Edizioni Pubblicità Italia

Il Pesce nr. 2, 2020

Rubrica: Sapore di mare
(Articolo di pagina 128)

Ittiturismo GE8317: a Genova il pesce a km 0 della Cooperativa pescatori Boccadasse

“Pesce a km 0!”: è lo slogan dei giovani soci della cooperativa pescatori di Boccadasse, nove persone che, con i loro gozzi e pescherecci, ogni giorno, mare e stagione permettendo, raccolgono dalle reti il tipico pescato del Mar Ligure, acciughe, cavalle (della famiglia degli sgombri), bughe di scoglio (ottime fritte e in zuppa), scorfani, seppie, polpi, aragoste, ombrine, dentici, orate, spigole e tante altre bontà della costa. Spingendosi verso le 30 miglia vanno invece alla cattura del pesce spada.
Il pescato a dir poco fresco è venduto nella pescheria della cooperativa, a 500 metri dall’ex borgo marinaro Boccadasse, una cartolina alla “periferia” di Genova, e ad una rete di ristoranti liguri.
Fin qui nulla di nuovo rispetto a tante storie di pesca e pescatori, se non fosse che i nove soci della coop, per valorizzare il pescato e integrare il reddito, si sono messi da qualche tempo a fare i ristoratori con una trattoria “ittiturismo”, aperta cinque anni fa nel cuore del borgo, e gli operatori di pescaturismo in bella stagione. Inoltre, davanti alla pescheria con cucina e al laboratorio di trasformazione, c’è un chiosco dove vendono piatti di pesce da asporto.
In trattoria servono invece piatti di giornata e qualche vino, tra liguri, friulani, campani e veneti. Sempre aperta estate e inverno, con 25 posti a sedere, in bella stagione si allarga su una terrazza panoramica con altri 45 coperti. Cosa possiamo mangiare? Ad esempio, l’insalata tiepida di calamari e ceci, con patate schiacciate, olive taggiasche e pomodori. Oppure una buridda, tipica zuppa di calamari e patate, e uno zenino, una zuppa di calamari, seppie e bietole.
E ancora, i filetti di pesce alla ligure, con patate, olive e pinoli e, cavallo di battaglia della trattoria, il fritto misto di totani, acciughe, gamberi, pesci misti di scoglio e verdure. E il conto è abbordabile: € 8,00 e gli antipasti, € 10,00 i primi, € 16,00 i secondi con contorno, € 4,00 i dolci. Il menu è scritto in lavagna e i pochi vini presenti sono serviti anche al calice, a e 5,00 al bicchiere. L’attività complessiva della Cooperativa pescatori di Boccadasse ha come insegna Ittiturismo GE8317, dove GE, è facile da intuire, sta per Genova, mentre 8317 è il numero di matricola della prima barca da pesca.
Oltre alla ristorazione, la coop organizza in estate escursioni di pescaturismo, su prenotazione. Con questa iniziativa piccoli gruppi di persone possono assistere in barca alle attività di pesca, dalla calata e al ritiro delle reti, fare un aperitivo e verso l’ora di pranzo accomodarsi in trattoria; il tutto per € 50,00 a persona. «È un’attività che piace, non fa grandi numeri, una cinquantina di persone in estate, ma tanti sono incuriositi e in qualche modo ci fa conoscere, anche solo per la pescheria o la trattoria», ci dice Luigi Bartolomeo, uno dei nove soci, l’unico pugliese in un gruppo di liguri.
Alla fine dei conti, con le sue attività, la cooperativa dà lavoro a una ventina di persone. E di questi tempi non è male.
Massimiliano Rella

Ittiturismo GE8317
Cooperativa pescatori Boccadasse

  • Osteria:
    Via Aurora 7R
    16146 Genova

    Telefono: 010 8568866
  • Pescheria:
    Via Caprera 4D
    16146 Genova
    Telefono: 328 2245679

>> Link: www.ittiturismogenova.it/boccadasse

 

Didascalia: il nome Boccadasse deriverebbe dalla forma della baia su cui si affaccia questo borgo affascinante, simile alla bocca di un asino (bocca d’azë). (Photo © Massimiliano Rella).

Photogallery

Il Pesce
Anno:

Numero:


Cerca negli articoli di Il Pesce:
Annuario del Pesce e della Pesca
La banca dati che con cadenza annuale costituisce un prezioso strumento di lavoro per gli operatori del settore ittico e acquacoltura.