Edizioni Pubblicità Italia

Il Pesce nr. 6, 2019

Rubrica: Sapori dal mondo
(Articolo di pagina 94)

Buono e caro

Vuoi fare un regalo davvero di lusso? Ecco alcuni dei cibi più costosi al mondo, dal manzo giapponese di Hida al caviale Almas Beluga

Che la buona tavola sia uno dei grandi piaceri della vita è un pensiero largamente condiviso, ma, a volta, può rappresentare un vero e proprio lusso. Esistono, infatti, alcuni cibi molto particolari ed estremamente pregiati, dai sapori e profumi unici al mondo e, per questo, dai costi altissimi, proibitivi per la maggior parte delle persone. Si tratta di alimenti con una specifica provenienza geografica, la cui coltivazione o produzione impone il rigido rispetto di regole e norme. Portare a tavola questi tesori, è proprio il caso di dirlo, comporta una spesa di diverse migliaia di euro. Vi lasciamo di seguito un piccolo elenco dei cibi più cari secondo la classifica stilata da Alessandro Maola, esperto in PR e strategie di comunicazione integrata e per il web.

Hida-Wagyu, il manzo da 1.000 dollari al chilo
I manzi vengono allevati nella verde regione giapponese Hida, allo stato quasi brado, alimentati a erba per i primi mesi, per poi passare al fieno di riso e altri mangimi rigorosamente vegetali autoctoni. La principale caratteristica di questa carne, riscontrabile anche a occhio nudo sui tagli ancora crudi, è la percentuale e la distribuzione di grasso interno alle fibre che forma una ragnatela, come un marmo, sempre più importante a seconda della marezzatura (marbling) di riferimento. Maggiore è la presenza di grasso tra le fibre, più è buona e pregiata la carne, ed è anche più salutare per il nostro organismo. In Italia oggi l’unico importatore ufficiale e certificato è Taki Japan International, che serve alcune macellerie e ristoranti di alto livello, come il Taki Restaurant, a Roma, a due passi da Piazza Cavour.

Miele Elvish, che fu venduto a 45.000 €/kg
Estratta a 1.800 metri di profondità, in una grotta presso la valle di Saricayir, nel nord-est della Turchia, questa è la varietà di miele più costosa al mondo. Nel 2009, alcuni apicoltori locali notarono delle api entrare nella grotta ed ipotizzarono ci potesse essere del miele. Si tratta di un prodotto pregiatissimo, realizzato in modo completamente naturale, arricchito dai minerali della grotta da cui viene estratto. Il primo chilo di miele fu venduto a 45.000 euro, ma poi il prezzo è decisamente diminuito, fino ad arrivare ai 5.000 €/kg di oggi. Può essere utilizzato sia come alimento che come un vero e proprio farmaco.

Tartufo bianco d’Alba, un fungo da 160.406 dollari per 1,51 kg
160.406 dollari: è questo il prezzo record per un tartufo di 1,51 kg venduto all’asta. Il Tartufo bianco di Alba, in provincia di Cuneo, Piemonte, è considerato il re dei i tartufi, poiché è il più profumato, il più aromatico, ma anche il più raro. Nonostante i numerosi tentativi di coltivarlo, infatti, nessuno ci è mai riuscito. La parte esterna appare liscia, chiara, di color bianco latte o giallino, mentre la polpa all’interno è giallastra con sottili venature. Il sapore più avere leggere note piccanti e ricordare vagamente quello del formaggio Grana.

Melone Yubari King, il frutto più caro del mondo
Questa particolare varietà di melone è il frutto più costoso al mondo: il prezzo medio per una coppia varia da € 100 a  € 250/300, ma si può arrivare a pagarli anche 20.000 euro. I primi due meloni di inizio raccolta, infatti, vengono messi all’asta, come fosse una sorta di buon augurio per la stagione, e gli acquirenti possono arrivare a spendere cifre folli. Coltivato in Giappone, nella città di Yubari, le piante che lo producono vengono innestate su esemplari più maturi, per sfruttare le radici. Vengono coltivati pochissimi esemplari ogni anno e i frutti vengono sollevati da terra per essere massaggiati e lavati più volte al giorno. Sembrerebbe essere proprio questo trattamento, oltre alle particolarità dell’area geografica, a garantire la superiorità del gusto di questo frutto.

Caviale Almas Beluga, venduto in contenitori d’oro 24 carati a 25.000 dollari al chilo
Che il caviale sia un alimento di lusso è cosa ben nota, ma alcuni tipi lo sono decisamente di più. Almas, un caviale di colore straordinariamente chiaro (termine che non a caso significa “diamante”), viene ricavato da storioni Beluga del Mar Caspio con almeno 100 anni di età albini o con difetti di pigmentazione cutanea. Per la sua rarità e particolarità, questo caviale ha un costo di 25.000 dollari al chilo. Per chi volesse acquistarlo, da  Caviar House & Prunier, a Piccadilly Circus, a Londra, viene venduto con un packaging davvero singolare: un piccolo contenitore d’oro 24 carati.
(Fonte: EFA News European Food Agency)

 

Didascalia: tartufo bianco d’Alba (photo © www.fortunatiantonio.it).

Photogallery

Il Pesce
Anno:

Numero:


Cerca negli articoli di Il Pesce:
Annuario del Pesce e della Pesca
La banca dati che con cadenza annuale costituisce un prezioso strumento di lavoro per gli operatori del settore ittico e acquacoltura.