Edizioni Pubblicità Italia

Il Pesce nr. 3, 2020

Rubrica: Benessere animale
(Articolo di pagina 62)

Manuale per la gestione del controllo del benessere dei pesci durante il trasporto su strada

Regolamento (CE) n. 1/2005 del Consiglio del 22 dicembre 2004 “sulla protezione degli animali durante il trasporto e le operazioni correlate”

Prefazione
L’acquacoltura ha sempre rappresentato un’importante attività di allevamento animale e mai come oggi ha assunto un’importanza crescente dovuta ad una sempre maggior domanda di consumo annuo pro capite di pesce che, tuttavia, ha comportato una contestuale diminuzione dell’apporto della pesca. La movimentazione di pesce vivo è parte integrante della attività di piscicoltura in tutta Europa. Negli ultimi decenni in Italia l’allevamento del pesce e di altre specie acquatiche è stato in costante aumento, stabilizzandosi solo negli ultimi anni. Si è registrato un sempre maggiore interesse alle pratiche di acquacoltura utilizzate e ai relativi problemi di benessere dei pesci da parte del legislatore, nel campo della ricerca e da parte dei consumatori. I dati dimostrano che l’acquacoltura è un settore in crescita: nell’anno 2016 sono stati trasportati e introdotti in Italia oltre 72 milioni di kg di pesce vivo (35,5% trote; 14,6% spigole e orate; 4% pesce gatto e anguille) e si prevede che a livello mondiale nel 2030 il 60% del pesce consumato sarà di allevamento. In Italia le specie più trasportate sono le orate, le spigole nelle fasi giovanili e le trote. La maggior parte delle specie di pesce che sono allevate vengono spostate almeno una volta durante il loro ciclo produttivo, mentre alcuni animali vengono movimentati più volte. In acquacoltura sono allevate e trasportate oltre 60 specie diverse di pesci (oltre 30 specie in Europa). Se ne deduce che quantità di animali trasportati e la e la lunghezza durata del viaggio possono variare considerevolmente, in funzione del ciclo produttivo e delle necessità commerciali, che talvolta possono cambiare anche nel corso dello stesso anno. Il trasporto dei pesci è forse il più difficile e delicato rispetto alle altre specie di vertebrati, per cui ne deriva che un piccolissimo errore nelle varie fasi di trasporto ne comprometterebbe il benessere degli animali nonché una perdita economica nel settore. L’azione di protezione e di mantenimento delle condizioni di benessere del pesce vivo durante le operazioni di trasporto, che dovrebbe essere un dovere morale dell’allevatore e/o autotrasportatore, è un obbligo sancito dalla legislazione vigente e comporta una responsabilità legale sia degli operatori del settore, sia delle autorità competenti preposte ai controlli, le quali devono avere una alta professionalità e competenza nel corso delle operazioni ispettive e di vigilanza. Nelle attività di trasporto del pesce, è necessario eseguire le operazioni secondo specifici protocolli operativi, allo scopo di non pregiudicare lo stato di salute e indirettamente anche il valore economico degli animali oggetto di movimentazione. È rilevante quindi che gli operatori e il personale addetto siano formati e preparati per garantire ai pesci un trasporto senza stress.
A tal proposito, è importante sottolineare l’importanza fondamentale della figura del veterinario, il quale rappresenta oggi la sola figura professionale e con competenze scientifiche a cui la legge attribuisce il compito-dovere di verifica e di controllo delle condizioni degli animali e dei loro prodotti, nello specifico anche del pesce, ivi compresi i provvedimenti a tutela della protezione del benessere dell’animale durante il trasporto e che comportano, inoltre, anche la valutazione delle condizioni di dolore, stress, o sofferenze evitabili nel corso delle operazioni. Col presente “Manuale”, vengono riportate una serie di misure specifiche da applicare nella gestione del trasporto su strada del pesce vivo, al fine di definire ed individuare le condizioni ottimali di benessere nel corso delle movimentazioni.

Autori

  • Dott. Carlo Spezzani, DVM, Dirigente delle Professionalità Sanitarie, UVAC-PIF Veneto, Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige, Ministero della Salute, Direzione Generale della Sanità Animale e dei Farmaci Veterinari, Verona;
  • Prof. Giancarlo Ruffo, DL, PhD, docente di Medicina Legale Veterinaria, Legislazione Veterinaria, Protezione Animale e Deontologia, Dipartimento di Scienze Veterinarie per la Salute, la Produzione Animale e la Sicurezza Alimentare, Università degli Studi di Milano;
  • Dott. Andrea Fabris, DVM, Direttore Associazione Piscicoltori Italiani API, Verona;
  • Prof./Dott. Oliviero Mordenti, Ricercatore in Zoocolture, Dipartimento di Scienze Mediche Veterinarie, Alma Mater Studiorum, Università di Bologna, Ozzano dell’Emilia (BO);
  • Dott. Amedeo Manfrin, DVM, Aquatic Animal Health and Seafood Safety Unit National Reference Centre for Fish, Mollusc and Crustacean Diseases, Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie Adria (RO);
  • Prof. Fulvio Salati, DVM, PhD, Head Fish Disease and Aquaculture Center c/o Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sardegna, Oristano;
  • Dott. Franco Giorietto, DVM, Dirigente delle Professionalità Sanitarie, UVAC-PIF Veneto, Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige, Ministero della Salute, Direzione Generale della Sanità Animale e dei Farmaci Veterinari, Udine;
  • Dott. Cristian Salogni, DVM, Responsabile laboratorio Ittiopatologia Referente specie ittiche per il Centro di Referenza Nazionale per il Benessere Animale (CReNBA), Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e Emilia-Romagna, Brescia.

Hanno collaborato:

  • Dott.ssa Domitilla Pierucci, DVM, Dirigente delle Professionalità Sanitarie, Direzione Generale della Sanità Animale e dei Farmaci Veterinari, Ufficio 6, Benessere Animale, Ministero della Salute, Roma;
  • Dott. Giuseppe Losacco, DVM, Dirigente delle Professionalità Sanitarie, Direzione Generale Igiene degli Alimenti e della Sicurezza Alimentare e Nutrizione, Ufficio 3, Audit, Roma;
  • Dott. Gianluca Bertoja, DVM, PhD, Specialista in Diritto e Legislazione Veterinaria, Direttore UVAC-PIF Veneto, Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige, Verona.

Didascalia: Associazione Piscicoltori Italiani — Manuale per la gestione del controllo del benessere dei pesci durante il trasporto su strada I Quaderni dell’Acquacoltura – 29
www.api-online.it

Photogallery

Il Pesce
Anno:

Numero:


Cerca negli articoli di Il Pesce:
Annuario del Pesce e della Pesca
La banca dati che con cadenza annuale costituisce un prezioso strumento di lavoro per gli operatori del settore ittico e acquacoltura.