. È inoltre interessante notare che dal 2018 al 2019 la spesa per prodotti della pesca e dell’acquacoltura è cresciuta del 2,5%, ossia ad un tasso superiore a quello al quale sono aumentati i prezzi di tali prodotti (+1,7%). Non era stato così nel 2018, quando l’incremento di spesa rispetto al 2017 (+1,8%) era stato inferiore all’incremento dei prezzi (+2,2%). Si potrebbe quindi desumere che le famiglie dell’UE abbiano acquistato più prodotti della pesca e dell’acquacoltura nel 2019 rispetto al 2018 e che invece l’aumento della spesa registratosi dal 2017 al 2018 sia sostanzialmente effetto dell’inflazione. Ciò è confermato dalle stime EUMOFA, che vedono una diminuzione del consumo apparente dell’UE di prodotti della pesca e dell’acquacoltura dal 2017 al 2018.

 

Rilevanza per stato di conservazione

Nell’ambito delle statistiche sulla spesa delle famiglie per i prodotti della pesca e dell’acquacoltura, Eurostat fornisce “quote della spesa totale per il consumo finale delle famiglie in termini monetari”. Di tutti i beni e i servizi acquistati dalle famiglie dell’UE, i prodotti della pesca e dell’acquacoltura coprono meno dell’1%, il che significa che la rilevanza di tali prodotti è di quattro volte inferiore alla rilevanza della carne. Dal 2018 al 2019, sono leggermente diminuite sia la quota di spesa per i prodotti della pesca e dell’acquacoltura sia la quota di spesa per la carne, contribuendo al calo generale della quota di spesa per prodotti alimentari. Per quanto riguarda in particolare i prodotti della pesca e dell’acquacoltura, la quota di spesa è aumentata solo per la categoria dei congelati. Tale incremento ha interessato più marcatamente l’Ungheria e, in misura minore, la Slovacchia e Malta. La riduzione della quota di spesa per i prodotti freschi o refrigerati, che sono i più rilevanti, è stata avvertita soprattutto in Ungheria, Germania, Danimarca, Polonia e Lussemburgo.

 

Consumo di prodotti ittici freschi da parte delle famiglie

Il consumo di prodotti della pesca e dell’acquacoltura freschi è analizzato per 12 Stati Membri dell’UE, ovvero Germania, Danimarca, Spagna, Francia, Ungheria, Irlanda, Italia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Svezia e Regno Unito. Insieme, essi hanno rappresentato l’87% della spesa totale dell’UE per prodotti della pesca e dell’acquacoltura nel 2019. Nel periodo analizzato (2015-2019), i consumi delle famiglie in questi Paesi sono diminuiti di anno in anno fino al 2018, per poi mostrare una ripresa lieve ma incoraggiante dal 2018 al 2019 (+4.780 tonnellate o +0,3%). L’andamento in termini di valore è stato fluttuante: pressoché stabile dal 2015 al 2016, in calo del 20% un anno dopo, e in ripresa dal 2017 al 2018 (+24%). Dal 2018 al 2019, grazie agli incrementi di consumo registrati in tutti i Paesi oggetto dell’analisi, il consumo totale è aumentato del 3% (+362 milioni di euro), anche se più moderatamente rispetto all’anno precedente. Mentre nel 2018 il consumo era diminuito rispetto all’anno precedente in 8 dei 12 Paesi analizzati, nel 2019 l’andamento negativo ha interessato solo tre paesi: Polonia (–4% o –2.282 tonnellate), Spagna (–2% o –10.708 tonnellate) e Francia (–2% o –3.270 tonnellate). In Germania è rimasto quasi invariato (–0,2% o –101 tonnellate). Il salmone è il prodotto ittico fresco più consumato dalle famiglie di ciascuno dei Paesi monitorati. Dal 2018 al 2019 il consumo di salmone fresco è cresciuto in ogni Paese: l’aumento medio totale è stato dell’11% in volume e del 10% in valore e ha fatto registrare i picchi quinquennali di 181.184 tonnellate e 2,65 miliardi di euro. Il prezzo medio è stato di 14,65 €/kg, leggermente inferiore rispetto al 2018. Il consumo di nasello ha proseguito l’andamento negativo iniziato nel 2017 in tutti e cinque i Paesi in cui è monitorato (Spagna, Italia, Portogallo, Francia e Irlanda); la diminuzione più significativa è stata riportata dalla Spagna (–11%).

