Edizioni Pubblicità Italia

Il Pesce nr. 3, 2019

Rubrica: Aziende
(Articolo di pagina 56)

Soluzioni per l’acquacoltura del futuro e le nuove necessità dei consumatori di prodotti ittici

Da BioMar, leader nel settore dei mangimi per l’industria acquicola

BioMar ha completato le prove sulle farine animali a base di insetti da utilizzare per produrre mangimi destinati all’acquacoltura ritenendole una promettente risorsa proteica alternativa. Ma le farine a base di insetti sono solo uno tra i nuovi ingredienti, come le alghe o le proteine da cellula singola (Single-Cell Proteins o SCP, ovvero fonti di proteine miste estratte da culture varie di alghe, lieviti, muffe o batteri, NdR), che l’azienda sta attualmente testando. «In BioMar crediamo che queste materie prime possano venire incontro ad alcune delle necessità di mercato emergenti e siamo impazienti di utilizzarle proponendo soluzioni nutrizionali innovative» ci spiegano dall’azienda. BioMar studia le farine a base di insetti dal 2015 nei suoi centri di Ricerca & Sviluppo e dal 2017 ha iniziato nuovi test con alcuni clienti che hanno alimentato i propri pesci con mangimi contenenti farine di insetto. Questi lotti di pesce sono stati già avviati alla vendita nei supermercati, tramite strutture commerciali orientate ai cibi naturali. «Ovviamente ogni innovazione ha un costo, ma gli allevatori che per primi si indirizzeranno verso le farina di insetti avranno un forte vantaggio commerciale» ha dichiarato Michel Autin, direttore tecnico presso la Divisione EMEA. «Le farine di insetti hanno un futuro molto promettente come fonte proteica alternativa nei mangimi per acquacoltura, se il prezzo di questa nuova materia prima riuscirà a mantenersi entro limiti accettabili. Abbiamo ottenuto buoni risultati dalle prove condotte sulla farina ottenuta dalla mosca soldato nera e da altre specie, che ci dimostrano come gli insetti siano una materia prima promettente».
Secondo una ricerca condotta dalla Deloitte*, attualmente un numero crescente di consumatori, al momento dell’acquisto, cerca “qualcosa di più” oltre al prezzo, al gusto e alla convenienza; in tanti sono alla ricerca di cibi più naturali e con un basso impatto ambientale. BioMar, dal canto suo, ha le capacità di offrire soluzioni innovative nel settore dei prodotti ittici, che potranno venire incontro alle esigenze dei consumatori in cerca di prodotti sani e completamente “naturali”, che siano anche rispettosi dell’ambiente. «Le farine a base di insetti sono solo una delle numerose materie prime innovative nella filiera di BioMar. Siamo ideatori di formulazioni e il nostro obiettivo non è solo quello di cambiare gli ingredienti da usare per approntare soluzioni alimentari innovative. Per noi è importante essere in grado di identificare le opportunità e le tendenze del mercato ed essere capaci di trovare la soluzione con la giusta combinazione di ingredienti e di tecnologia» puntualizza Michel Autin.
«Le materie prime sono disponibili sul mercato, ma occorrono conoscenza ed esperienza per ideare formulazioni che non solo rispondano alle esigenze del consumatore, ma che producano anche un pesce sano e con buone performance. In BioMar abbiamo investito tempo e denaro per creare una vasta banca di informazioni e, quando si parla di innovazione, è nostra abitudine collaborare con i nostri clienti».
BioMar ha infatti avviato alcuni progetti con clienti che desiderano avvicinarsi alle necessità e alle aspettative dei consumatori. «All’inizio di quest’anno abbiamo visitato alcuni clienti in Francia e le prossime destinazioni saranno i Paesi scandinavi» prosegue Autin. «Sappiamo che gli allevatori di questi Paesi sono in prima linea da questo punto di vista, sono cioè molto attenti ai cambiamenti che provengono direttamente dal mercato dei consumi.
Come BioMar siamo fiduciosi che insieme, attraverso un dialogo continuo con loro, saremo in grado di creare soluzioni nutrizionali innovative, soddisfacendo al contempo le nuove necessità degli acquirenti di prodotti ittici e contribuendo a creare un futuro sostenibile dell’acquacoltura stessa».

Nota
*  Fonte: Ringquist J., Phillips T., Renner B., Sides R., Stuart K., Baum M., Flannery J. (2016), Capitalizing on the shifting consumer food value equation, Deloitte, (US).

 

BioMar

BioMar è leader nel settore dei mangimi ad alta performance destinati all’industria dell’acquacoltura. Possiede 14 stabilimenti di produzione e ne sta costruendo altri due. I mangimifici sono in Norvegia, Cile, Danimarca, Scozia, Spagna, Francia, Grecia, Turchia, Cina, Costa Rica, Ecuador ed Australia. Ogni cinque pesci allevati e prodotti in Europa, America meridionale e centrale, uno è alimentato con mangime BioMar. BioMar fornisce mangime in circa 80 Paesi e per oltre 45 specie differenti di pesce. BioMar è interamente del gruppo industriale Danese Schouw & Co., quotato presso il NASDAQ in Copenaghen.

>> Link: www.biomar.it

Photogallery

Il Pesce
Anno:

Numero:


Cerca negli articoli di Il Pesce:
Annuario del Pesce e della Pesca
La banca dati che con cadenza annuale costituisce un prezioso strumento di lavoro per gli operatori del settore ittico e acquacoltura.