Edizioni Pubblicità Italia

Il Pesce nr. 2, 2020

Rubrica: Aziende
(Articolo di pagina 64)

Callipo, tonno made in Calabria

Giacinto Callipo Conserve Alimentari, azienda parte di Callipo Group Srl e protagonista del mercato del tonno e delle conserve ittiche, a gennaio ha spento ben 107 candeline, chiudendo il 2019 con un fatturato in crescita del 10% sull’anno precedente. Aumento a doppia cifra anche per l’export

14 gennaio 2020: Callipo Conserve Alimentari spegne 107 candeline coronando un anno ricco di successi. L’azienda calabrese, nata il 14 gennaio 1913, ha infatti chiuso il 2019 con un fatturato di 63.127.922 euro, in aumento del 10% rispetto al 2018. «In Callipo si respira fermento e voglia di fare» ha commentato Giacinto Callipo, quinta generazione alla guida dell’azienda con il fratello Filippo Maria. «Il 2019 per noi è stato un anno di grandi soddisfazioni ma anche di investimenti per proseguire il percorso di crescita e sviluppo che ci ha sempre accompagnato in oltre un secolo di storia. Il nostro obiettivo, insomma, resta quello di migliorare e essere sempre più competitivi». Sul mercato italiano l’incremento aziendale si deve principalmente al consolidamento dei canali tradizionali di vendita in gdo, con conseguente ampliamento dell’assortimento, al rafforzamento della rete vendita — che conta circa  90 agenti su tutto il territorio nazionale —, nonché alle performance commerciali elevate dei Filetti di tonno all’olio extravergine di oliva biologico in vaso di vetro, che  risulta il best seller 2019 di Callipo. Un altro driver dello sviluppo dell’azienda calabrese è sicuramente l’export, che pesa per l’11% sul fatturato e continua a crescere, registrando un +16% rispetto al 2018. I principali mercati sono Libia, Canada, Stati Uniti, Australia, Lituania, Israele, Svizzera, Gran Bretagna, Repubblica Ceca. «Per il triennio 2019-2021 abbiamo stimato investimenti per un ammontare complessivo di circa 10 milioni a livello di Gruppo, per portare avanti la nostra visione di impresa orientata al futuro» prosegue Giacinto Callipo. «Rientra in questi progetti anche l’implementazione del software gestionale SAP, che ci consentirà, grazie all’intelligenza incorporata nelle tecnologie e nelle applicazioni, di rendere ancora più efficienti i vari processi aziendali».

Un po’ di storia e riconoscimenti
Tutto inizia a Pizzo Calabro (VV) nel 1913, quando Giacinto Callipo, il fondatore, dà vita all’azienda, prima in Calabria e tra le prime in Italia ad inscatolare il pregiato tonno del Mediterraneo, pescato con il sistema delle tonnare fisse. Nel 1926 Callipo ottiene il brevetto di fornitore ufficiale della Real Casa, a testimonianza dell’attenzione verso la qualità totale, diventata, fin dalla fondazione, la mission aziendale. A guidare questa importante realtà nazionale è oggi Filippo Callipo, Amministratore Unico, imprenditore appassionato e entusiasta, affiancato dai figli Giacinto e Filippo Maria. A conferma del successo immutabile nel tempo, inoltre, nel 2014 la Callipo Conserve Alimentari ha ottenuto un importante riconoscimento: dietro autorizzazione del Ministero per lo Sviluppo economico è stato emesso un francobollo ordinario del valore di e 0,80 dedicato all’azienda nella serie tematica “Le Eccellenze del sistema produttivo ed economico”. Infine, lo scorso anno è stata inserita nel Registro delle Imprese Storiche Italiane di Unioncamere, come pubblico riconoscimento per aver esercitato ininterrottamente l’attività da oltre 100 anni nell’ambito del medesimo settore merceologico ed aver trasmesso nel tempo alle generazioni successive un ricco patrimonio di esperienze e di importanti valori imprenditoriali.

Il segreto della qualità: tonno intero e made in Italy
Lo stabilimento di Maierato (VV)si estende su una superficie di circa 34.000 m2, 9.700 dei quali coperti, e si caratterizza per l’elevata efficienza degli impianti e delle attrezzature moderne e tecnologicamente avanzate. La produzione annua è di circa 5.200 tonnellate, con una capacità produttiva giornaliera di circa 300.000 scatole e 35.000 vasetti di vetro. Quella di non delocalizzare la produzione costituisce una precisa scelta della Callipo, che da sempre è particolarmente attenta a garantire la qualità del prodotto made in Italy: la lavorazione del tonno, effettuata completamente in Italia a partire dal pesce intero, è infatti il vero punto di forza dell’azienda.

