Edizioni Pubblicità Italia

Il Pesce nr. 6, 2020

Rubrica: Aziende
Articolo di Benedetti E.
(Articolo di pagina 56)

Valerio Sapucci, non solo tecnologia

La divisione Live di STE Seafood Technology Equipment è decollata sul mercato con un’ampia offerta di crostacei vivi, molluschi e fine food

Siamo nella Serenissima Repubblica di San Marino, in linea d’aria distanti solo una decina di chilometri dal mare Adriatico. Obiettivo della trasferta è la visita a STE Seafood Technology Equipment, l’azienda fondata da Valerio Sapucci, imprenditore romagnolo in pensione, trasferitosi a San Marino da diversi anni, da sempre attivo nel comparto dell’industria ittica che qui può esprimersi sia sul fronte dell’impiantistica che del prodotto. «La nostra storia nasce cinquant’anni fa con esperienza nella progettazione, costruzione ed installazione di impianti a circuito chiuso per lo stoccaggio di crostacei e pesce vivo, oltre agli impianti di depurazione dei molluschi» dice Sapucci.

«Qui in STE Seafood Technology Equipment abbiamo dato vita ad una azienda strategica dalla doppia anima: la parte Tecnica progetta e realizza impianti per mantenimento di crostacei vivi, pesci e molluschi prevalentemente per ristoranti ed altri operatori ittici, mentre la divisione Live importa, commercializza e vende crostacei vivi, molluschi e seafood per la ristorazione di alta fascia».

La parte dedicata al vivo è gestita da Luigi Capuano, «a cui ho dato carta bianca dal punto di vista operativo e che ha sviluppato in modo ottimale trasformandola in un successo!».

Oggi la STE può vantare un portafoglio clienti fatto di ristoratori e buyer di altissimo livello su tutto il territorio nazionale, garantito da una logistica integrata che assicura consegne nei tempi e nel rispetto della qualità del prodotto. Perché di qualità si tratta.

«Il nostro successo dipende, forse, da qualche lacuna lasciata dagli altri sul mercato, esempio, da ultimi arrivati siamo gli esclusivisti per l’Italia della Clearwater, azienda leader mondiale nel commercio degli astici vivi canadesi.

Questi spazi liberi sono appunto quelli per garantire un livello qualitativo molto elevato che non è fatto da tonnellate ma da chilogrammi come da nostro motto “non tonnellate di quantità ma chili di qualità”» sottolinea Sapucci, aggiungendo che «oggi quello che manca, non solo nell’ittico, è la ricerca della qualità del prodotto che non è sempre percepita dal cliente, che spesso e volentieri non va oltre la barriera del prezzo».

Coi suoi 72 anni e le foto dei nipoti in ufficio, Valerio Sapucci è un personaggio affascinante, profondo conoscitore di questo pezzo di economia agroalimentare italiana incentrata sull’ittico. Si definisce ironicamente presuntuoso, caparbio, orgoglioso del fare le cose solo fatte bene e narcisista, ma certo è che è un profondo conoscitore del mercato dell’industria ittica.

La sua visione è appunto duplice e completa, questa parte dalle tecnologie e l’impiantistica di ultima generazione per arrivare fino al prodotto vivo. Il risultato è dato dai successi che giorno dopo giorno la STE raccoglie sul mercato.

La sua ossessione per la qualità oltrepassa tutto e tutti, tanto che ogni prodotto commercializzato sul catalogo del Live Seafood è stato sottoposto ad una severa selezione degustativa da parte di tecnici, amici e collaboratori e quello che non ha superato il giudizio positivo degli assaggiatori non è stato inserito nella lista dei prodotti da proporre ai propri clienti.

Così pure per prodotti non esclusivamente ittici come Champagne, olio extravergine di oliva ed altro è stata fatta una importante selezione: infatti, per esempio, nelle parole di Valerio Sapucci «l’olio è un nutrimento, non solo un condimento!» si racchiude il suo punto di vista di non lasciare nulla al caso; ogni dettaglio serve all’esaltazione ed al tempo stesso al completamento che sia quindi un prodotto ittico oppure un vino o un condimento, l’importante è che rappresenti sempre l’eccellenza e la migliore qualità.

Insomma, con Sapucci l’asticella della qualità è sempre riposta al punto più alto e grazie alla collaborazione con Luigi Capuano, forte di 23 anni di esperienza nel settore, anche il comparto del vivo è stato conquistato. 

«Io credo nelle nostre capacità e nel nostro know-how — prosegue Sapucci — ed è chiaro che una struttura come questa abbia notevoli costi, perché non lavoriamo con la sola manovalanza, ma abbiamo anche bravissimi tecnici dotati di una grande professionalità».

«Sono molto soddisfatto del percorso svolto in STE fino ad oggi e orgoglioso di far parte di questa realtà che è come una famiglia allargata che ha nella forza del gruppo la ricetta per realizzare progetti sempre più ambiziosi» aggiunge Luigi Capuano.

Nel range di prodotti offerti da Seafood Technology ci sono crostacei vivi,primo fra tutti il King Crab, oltre a Scampi, Astici del Canada e dell’Europa, Aragosta Reale Mediterranea e quella della Mauritania e Azzorre, Cicale Reali Mediterranee, Granchio Nuotatore, Granceola, Granchio Porro e Snow Crab, un’ampia varietà di ostriche Francesi selezionate tra tante per la loro caratteristica del gusto costante ed equilibrato, garantito per tutte le stagioni di pesca.

Per i ristoratori e buyer più esigenti sono disponibili anche altre varietà di molluschi tra cui i rarissimi Geoduck,(vongola gigante dalla proboscide) pescati in zone remote del Canada ed i prelibati Percebes (Piede di Cornucopia) pescati rigorosamente a mano sulle coste della Galizia e del Portogallo.

Tra le novità in arrivo anticipiamo la Titan Oyster, l’Ostrica del Monte Titano, il rilievo montuoso della Repubblica di San Marino, il cui nome viene spesso utilizzato per far riferimento al piccolo Stato.

Elena Benedetti

>> Link: www.seafoodtechnology.eu

 

Didascalia: Valerio Sapucci in uno scatto preso nel corso della passata edizione del salone European Seafood Expo.

Photogallery

Il Pesce
Anno:

Numero:


Cerca negli articoli di Il Pesce:
Annuario del Pesce e della Pesca
La banca dati che con cadenza annuale costituisce un prezioso strumento di lavoro per gli operatori del settore ittico e acquacoltura.