 

Focus sui primi tre Paesi consumatori: Spagna, Italia e Francia

La Spagna, l’Italia e la Francia sono i primi tre consumatori: essi rappresentano quasi l’80% del volume totale dei prodotti della pesca e dell’acquacoltura freschi consumati dalle famiglie nei 12 Paesi in esame.

 

Spagna

La Spagna è il Paese col maggior consumo di prodotti ittici freschi da parte delle famiglie. Nel 2019, esso ha raggiunto 590.559 tonnellate, per un valore totale di 4,70 miliardi di euro, corrispondenti a circa il 40% del consumo totale delle famiglie nei 12 paesi esaminati. Negli ultimi cinque anni, il consumo ha seguito un trend negativo, ma dal 2018 al 2019 ha registrato una ripresa in termini di valore (+52 milioni di euro). Con 78.283 tonnellate, il nasello si conferma la specie più consumata, sebbene il suo consumo segua un andamento negativo dal 2016 e sia diminuito dell’11% dal 2018 al 2019. Il prezzo ha raggiunto un picco di 7,90 €/kg, ma il valore complessivo è sceso del 10% fino a raggiungere il livello più basso del quinquennio analizzato (618 milioni di euro). Tra il 2018 e il 2019, tra le specie principali, solo il consumo di salmone, orata e sogliola ha registrato un aumento (rispettivamente +11%, +12% e +2%). I prezzi sono aumentati, anche se leggermente, per la sardina (+8%, da 4,65 €/kg a 5,03 €/kg, a causa di una diminuzione del 12% in volume), per la sogliola (+4%, da 9,67 €/kg a 10,09 €/kg) e per il nasello (+2%, da 7,77 €/kg a 7,90 €/kg); sono inoltre stati osservati lievi abbassamenti del prezzo del salmone (–3%, da 10,49 €/kg a 10,18 €/kg) e dell’orata (–1%, da 7,85 €/kg a 7,75 €/kg).

 

Italia

Il consumo di prodotti della pesca e dell’acquacoltura freschi delle famiglie in Italia rappresenta quasi un quarto del totale dei 12 paesi esaminati. A partire dal 2015, ha mostrato un andamento altalenante. Dal 2018 al 2019 è aumentato del 2% sia in volume che in valore: quest’ultimo ha raggiunto un picco quinquennale di 3,21 milioni di euro per 319.488 tonnellate. Il consumo delle due specie fresche più popolari, ossia l’orata e la cozza, è aumentato leggermente dal 2018 al 2019: tuttavia, per l’orata, tale incremento ha portato ad un picco quinquennale, e ha determinato una riduzione del 3% del prezzo (passato da 9,56 €/kg a 9,23 €/kg). Il consumo di salmone è cresciuto del 5%, raggiungendo un massimo quinquennale sia in termini di volume che di prezzo (14,92 €/kg, +2% rispetto al 2018). Il consumo di acciuga è diminuito (–3%), fino a toccare il livello più basso degli ultimi cinque anni, a causa di un rincaro del 3% (da 6,17 €/kg a 6,39 €/kg). Per la spigola si sono registrate diminuzioni del 4% sia nel volume che nel prezzo, quest’ultimo sceso da 9,95 €/kg a 9,55 €/kg.

Meritano di essere citati anche il calamaro e il polpo, che sono tra le cinque specie di valore commerciale più elevato consumate in Italia. Entrambi hanno visto un aumento dei consumi e dei prezzi tra 2018 e 2019, che hanno determinato un incremento significativo del valore complessivo, cresciuto del 12% (per i calamari) e del 31% (per i polpi).

