Edizioni Pubblicità Italia

Il Pesce nr. 3, 2018

Rubrica: Attualità
(Articolo di pagina 16)

UE: l’allevamento dei salmoni è sicuro e sostenibile

Un’interrogazione chiedeva di limitarne il consumo. La risposta data da Vytenis Andriukaitis a nome della Commissione e resa nota il 16 marzo

“La Commissione è a conoscenza sia delle sfide connesse al salmone d’allevamento sia dei benefici per la salute dei consumatori derivanti dal suo utilizzo. Per garantirne la sicurezza, i prodotti della pesca sono oggetto di controlli ufficiali prima di essere immessi sul mercato, compresa l’applicazione dei criteri microbiologici contro gli agenti patogeni per la tutela dei consumatori. A seguito di una valutazione dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA), che garantiva che il loro impiego non ha effetti nocivi sulla salute umana e animale e sull’ambiente, il Reg. (CE) n. 1831/2003 ha autorizzato due carotenoidi come additivi nei mangimi per pesci. In quanto carnivori, i salmoni dell’Atlantico si nutrono di pesce. La quantità di pesce selvatico inclusa nell’alimentazione dei salmoni d’allevamento continua a diminuire grazie alla ricerca finanziata dall’UE su un maggiore ricorso a ingredienti alternativi (per lo più vegetali e alghe). Attualmente, per ogni chilo di pesce selvatico usato, si producono in media 4,5 kg di pesce di allevamento. Gli ingredienti di origine vegetale riducono i contaminanti bioaccumulabili nel pesce di allevamento (Mantovani et al., 2015). Sono stati autorizzati nuovi additivi per agevolare l’impiego di fonti di proteine vegetali, come amminoacidi o enzimi. Di recente l’autorizzazione delle proteine animali lavorate derivate dagli insetti d’allevamento ha contribuito a ridurre gli ingredienti marini nella dieta dei pesci. La Direttiva 2002/32/CE stabilisce un livello massimo di 0,05 mg/kg di endosulfano nei mangimi completi per i Salmonidae garantendo un livello elevato di tutela della salute umana e animale. L’uso della pianificazione dello spazio marittimo per il posizionamento corretto degli allevamenti ittici in relazione alle correnti locali, ai pesci selvatici migratori e ad altre attività nelle vicinanze, insieme ad un monitoraggio periodico, garantiscono una gestione sostenibile degli impatti ambientali delle attività di acquacoltura” (nel box si riporta l’interrogazione con richiesta di risposta scritta dall’on. Giulia Moi alla Commissione in data 20 dicembre 2017).

Fonte: ruo – 2619 — © World Food Press Agency Srl — EFA News

 

Interrogazione alla Commissione con richiesta di risposta

Lo studio pubblicato su Science che porta il titolo “Global assessment of Organic Contaminants in Farmed Salmons”, dopo aver verificato le tossine presenti nei salmoni da allevamento, raccomanda di evitarne il consumo. Negli allevamenti intensivi i reflui non vengono mai lavati via e si lasciano semplicemente cadere attraverso le reti. Il risultato sono migliaia di tonnellate di escrementi e rifiuti che si depositano sul fondale intorno agli allevamenti e che non vengono mai rimossi, alimentando le mutazioni di agenti patogeni che possono arrivare fino alle nostre tavole. Spesso i salmoni d'allevamento sono colorati artificialmente per imitare i salmoni selvaggi mediante l'aggiunta di un colorante nel mangime (Salmo Fan) che, a lungo andare, colora la carne di un rosa vivo quasi arancio. Molti paesi (come la Norvegia) aumentano le quantità di endosulfano nei mangimi, un pesticida altamente tossico. Essendo il salmone un animale carnivoro, per ottenere un chilo di salmone ne servono almeno 5 di altri pesci, il che contribuisce alla riduzione degli stock ittici che sta portando all'estinzione di molte specie. I salmoni d'allevamento potrebbero contenere proteine derivate da sottoprodotti di origine animale. Considerando i punti sopra elencati, può la Commissione indicare se è al corrente della situazione e, in caso affermativo, specificare quali provvedimenti intende adottare per la tutela della salute dei cittadini europei?

On. Giulia Moi, 20 dicembre 2017

 

Didascalia: allevamento di salmoni a Hordaland, Norvegia (photo © mariusltu – stock.adobe.com).

 

Photogallery

Il Pesce
Anno:

Numero:


Cerca negli articoli di Il Pesce:
Annuario del Pesce e della Pesca
La banca dati che con cadenza annuale costituisce un prezioso strumento di lavoro per gli operatori del settore ittico e acquacoltura.