Edizioni Pubblicità Italia

Il Pesce nr. 6, 2019

Rubrica: Sapore di mare
Articolo di Rella M.
(Articolo di pagina 86)

Campiello, mangiar pesce e bere grandi vini nel Collio

A San Giovanni al Natisone (UD)

Aprire un ristorante di pesce nella pianura friulana, ai limiti delle “vette” del Collio, ad una manciata di chilometri dalle Prealpi Giulie, può sembrare una scelta controcorrente. E in qualche modo lo è. Ma Dario Macorig, chef e imprenditore della ristorazione, insieme alla moglie Marisa e al figlio Filippo, è riuscito a trasformare questa sfida in uno dei migliori ristoranti di pesce dell’intero Friuli-Venezia Giulia, il Campiello, anche grazie al lavoro costante con i fornitori, un rapporto alla fonte costruito negli anni che gli permette oggi di avere una materia di prima qualità. La qualità, essendo un must, arriva principalmente dai pescatori gradesi: la Cooperativa Pescatori di Grado, la Agro Ittica, la Adriatica, ma anche Jolanda de Colò per i crostacei e molluschi (scampi, astici, granseole, capesante, ecc…), nota azienda selezionatrice di prodotto con sede a Palmanova (UD).
Il Campiello nasce nel 1968 per mano dei genitori di Dario come osteria di camionisti (nello stesso spazio che oggi ospita l’osteria moderna, che propone una cucina più semplice). Presa in mano la trattoria, arriva il momento dei cambiamenti: il primo ampliamento nel 1990 con l’apertura di un vero e proprio ristorante di pesce negli spazi contigui all’osteria, l’ultimo nel 2006. Risultato: un locale raffinato con arredi classici e caldi e molte opere d’arte, quadri e sculture.
La cucina di Macorig è essenziale, rivisitata, stagionale, di grande rispetto per la materia prima. Non solo pesce, però, ma anche carni alla brace in osteria, affettati, ecc…
Ri­manendo al pesce, troviamo sempre in carta una quindicina di proposte tra antipasti, primi e secondi, più i fuori menu del giorno. Tra gli imperdibili, anche perché non sempre disponibili, comunque tipici dell’alto Adriatico, ci sono scorfani, tartufi di mare, fasolari, capelunghe (cannolicchi). «I fasolari ad esempio — racconta Dario — sono cotti appena appena per non renderli stoppacciosi. Vengono tritati a crudo e si buttano all’ultimo momento in padella. Sono tipici dell’alto Adriatico».
Anche rombi e San Pietro sono molto presenti. Il rombo, ad esempio, è servito in boreto, una tecnica di cottura diffusa in laguna. Altre ricette sono mutuate dalla vicina Dalmazia, come gli scampi alla buzara giuliano-dalmati: si mettono i crostacei in padella con cipolla, si schiacciano le teste per estrarre il sapore, si aggiungono pomodoro e vino bianco.
A proposito di vini. Questo ristorante ha una cantina superba con più di 30.000 bottiglie, oltre 5 pagine di spumanti (120 etichette), ben 9 pagine di Champagne (200 etichette), 250 bianchi e oltre 90 rossi del Friuli-Venezia Giulia, più un po’ di mondo e un po’ di Italia. E tutti sono serviti al calice, anche gli Champagne, a partire da € 2,50 per un Prosecco di Livon, passando per una Malvasia di Doro Princic a € 4,00; idem per un bicchiere di Pinot bianco del Collio della cantina Picech; o € 15,00 al calice per una Ribolla gialla d’anfora di Josko Gravner. Gli Champagne partono da € 8,00 al calice. «C’è una buona percezione dei vini del Collio e sono richiesti: Friulano e Malvasia i più gettonati, in crescita il Pinot grigio, molto apprezzato tra gli stranieri», ci dice Macorig.
«E col pesce?», chiediamo noi. «Decisamente la Ribolla — risponde Macorig — un vino versatile che lo sgrassa ed è ideale negli abbinamenti con questo tipo di cucina. Il Sauvignon invece lega meglio con piatti dalle note vegetali di pomodoro, peperone, ecc… Con la Ribolla non si sbaglia quasi mai».
Conto tre portate € 45,00; menu 7 portate € 85,00.
Massimiliano Rella

Campiello Hotel Ristorante Osteria
Via Nazionale 40 – 33048 — San Giovanni al Natisone (UD)
Telefono: 0432 757910

E-mail: info@ristorantecampiello.it
Web: www.ristorantecampiello.it

Didascalia: l’executive chef del ristorante Campiello a San Giovanni al Natisone (UD)Christian Cattarino. (photo © Massimiliano Rella).

Photogallery

Il Pesce
Anno:

Numero:


Cerca negli articoli di Il Pesce:
Annuario del Pesce e della Pesca
La banca dati che con cadenza annuale costituisce un prezioso strumento di lavoro per gli operatori del settore ittico e acquacoltura.