Edizioni Pubblicità Italia

Il Pesce nr. 6, 2019

Rubrica: Aziende
Articolo di Rella M.
(Articolo di pagina 52)

Cooperativa Pescatori Grado: una OP con ristorante a filiera cortissima e negozio on-line

I pescatori della laguna di Grado hanno aperto un loro ristorante, non certo perché nel tempo libero potessero vestire i panni degli chef, tanto di moda oggi, ma per trovare un canale di vendita aggiuntivo, giorno dopo giorno. Si chiama Zero Miglia ed è il ristorante non di un gruppetto di amici pescatori, ma di un’importante cooperativa che riunisce la quasi totalità della flotta peschereccia del piccolo paese lagunare in provincia di Gorizia.
Costituita nel 1930, la cooperativa aggrega oggi 130 soci che svolgono l’attività di pesca con 90 imprese: una flotta peschereccia composta da imbarcazioni per la pesca con reti da posta, draghe idrauliche, strascico, volante nonché pesca lagunare. La raccolta del solo pesce produce mediamente un fatturato di 3 milioni di euro, con una decina di collaboratori fissi, a cui si aggiungono gli stagionali.
La crisi del settore degli ultimi anni ha comportato una costante diminuzione del pescato, del numero di compratori e del consumo, mentre cresce il pesce estero e congelato. Per tale motivo la Cooperativa Pesca­tori Grado ha iniziato dieci anni fa un processo di diversificazione della commercializzazione, passando dal­la vendita all’ingrosso al dettaglio sui mercati di Venezia e Trieste, oltre che Grado, e all’offerta del prodotto locale attraverso la vendita diretta e l’apertura del ristorante Zero Miglia. È poi stata avviata un’attività di prima trasformazione, la vendita on-line a privati e gruppi d’acquisto.
Grado, figlia di Aquileia e madre di Venezia, è un paese-isola situato tra l’alto Adriatico e le foci del fiume Isonzo, dove s’incontrano il mare e la laguna. Grado è anche la spiaggia dei Viennesi: qui il 60% dei turisti è austriaco, seguono italiani, tedeschi e ungheresi.
A luglio e agosto sulle sue spiagge si fanno le sabbiature, terapia curativa sotto sabbia a 70-80 °C — attenti alle scottature! — mentre la cucina abbonda di ricette tipiche di pesce ed erbe palustri.
L’osteria di mare Zero Miglia, originale iniziativa della Cooperativa Pescatori Grado, è situata accanto alla sede lungo il canale. Si tratta in sintesi di un ristorante di pesce fresco e di filiera corta, anzi cortissima, locale semplice e spazioso, con tavolini esterni, dove assaggiare ottime ricette tradizionali e non, dal boreto alla gradese alle alici marinate all’arancia e al pepe rosa. E ottimi crudi, come il carpaccio di branzino e orata al sale rosso e nero delle Hawaii servito su ghiaccio in una cassettina di polistirolo con quattro salse (wasabi, agrodolce, olio evo, salsa di soia) con lime grattugiato, zenzero e sorbetto al limone (conto medio € 44,00).
Dopo il ristorante, l’ultima novità della Cooperativa Pescatori Grado risale al 2016, col riconoscimento come Organizzazione di Produttori (OP) autorizzata al prelievo di oltre cento specie tra pesci e molluschi. Un passaggio importante, che ha comportato la possibilità di offrire più sicurezza alimentare e il controllo diretto sull’accesso al mercato dei prodotti dei soci, saltando alcune intermediazioni per arrivare il più vicino possibile alla tavola.
«Le esperienze che abbiamo fatto fin qui — sottolinea Donato Antonio Santopolo, presidente della Cooperativa — sono positive, tanto da voler proseguire su questa strada. Siamo certi che aumentare la quota di vendita al dettaglio, con la qualità del prodotto che ci contraddistingue, farà crescere la remunerazione del lavoro dei soci e diminuire i costi al consumatore. Ora, poi, saremo ancora più attivi nell’occupare mercati di nicchia in grado di darci interessanti soddisfazioni commerciali».
In questa fase, la trasformazione della Cooperativa in OP, «più al passo con i tempi», consentirà, nelle intenzioni dei pescatori di Grado, di intraprendere una nuova strada di commercializzazione e gestione della risorsa ittica, per valorizzare il prodotto locale raggiungendo mercati e obiettivi attualmente non accessibili. Nell’Unione Europea sono operative oltre 200 OP.
Massimiliano Rella

Cooperativa Pescatori Grado
Riva Dandolo 22 – 34073 Grado (GO)
Telefono: 0431 80012
Pescheria Zero Miglia –  389 6507454
Osteria di mare Zero Miglia – Telefono: 0431 80287

Web: www.zeromiglia.it

 

Altre notizie

 