 

Francia

Il consumo di prodotti della pesca e dell’acquacoltura freschi in Francia ha registrato una tendenza al ribasso negli ultimi cinque anni, mentre il valore totale ha subito delle fluttuazioni. Nel 2019, esso si è attestato a 205.174 tonnellate (–2% dal 2018) e 2,38 miliardi di euro (+2%). Nel 2019, il consumo di merluzzo nordico e di rana pescatrice ha raggiunto il livello più basso degli ultimi cinque anni, con cali rispettivamente del 10% e del 16% dal 2018. Per entrambe le specie, i prezzi hanno raggiunto dei picchi quinquennali, con aumenti del 5% ciascuno, fino a raggiungere 16,68 €/kg (per il merluzzo nordico) e 17,92 €/kg (per la rana pescatrice). Tra le specie più consumate, dal 2018 al 2019, si è registrato un aumento del consumo di salmone (+7%) e di trota (+5%), entrambi accompagnati da rincari: il prezzo del salmone è cresciuto del 2% (da 18,28 €/kg a 18,73 €/kg), mentre quello della trota è cresciuto del 4% (da 13,81 €/kg a 14,40 €/kg, che è stato un picco quinquennale).

Per quanto riguarda il merluzzo carbonaro, il consumo è diminuito di un leggero 2% e il prezzo è cresciuto del 6% (da 9,50 €/kg a 10,09 €/kg). Il consumo di orata è diminuito dell’8% e il suo prezzo è aumentato del 2%, raggiungendo il picco quinquennale di quasi 12,00 €/kg.

 

Tendenze principali negli altri Paesi

 

Germania

L’andamento negativo del consumo iniziato nel 2017 è proseguito nel 2018 e nel 2019, registrando però un rallentamento, in quanto il decremento dal 2018 al 2019 è stato solo dello 0,2% (–101 tonnellate). Nel 2019, per contro, si è registrata una crescita del 6% in valore (+50 milioni di euro), trainata dagli aumenti registrati per il salmone ed il merluzzo nordico. Nel 2019, il valore del consumo di salmone e del merluzzo nordico, che rappresentano quasi la metà del valore totale del consumo di prodotti ittici freschi delle famiglie, ha continuato a crescere (rispettivamente del 18% e del 15% in confronto al 2018). Per il merluzzo nordico, l’aumento è da ricollegarsi al picco quinquennale toccato dal prezzo, che ha raggiunto 18,56 €/kg, mentre per il salmone l’aumento è stato dovuto all’aumento dei volumi, in quanto il prezzo è leggermente diminuito, attestandosi a 17,89 €/kg.

 

Regno Unito

Dopo il calo registrato dal 2016 al 2017, il consumo di prodotti della pesca e dell’acquacoltura freschi da parte delle famiglie è apparso in ripresa dal 2018 al 2019. L’aumento osservato nel 2019 rispetto all’anno precedente è stato del 6% in termini di volume (+2.748 tonnellate), che ha così raggiunto un picco quinquennale ed è stato accompagnato da un incremento del 4% in valore (+28 milioni di euro). Il salmone ha trainato l’andamento generale, poiché è di gran lunga la specie più consumata nel Regno Unito, rappresentando i due terzi del consumo totale.

 

Paesi Bassi

Il consumo domestico di prodotti ittici freschi nei Paesi Bassi è rimasto stabile nei cinque anni analizzati, oscillando tra 32.338 tonnellate e 33.396 tonnellate. Dopo il calo registrato nel biennio 2017-2018, è aumentato del 3% dal 2018 al 2019 (+969 tonnellate). In termini di valore, ha raggiunto un picco quinquennale, grazie ad una crescita del 6% (+32 milioni di euro).

Il salmone, la specie più consumata nei Paesi Bassi, ha trainato la tendenza generale: il suo consumo ha seguito una tendenza al rialzo negli ultimi cinque anni, aumentando del 15% tra 2018 e 2019. Nonostante il prezzo sia diminuito del 3%, il suo valore complessivo è cresciuto del 12% fino a raggiungere un picco quinquennale.

Pur essendo prodotti poco popolari nei Paesi Bassi (coprono circa il 5% dei volumi totali), vale la pena menzionare l’aumento del consumo di gamberi: quello della specie Crangon in particolare è cresciuto del 54% in volume e del 31% in valore, mentre quello di altre specie di gamberi è aumentato del 22% sia in volume che in valore.

