Edizioni Pubblicità Italia

Il Pesce nr. 5, 2019

Rubrica: Aziende
(Articolo di pagina 54)

Cromaris ottiene la certificazione ASC per tutti i suoi allevamenti

Cromaris, tra i maggiori produttori al mondo di pesce bianco del Mediterraneo, è orgoglioso di annunciare di aver ottenuto il certificato ASC per tutti i suoi allevamenti e per tutte le specie commercializzate, ovvero branzino, orata e ombrina, sia convenzionale che biologico. Oltre agli allevamenti, Cromaris ha ottenuto la certificazione anche per lo stabilimento di lavorazione, pertanto l’azienda è certificata per tutta la filiera produttiva, dalla trasformazione alla lavorazione, fino alla distribuzione del prodotto. L’Aquaculture Stewardship Council (ASC) è un’organizzazione internazionale indipendente e senza scopo di lucro che gestisce a livello mondiale il principale programma di certificazione in acquacoltura. Le collaborazioni di ASC con produttori,­ trasformatori, GDO, GO e aziende del settore alimentare, ricercatori, gruppi ambientalisti, ONG e organismi statali di tutela sociale, sono state instaurate con lo scopo di promuovere le buone pratiche industriali, certificando solo i processi produttivi socialmente responsabili e sostenibili per l’ambiente.
«Fino ad oggi la qualità premium e la freschezza dei nostri prodotti è stata comprovata da numerosi certificati in acquacoltura. Il certificato ASC appena ottenuto conferma che Cromaris adotta i più alti standard qualitativi» dichiarano i responsabili del Gruppo. «La qualità del nostro pesce è una priorità. Con i nostri processi tecnologici all’avanguardia, l’innovazione e la sostenibilità ambientale incorporati nei valori fondanti dell’azienda, le nostre prassi aziendali sono costantemente in linea con i trend e gli standard globali, mentre i principi guida per uno sviluppo sostenibile sono ben integrati in tutte le fasi di produzione».

>> Link: www.cromaris.hr

 

Altre notizie

Nieddittas, nuovo progetto contro l’inquinamento da plastica

“Promuovere iniziative e progetti che favoriscano la conoscenza e la valorizzazione degli ecosistemi marino-costieri del Mediterraneo, in particolare del golfo di Oristano”: è questo l’obiettivo del memorandum d’intesa tra Medsea e Nieddittas/Cpa Cooperativa Pescatori Arborea firmato lo scorso 2 settembre. Medsea – Mediterranean Sea and Coast Foundation è un’istituzione no profit che promuove la tutela e lo sviluppo sostenibile degli ecosistemi marini e costieri e la protezione del patrimonio culturale del Mediterraneo. Coordina progetti e iniziative tra cui Maristanis, finanziato dalla fondazione Mava, sulla gestione integrata di sei zone umide di importanza internazionale nel golfo di Oristano e nella penisola del Sinis, e PlasticFreeMed, progetto di sensibilizzazione sul tema della plastica nel Mediterraneo, come partner locale dell’organizzazione statunitense Parley for the Oceans. Nieddittas, la più importante realtà sarda nel settore della mitilicoltura e della pesca, da sempre è protagonista di azioni di miglioramento ambientale, di tutela della biodiversità e di promozione del territorio. Le attività che riguardano il memorandum e su cui la Fondazione Medsea e Nieddittas si impegnano a collaborare sono relative alla riduzione dell’inquinamento da plastica e attività nell’ambito del progetto Maristanis. Con le prime si pone attenzione all’inquinamento in mare causato dalla plastica per individuare soluzioni sostenibili per sostituire la plastica nelle attività di allevamento a mare della mitilicoltura con altri materiali biodegradabili e organizzare attività di raccolta della plastica per assicurare la pulizia costante dei fondali dove ci sono gli allevamenti. Infine, trovare soluzioni per una raccolta selettiva dei materiali galleggianti e semi-galleggianti portati dai fiumi. Per Maristanis, si legge ancora nel memorandum, le azioni consisteranno nello sperimentare il riutilizzo dei gusci dei mitili con la costruzione di isolotti artificiali nel sito Ramsar dello stagno di Corru S’Ittiri e negli stagni di San Giovanni e Marceddì per favorire insediamento e nidificazione di alcune specie di uccelli; promuovere, sempre nel compendio gestito da Nieddittas/Cpa, la gestione di siti naturalistici come modelli di aree protette fruibili per l’educazione territoriale e l’ecoturismo (fonte: EFA News – European Food Agency).
>> Link: www.nieddittas.it

 

Photogallery

Il Pesce
Anno:

Numero:


Cerca negli articoli di Il Pesce:
Annuario del Pesce e della Pesca
La banca dati che con cadenza annuale costituisce un prezioso strumento di lavoro per gli operatori del settore ittico e acquacoltura.