Callipo, nuovo flagship store inaugurato a Reggio Calabria

Callipo, azienda calabrese con una storia ultracentenaria nel settore delle conserve ittiche di qualità, ha aperto il suo secondo negozio a Reggio Calabria, confermando la strategia nel canale retail. Dopo la prima apertura a Cosenza a dicembre 2017, il concept del flagship store “Callipo 1913” raddoppia in Calabria con l’inaugurazione di questo nuovo store in Largo Colombo 3, sul lungomare Falcomatà. “Il più bel chilometro d’Italia” lo definì Gabriele D’Annunzio, a pochi passi dal Museo Archeologico Nazionale, noto in tutto il mondo per l’esposizione permanente dei Bronzi di Riace e quindi punto strategico per una destinazione a forte vocazione turistica. «Due anni fa, col primo flagship store a Cosenza, ci siamo lanciati in una nuova sfida da cui sono arrivate molte soddisfazioni» ha detto Giacinto Callipo. «Oggi, con l’inaugurazione del secondo negozio monomarca in Calabria, siamo particolarmente orgogliosi di poter confermare la nostra volontà di proseguire l’espansione nella vendita diretta non solo in Calabria ma su tutto il territorio nazionale. Inoltre, per il nuovo punto vendita abbiamo scelto il cuore della città, perché desideriamo creare luoghi in grado di attrarre non solo i cittadini e i passanti ma anche i turisti e trasportarli nel nostro mondo» (fonte: EFA News – European Food Agency).

 

Shelly: da ICSS il nuovo modo per servire il pesce, igienico, atossico, personalizzabile e fatto al 98% di aria

Il pesce è uno degli ingredienti più pregiati della nostra cucina e per questo deve essere esposto e servito in un contenitore adeguato. Ed è proprio questa l’idea da cui nasce Shelly, contenitore in Airpop (polistirene espanso sinterizzato) realizzato dagli ingegneri dell’aria di ICSS, azienda pavese da 50 anni specializzata nella produzione di imballaggi. Shelly è un vassoio/contenitore a forma di conchiglia ed è disponibile in diversi colori. È ideale per l’esposizione di frutti di mare, sushi o altra tipologia di pesce, e può essere utilizzato sia per la vendita che a casa come centrotavola. Airpop, più comunemente noto come polistirolo, tradizionalmente usato per scopi industriali, si è rivelato un materiale ideale per la protezione degli alimenti, ma non solo: è leggero perché costituito per il 98% di aria e solo il 2% di plastica e quindi non incide sui costi di trasporto, ma al tempo stesso è molto resistente; ha proprietà isolanti ed è in grado di scongiurare gli shock termici e garantire il mantenimento delle proprietà organolettiche del contenuto; è facile da modellare e consente quindi di realizzare oggetti e contenitori che si adattano perfettamente al loro contenuto e, non dimentichiamo, è atossico, produce basse emissioni di CO2, fa risparmiare energia ed è riciclabile al 100%.

>> Link: www.icssgroup.com

 

Un favoloso viaggio nella terra dei ghiacci grazie all’acquisto di salmone selvaggio fresco dell’Alaska

“Avventura”: così si chiama uno dei premi messi in palio dal concorso “Vinci l’Alaska 2019”. Premio che si è “concretizzato” sabato 16 novembre presso il punto vendita Pam Panorama di via Olona a Milano, dove Orfeo Zambon, della Direzione acquisti pesce, ha consegnato a Chiara Ciurleo il favoloso viaggio per due persone dall’agenzia NunaTravel che le permetterà di visitare l’Alaska in una data che stabilirà lei stessa. Due le alternative di viaggio: Avventura, appunto, scelto dalla vincitrice, 10 giorni di viaggio tra escursioni, giornate di pesca e tanto altro, compresa la possibilità di partecipare all’avvistamento degli orsi, o Family, che prevede anche interessanti visite educative nei centri di ricerca. Una fortuna inaspettata per Chiara, affezionata cliente di Pam Panorama e autentica buongustaia. Il premio “Vinci l’Alaska” è legato infatti all’acquisto di salmone selvaggio fresco, una specialità pescata e commercializzata solo da giugno a settembre, così come impongono le leggi in Alaska. Premiata anche una seconda cliente, Marcella Silvia Pollice, vincitrice di un week end a Venezia in un hotel 5 stelle. Promotori di questa 8ª edizione del concorso i Pam e Panorama, per i clienti in possesso della carta fedeltà Carta X Te, e Alaska Seafood Marketing Institute, ente che si occupa della promozione dei prodotti ittici dell’Alaska.

>> Link:    www.alaskaseafood.it
    www.pampanorama.it
    www.nunatravel.com

Photogallery

Il Pesce
Anno:

Numero:


Cerca negli articoli di Il Pesce:
Annuario del Pesce e della Pesca
La banca dati che con cadenza annuale costituisce un prezioso strumento di lavoro per gli operatori del settore ittico e acquacoltura.