 

Portogallo

Sia il volume che il valore del consumo di prodotti ittici freschi da parte delle famiglie sono cresciuti dal 2018 al 2019, rispettivamente del 14% (+6.970 tonnellate) e dell’11% (+37 milioni di euro). L’aumento di volume ha riguardato tutte le specie principali, in particolare il pesce sciabola ed il polpo (rispettivamente, +50% e +48%). Quello dell’orata, la specie più popolare, è stato del 10%, accompagnato da un calo in termini di valore (–3%) legato a sua volta ad una diminuzione del 12% del prezzo, passato da 6,38 €/kg nel 2018 a 5,65 €/kg nel 2019, il più basso registrato dal 2015.

 

Polonia

Nel 2019, il consumo di prodotti della pesca e dell’acquacoltura freschi delle famiglie ha raggiunto il livello più basso degli ultimi cinque anni, con una diminuzione del 4% rispetto al 2018 (–2.282 tonnellate), mentre il suo valore è aumentato del 3% (+9 milioni di euro). Tutte le specie più consumate (lo sgombro, il salmone, la carpa e la trota) hanno toccato i rispettivi prezzi più elevati del periodo 2015-2019.

 

Irlanda

Nel periodo 2015-2019, il consumo di prodotti della pesca e dell’acquacoltura freschi da parte delle famiglie raggiunto nel 2019 è stato il più elevato, sia in termini di volume che di valore, grazie ad aumenti del 9% (+1.149 tonnellate) e del 3% (+5 milioni di euro) rispetto al 2018, trainati principalmente dal consumo di salmone (la specie più consumata). Il salmone ha rappresentato più della metà del valore totale e il 43% dei volumi totali consumati nel 2019. Rispetto al 2018, il suo consumo è cresciuto del 6% in volume e del 5% in valore, nonostante un lieve calo del prezzo. Da notare inoltre che l’Irlanda è stato il Paese che ha registrato l’aumento più significativo del consumo di gamberi dal 2018 al 2019. Infatti, mentre nel 2018 questi prodotti rappresentavano solo il 5% dei volumi totali del consumo irlandese, la loro quota è cresciuta fino al 10% nel 2019, con un incremento del consumo di oltre 860 tonnellate (+145%).

 

Svezia

In Svezia, il picco di consumo di prodotti della pesca e dell’acquacoltura freschi — sia in volume sia in valore — è stato raggiunto nel 2015. Dopo tre anni di andamento negativo, nel 2019 i volumi hanno registrato una ripresa con un aumento del 6% rispetto al 2018 (+507 tonnellate). Anche in termini di valore, il consumo è aumentato del 6% (+7 milioni di euro). Oltre il 60% del consumo totale è rappresentato dal salmone, il cui consumo è aumentato del 16% in volume e del 15% in valore.

 

Danimarca

Nel 2019, il consumo di prodotti ittici freschi da parte delle famiglie ha raggiunto picchi quinquennali sia in volume che in valore, con una crescita rispettivamente del 6% (+713 tonnellate) e del 9% (+16 milioni di euro) in confronto al 2018. Tutti i prodotti hanno registrato incrementi di valore dal 2018 al 2019, fatta eccezione per una leggera diminuzione osservata per la trota. Il consumo di salmone, in aumento dell’11% in volume e del 14% in valore, copre oltre i due terzi del consumo totale.

 

Ungheria

Nel 2019, il consumo di prodotti della pesca e dell’acquacoltura freschi da parte delle famiglie ha raggiunto picchi quinquennali sia in volume che in valore. Rispetto al 2018, i volumi sono aumentati del 14% (+760 t) mentre il valore totale è cresciuto dell’11% (+3 milioni di euro).

