Edizioni Pubblicità Italia

Il Pesce nr. 5, 2019

Rubrica: Pesca
Articolo di Lagorio R.
(Articolo di pagina 38)

FLAG Jonio2

Un progetto per lo sviluppo della fascia ionica centro-meridionale

Il territorio del FLAG Jonio2 comprende 45 comuni costieri della fascia ionica centro-meridionale, ricadenti in parte nella provincia di Catanzaro (20) e, in parte, in quella di Reggio Calabria (25). 200 km di costa e 1.560 km2 di estrema bellezza, dove si incrociano elementi culturali, monumentali e naturalistici, marini collinari e montani ancora poco sviluppati come attrattiva turistica. «Il Flag Jonio2 è una società composta da enti locali, aziende e rappresentanti della società civile, con una rappresentazione significativa dei settori della pesca e della trasformazione e commercializzazione del prodotto ittico» spiega Stefano Zirilli, uno dei fondatori dell’organismo. «Gli obiettivi più significativi sono quelli di promuovere una progettazione e una programmazione locale che permetta di accedere ai finanziamenti europei, contribuendo anche al dialogo tra società civile e istituzioni», continua.
La fascia costiera del medio-basso Ionio, al pari di diverse altre realtà calabresi, vanta una vocazione naturale per le attività legate alla pesca, con un ricchissimo patrimonio di storia e tradizioni. «La flotta da pesca dell’area del FLAG è costituita  da 115 imbarcazioni, per un totale di circa 580 tonnellate di stazza lorda. Le imbarcazioni risultano, per la maggior parte, armate di due o più attrezzi da pesca; il numero più cospicuo è da ascriversi alle reti da posta, seguite da attrezzi da traino ed in ultimo da attrezzi mobili» precisa Zirilli. Nell’area del FLAG vi sono 4 punti di sbarco del pescato siti nei comuni di Catanzaro, Soverato, Roccella Ionica e Bianco. Dalle pagine distribuite alla stampa durante la presentazione del progetto, avvenuta nello scorso luglio, si evince che nel settore risultano impiegati poco meno di 500 addetti: 180 nell’attività diretta di pesca e circa 300 nella trasformazione del prodotto ittico; circa 200 sono donne. «Questi dati rappresentano un importante elemento di riflessione, in quanto raramente nella nostra regione troviamo una così alta percentuale di donne impiegate».
Il prodotto della pesca in questa zona è rappresentato da un alto grado di multi-specificità, tale che nessuna specie sbarcata domina nettamente sulle altre; nella generalità dei casi la categoria dei pesci rappresenta circa il 65% dello sbarcato, mentre il rimanente 35% è composto da molluschi e crostacei.
Data la vastità dell’area, ciascuna marineria presenta le sue peculiarità in quanto a tecniche di pesca principali e specie bersaglio. Oltre al pesce azzurro, che rappresenta la risorsa principale per tutte le marinerie, le specie certamente più pregiate sono il gambero rosso (Aristaeomorpha foliacea) e il gambero viola (Aristeus antennatus), che vengono catturati su fondali sabbiosi a profondità superiori ai 250 m con reti a strascico. Una specie particolarmente caratteristica della zona centro meridionale della costa ionica calabrese è poi il Pesce pettine (Xyrichtys novacula), detto in calabrese surice, che vive a profondità poco elevate (non oltre i 40 m) e si cattura tipicamente con lenze o reti da posta. Ha carni bianchissime, senza spine e si presta ottimamente a cotture in frittura o alla griglia.

I prossimi “quattro passi”
«Sono sostanzialmente 4 le fasi che lo Jonio2 svilupperà nel corso dei prossimi mesi. Abbiamo denominato la prima Il Buon pesce di famiglia, che intende promuovere una pesca sostenibile, efficiente e competitiva attraverso investimenti che permettano ai pescatori di trasformare e commercializzare le proprie catture. Il secondo strumento ha il nome di Innovalia, idee innovative per la cattura sostenibile del pescato. Il contenuto di questa azione prevede investimenti per l’acquisto di attrezzi selettivi per ridurre al minimo le catture indesiderate o diminuire gli impatti ambientali nell’attività di pesca. La terza opportunità che mettiamo a disposizione con lo Jonio2 si chiama Nuovi sistemi produttivi. Attraverso azione stimoleremo investimenti finalizzati al risparmio energetico, alla riduzione dell'impatto ambientale e al miglioramento della sicurezza. Mentre il quarto strumento è stato definito Le Fattorie del mare per fare crescere la consapevolezza dell’importanza dell’ittiturismo e sviluppare questo tipo di attività come attrattiva turistica» conclude Zirilli.
Strumenti, idee e visioni che potrebbero contribuire allo sviluppo di una delle aree a più basso reddito d’Italia, ancora da sviluppare sotto il profilo turistico, in particolare quello legato alle risorse marine.
Riccardo Lagorio

FLAG Jonio2
Contrada Melissari Snc – 89047 Roccella Ionica (RC)
Web: www.flagjonio2.it

Photogallery

Il Pesce
Anno:

Numero:


Cerca negli articoli di Il Pesce:
Annuario del Pesce e della Pesca
La banca dati che con cadenza annuale costituisce un prezioso strumento di lavoro per gli operatori del settore ittico e acquacoltura.