Il processo produttivo
Lavorazione che è il risultato della equilibrata combinazione tra tradizione, tecnologia e cura che l’azienda presta al processo produttivo, dalla selezione della materia prima alla stagionatura dei prodotti fino alla loro commercializzazione. Le fasi della lavorazione prevedono:

  • il sezionamento – Il tonno, pescato nell’Oceano Indiano, viene congelato intero a bordo dei pescherecci e trasferito nello stabilimento di Maierato dove vengono effettuati i necessari controlli. Dopo lo scongelamento, effettuato attraverso flussi d’acqua corrente a temperatura ambiente, il tonno è avviato alla linea di sezionamento, tagliato e poi lavato;
  • la cottura – Il tonno viene cotto a vapore per mantenere inalterate le caratteristiche organolettiche e i valori nutritivi. Viene poi raffreddato, trasferito nelle celle di condizionamento ed asciugato a temperatura controllata;
  • la monda – Il tonno cotto viene trasferito al reparto monda dove è sottoposto all’attenta pulitura ed alla selezione qualitativa, affidata, come un tempo, alle donne;
  • l’invasettamento – I filetti di tonno vengono invasettati manualmente dalle operatrici, con procedimento ancora completamente artigianale ma garantito da importanti misure di sicurezza ed igiene. Per produrre i filetti di tonno in vaso di vetro, l’azienda utilizza in media solo il 50% di tutti i tranci lavorati per garantire ai consumatori la qualità Callipo. Una volta riempiti, i vasi dono condotti sotto il dosatore del sale e la colmatrice di olio di oliva;
  • la sterilizzazione – I prodotti sono trasferiti nelle autoclavi per la sterilizzazione. Terminata questa fase, vengono prelevati alcuni campioni destinati ad essere analizzati;
  • il laboratorio e il controllo qualità – Il laboratorio effettua sui campioni verifiche quali la determinazione del peso sgocciolato, la concentrazione di sale, il controllo dell’aggraffatura, le prove di stabilità sul prodotto finito, la rilevazione della temperatura, dell’umidità e dell’istamina, i controlli microbiologici e chimici;
  • nel reparto confezionamento, totalmente automatizzato, su ciascuna confezione viene inserito il relativo lotto di produzione. Il sistema garantisce la tracciabilità di filiera, in quanto sintetizza le partite di acquisto di ciascun componente del prodotto finito e gli identificativi dei rispettivi fornitori;
  • la stagionatura ha lo scopo di garantire le qualità intrinseche del prodotto e varia a seconda dei formati. La Callipo presta particolare attenzione ai tempi di stagionatura che superano di gran lunga quelli consigliati dagli enti di certificazione.

Ultime novità e investimenti
Callipo ha realizzato nell’ultimo anno tre importanti investimenti per dotarsi di nuovi spazi e migliorare dal punto di vista dell’efficacia la logistica sia interna che esterna. Ha acquistato un magazzino di 5.350 m2 (per un’area complessiva di 16.000 m2) situato a San Pietro in Lametino (CZ) destinato alle sempre maggiori esigenze di stoccaggio di prodotto finito, mentre è quasi pronto un nuovo magazzino di circa 1.000 m2 con 1.200 nuovi posti pallets adibito allo stoccaggio di materiale di confezionamento presso l’attuale sito produttivo di Maierato. Sempre nel 2019, ha realizzato investimenti per circa 3 milioni di euro all’interno del Piano Nazionale Impresa 4.0 (già Industria 4.0) finalizzati all’acquisto di macchinari ed impianti che consentiranno di migliorare la qualità del prodotto mediante l’utilizzo delle nuove tecnologie. Prevede di investire nell’area produttiva altri 2 milioni nei prossimi mesi. A novembre scorso l’azienda ha aperto un altro store “Callipo 1913” a Reggio Calabria (il secondo in regione dopo quello di Cosenza), un ambiente accogliente che ricorda le botteghe di una volta, dove assaggiare e acquistare le specialità dell’azienda e scoprire la sua storia e le sue tradizioni.
Per concludere, è già operativa anche la nuova società Med Frigus. Il Gruppo ha infatti investito circa 2 milioni per il riammodernamento di un capannone industriale (superficie coperta di 4.700 m2 ed area complessiva di 24.000 m2) situato nell’area portuale di Gioia Tauro dotato di ampie celle frigorifere adibite allo stoccaggio della materia prima e all’erogazione di servizi di logistica, magazzinaggio e lavorazione anche conto terzi.

 

Gruppo Callipo

Il Gruppo Callipo è costituito dalla holding Callipo Group Srl che si occupa di fornire servizi e consulenza alle sei società controllate. Le aziende del Gruppo occupano nel complesso circa 400 dipendenti e sono: Giacinto Callipo Conserve Alimentari, che opera nel mercato del tonno e delle conserve ittiche; la Callipo Gelateria Srl, che produce i gelati della tradizione di Pizzo di Calabria; il Popilia Country Resort, struttura turistico-alberghiera a 4 stelle; la Callipo Sport Srl, che gestisce le attività della squadra di Volley maschile che milita nel campionato di Superlega A1; la Callipo Turismo Srl, società che ha come oggetto sociale l’attività turistica; Med Frigus Srl, che si occupa di movimentazione e stoccaggio a temperatura controllata di merce refrigerata.

>> Link: www.callipogroup.com

 

>> Link: www.callipo.com
www.facebook/tonnocallipo
www.instagram.com/tonnocallipo
www.youtube.com/channel/UCnE8RIoJclDKqxaliw9W6BA

 

Didascalia: il segreto della qualità dei prodotti Callipo è innanzitutto la lavorazione, una combinazione equilibrata tra tradizione, tecnologia e cura prestata al processo produttivo, dalla selezione della materia prima alla stagionatura fino alla commercializzazione dei prodotti.

Photogallery

Il Pesce
Anno:

Numero:


Cerca negli articoli di Il Pesce:
Annuario del Pesce e della Pesca
La banca dati che con cadenza annuale costituisce un prezioso strumento di lavoro per gli operatori del settore ittico e acquacoltura.