 

Vendite al dettaglio e consumo extradomestico

L’industria della pesca e dell’acquacoltura fornisce pesce e frutti di mare ai consumatori attraverso diversi canali di vendita: il commercio al dettaglio, che comprende le pescherie e la Grande Distribuzione Organizzata (GDO); i servizi di ristorazione, che includono catering e ristoranti; ed i canali istituzionali, che comprendono scuole, mense, ospedali e carceri. Questi ultimi (ovvero la ristorazione ed i canali istituzionali) saranno qui denominati “consumo extradomestico”. In questa sezione vengono analizzati il commercio al dettaglio ed il consumo extradomestico di prodotti della pesca e dell’acquacoltura non trasformati nei cinque principali paesi consumatori dell’UE, ovvero Germania, Spagna, Francia, Italia e Regno Unito. Inoltre, viene analizzato il consumo extradomestico di prodotti trasformati attraverso servizi di ristorazione in tutti i Paesi dell’UE.

 

Vendite al dettaglio di prodotti non trasformati

Il commercio al dettaglio è il canale di vendita principale per i prodotti della pesca e dell’acquacoltura non trasformati in tutti e cinque i Paesi esaminati. Nel 2019, la Spagna ha registrato le vendite al dettaglio di prodotti ittici non trasformati più elevate, con 790.400 tonnellate. Tuttavia, esse si sono ridotte del 4% rispetto al 2018, toccando il livello più basso osservato nel Paese negli ultimi 15 anni, a causa di un crollo del 26% rispetto al 2005 delle vendite al dettaglio di pesci pinnati (–180.000 tonnellate). Dal 2018 al 2019, le vendite al dettaglio di prodotti ittici non trasformati sono leggermente diminuite anche in Germania (–1%) e in Francia (–0,2%). Per contro, sono rimaste stabili nel Regno Unito (+0,2%), mentre l’Italia è stato l’unico Paese a registrare un incremento (+2%), proseguendo l’andamento positivo iniziato nel 2014. I pesci pinnati rivestono un ruolo fondamentale nell’ambito del commercio al dettaglio di prodotti ittici in tutti e cinque gli Stati Membri esaminati, seguiti a distanza dai cefalopodi ed altri molluschi e dai crostacei. I molluschi sono più popolari negli Stati Membri meridionali: Spagna (cefalopodi e cozze), Francia (ostriche e cozze) e Italia (vongole, cozze e cefalopodi). Specificatamente per quanto riguarda i pesci pinnati, la Spagna ha riportato le vendite al dettaglio di prodotti non trasformati più elevate, pari a 511.000 tonnellate. Tuttavia, esse seguono un andamento negativo da 11 anni, e il loro ammontare del 2019 è stato inferiore del 28% rispetto al livello del 2009. Nel Regno Unito, in Germania e in Italia, esse hanno raggiunto rispettivamente 403.500 tonnellate (+0,1% rispetto al 2018), 387.100 tonnellate (–1%) e 318.100 tonnellate (+2%). Il livello più basso è stato registrato in Francia, con 143.200 tonnellate, in lieve rialzo rispetto al 2018, ma in calo del 9% rispetto al picco toccato nel 2012. Le vendite al dettaglio di cefalopodi ed altri molluschi sono state molto elevate in Spagna. Ciononostante, seguono un trend negativo dal 2013 e le 169.900 tonnellate registrate nel 2019 sono state le più basse mai registrate della Spagna dal 2005 ad oggi. I crostacei hanno rappresentato quote relativamente basse delle vendite totali di prodotti ittici al dettaglio in tutti e cinque i Paesi esaminati. La Spagna ne registra sempre le quantità più significative, anche se le 109.600 tonnellate del 2019 hanno costituito il livello più basso dal 2005.

 

Consumo extradomestico di prodotti non trasformati

La rilevanza del consumo extra-domestico di prodotti ittici non trasformati è eterogenea nei cinque paesi esaminati. Essa è maggiore nel Regno Unito, come conferma lo studio “EU consumer habits regarding fisheries and aquaculture products” realizzato da Eurobarometro nel 2018: dallo studio emerge che il 45% dei consumatori britannici consuma prodotti della pesca e dell’acquacoltura fuori casa almeno una volta al mese, mentre in Italia e in Francia, ad esempio, questa percentuale raggiunge rispettivamente il 35% e il 37%.

 

Consumo extradomestico di prodotti trasformati

Nell’UE il consumo extradomestico nei servizi di ristorazione di prodotti ittici trasformati ha raggiunto 734.800 tonnellate nel 2019, il livello più alto da oltre dieci anni. I primi 10 Paesi consumatori hanno rappresentato il 92% del totale. Tra questi, l’Italia, la Svezia, il Portogallo, l’Austria (l’unico senza sbocco sul mare) e la Danimarca hanno raggiunto i loro picchi quindicennali nel 2019, mentre il Regno Unito e la Grecia hanno toccato i livelli più bassi dal 2005. Da notare che, nell’ambito della ristorazione, il consumo di prodotti trasformati è inferiore a quello di prodotti non trasformati in ciascuno dei primi cinque Paesi consumatori dell’UE, ad eccezione della Germania. I prodotti a lunga conservazione sono i più consumati, seguiti da quelli congelati e da quelli refrigerati. Tuttavia, la rappresentatività dei prodotti a lunga conservazione rispetto al totale dei prodotti ittici trasformati varia molto da un paese all’altro, passando dal 7% della Svezia, dove sono preferiti i congelati, all’81% della Spagna (percentuali riferite al 2019). Nel 2019, la Germania e la Spagna hanno registrato il maggior consumo extradomestico di prodotti a lunga conservazione. In Germania ha raggiunto 156.800 tonnellate, in calo dell’1% rispetto al 2018, mentre in Spagna ha raggiunto 107.700 tonnellate, toccando un picco quindicennale grazie ad un aumento del 4% rispetto al 2018. I prodotti trasformati congelati sono stati venduti principalmente nel Regno Unito e in Germania (rispettivamente, 91.100 tonnellate e 79.700 tonnellate): mentre per il Regno Unito si è trattato della quantità più bassa dal 2005, in Germania hanno raggiunto un picco quindicennale, continuando l’andamento crescente avviato nel 2013.

Il consumo extradomestico di prodotti ittici trasformati refrigerati è relativamente basso in tutti i Paesi dell’UE. In termini assoluti, il Regno Unito rappresenta l’unica eccezione, con un consumo di questi prodotti pari a 55.000 tonnellate nel 2019.

Fonte: EUMOFA

European Market Observatory for Fisheries and

Aquaculture Products

www.eumofa.eu

 

Altre notizie

 

Il segmento biologico

I prodotti ittici biologici rappresentano un mercato di nicchia nell’UE. Nei principali Paesi UE esaminati (Germania, Spagna, Francia, Italia e Regno Unito), del totale dei prodotti ittici non trasformati consumati nel 2019, 46.500 tonnellate derivavano dalla produzione biologica. Questo ha rappresentato un incremento del 3% rispetto al 2018, ma anche una crescita del 20% dal 2015 che indica un aumento della quota di prodotti biologici nel consumo complessivo di prodotti della pesca e dell’acquacoltura non trasformati. In termini assoluti, il Regno Unito e la Germania sono i primi consumatori di prodotti ittici biologici dell’UE. Tutti i Paesi analizzati hanno raggiunto il loro picco quinquennale nel 2019. Rispetto al 2015, l’incremento più significativo è stato registrato dalla Francia (+48%), seguita dalla Germania (+21%), dall’Italia (+18%), dalla Spagna (+15%) e dal Regno Unito (+13%).

Dai dati Eurostat, nel 2018, la produzione complessiva di organismi acquatici biologici nell’Unione Europea ammontava a 69.000 tonnellate (peso vivo). La specie ittica biologica più importante prodotta e consumata nell’UE è il salmone. Sostenuta da una domanda crescente, la produzione di salmone biologico ha raggiunto livelli notevoli nell’UE. I produttori principali di salmone biologico sono l’Irlanda e il Regno Unito (in particolare la Scozia e, in misura minore, l’Irlanda del Nord). Secondo le stime relative al 2018, la produzione di salmone biologico irlandese è crollata a circa 11.900 tonnellate, in calo del 35% rispetto al 2017. Il valore della produzione è diminuito del 14%. Tutti i prodotti pronti per il consumo, soprattutto interi o eviscerati, vengono allevati secondo gli standard di certificazione biologica e le loro esportazioni sono destinate a diversi mercati: l’UE (90%), il Nord America (7%) ed il Vicino e l’Estremo Oriente (3%). Nel 2018, le esportazioni irlandesi sono state pari a 8.000 tonnellate (equivalente pesce intero). La riduzione del valore complessivo è stata meno intensa del crollo in termini di volume rispetto al 2017, grazie all’aumento del prezzo del salmone, che ha raggiunto una media di 9,55 e/kg per i capi venduti interi. La produzione scozzese di salmone biologico si è attestata a 4.200 tonnellate nel 2018, in calo di 400 tonnellate rispetto al 201745. Poiché le produzioni irlandese e britannica non sono sufficienti a soddisfare la domanda del mercato UE, si ricorre alle importazioni dalla Norvegia, la cui produzione nel 2018 è stata stimata in 16.000 tonnellate, rispetto alle circa 15.000 tonnellate prodotte nell’intera Unione Europea. Il salmone biologico riesce ad essere venduto ad un prezzo maggiorato. Alcune ricerche effettuate nel 2015 e nel 2016 suggeriscono un sovrapprezzo tra il 20-30% per quanto riguarda i prezzi pagati ai produttori, che diventa persino più elevato nella vendita al dettaglio. Gli stakeholder indicano che il sovrapprezzo pagato ai produttori è aumentato negli ultimi anni, ma, in termini relativi, varia a seconda del livello del prezzo spot.

 

“Il mercato ittico dell’UE”

“Il mercato ittico dell’UE” ha l’obiettivo di fornire un’analisi strutturale dell’intera industria UE della pesca e dell’acquacoltura. Questo rapporto risponde alle seguenti domande: cosa è prodotto/esportato/importato, quando e dove, cosa è consumato, da chi e quali sono i principali trend. Attraverso un’analisi comparativa, è possibile valutare la performance dei prodotti della pesca e dell’acquacoltura nell’ambito del mercato dell’Unione europea confrontandola con quella degli altri prodotti alimentari. Nell’edizione 2020 del rapporto, le variazioni in termini di valore e di prezzo per periodi superiori a cinque anni sono analizzate deflazionando i valori con il deflatore del PIL (base = 2015); per periodi più brevi, sono analizzate le variazioni di valore e di prezzo nominali. La pubblicazione è uno dei servizi offerti dall’Osservatorio europeo del mercato dei prodotti della pesca e dell’acquacoltura (EUMOFA). Questa edizione si basa sui dati disponibili fino a giugno 2020. Le analisi incluse nel rapporto non tengono conto di eventuali aggiornamenti delle fonti utilizzate successivi a tale data. Dati complementari e più dettagliati sono disponibili nel database EUMOFA per specie, luogo di vendita, Stato Membro, Paese di origine/destinazione. I dati sono aggiornati quotidianamente. L’Osservatorio EUMOFA, sviluppato dalla Commissione europea, rappresenta uno degli strumenti della Politica Comune della Pesca. [Regolamento (UE) N. 1379/2013 sull’organizzazione comune dei mercati nel settore dei prodotti della pesca e dell’acquacoltura, Articolo 42]. EUMOFA è uno strumento di market intelligence che fornisce regolarmente indicatori settimanali, trend di mercato mensili e dati strutturali annuali lungo la filiera produttiva. Il database si fonda su dati forniti e validati dagli Stati Membri dell’UE e da istituzioni europee. È disponibile in tutte le 24 lingue dell’UE. 

Il sito EUMOFA, disponibile al pubblico da aprile 2013, si trova al link www.eumofa.eu

 

Didascalia: nell’UE nessun Paese ha una spesa per prodotti della pesca e dell’acquacoltura superiore a quella per la carne. Il Portogallo è lo Stato Membro in cui il rapporto tra le due categorie è più equilibrato, mentre lo squilibrio più accentuato si è osservato in Ungheria (photo © Alvin Matthews x unsplash).

Photogallery

Il Pesce
Anno:

Numero:


Cerca negli articoli di Il Pesce:
Annuario del Pesce e della Pesca
La banca dati che con cadenza annuale costituisce un prezioso strumento di lavoro per gli operatori del settore ittico e acquacoltura.