Edizioni Pubblicità Italia

Il Pesce nr. 4, 2017

Rubrica: Eventi
(Articolo di pagina 40)

Our Ocean: ad ottobre riflettori puntati su Malta

Quest’anno tutti i riflettori sono puntati su Malta, con un evento dalle dimensioni veramente internazionali. Il 5 e 6 ottobre l’isola ospiterà infatti l’edizione 2017 di Our Ocean, l’appuntamento annuale che consente a dirigenti, amministratori pubblici e operatori di tutto il mondo di interagire e individuare soluzioni praticabili per i mari e gli oceani del pianeta. Gli ospiti di quest’anno comprenderanno ministri degli Affari esteri e funzionari di alto livello, nonché eminenti scienziati e imprenditori, che si divideranno il palco condividendo opinioni preziose sulle principali questioni legate agli oceani della nostra epoca. L’impegno a favore di oceani sani, puliti e ben gestiti non è cosa nuova per l’Unione Europea. Le strategie della UE per la crescita economica, la sicurezza globale e, più di recente, una buona governance degli oceani, nonché i progressi costanti in materia di pesca sostenibile, pianificazione dello spazio marino e nelle energie rinnovabili, si inseriscono perfettamente nelle tematiche della conferenza e verosimilmente inducono gli altri a impegnarsi altrettanto. L’attenzione posta sul Mediterraneo, sull’Oceano Atlantico e sull’Oceano Indiano, consentirà ai leader della UE di far conoscere le azioni intraprese a favore di questi bacini marittimi. Uno dei progetti paralleli, già pianificato a livello locale, è stato concepito per le scuole e promuoverà il coinvolgimento dei bambini maltesi tra i 10 e i 15 anni in azioni di protezione degli oceani. Tuttavia, l’eco della conferenza supererà senza dubbio i confini di Malta, dando alle imprese marittime d’Europa un’opportunità ideale di accrescere e beneficiare delle discussioni emerse dalla conferenza grazie agli eventi di sensibilizzazione, ottenendo così visibilità. Il sostegno pubblico rappresenta, pertanto, la spina dorsale dell’iniziativa Our Ocean.

La comunità internazionale comprende l’importanza degli oceani per la vita e si aspetta dei risultati
Uno degli obiettivi della conferenza è segnalare i progressi compiuti legati agli impegni del passato, oltre che ispirarne di nuovi, in modo tale che una singola discussione possa legare il Cile e gli Stati Uniti a Malta, proseguire verso l’Indonesia e la Norvegia e condurre tutti, lentamente ma inesorabilmente, verso oceani più sani. La campagna dell’Unione Europea sui rifiuti marini, uno dei principali temi della conferenza, che sarà avviata quest’anno, costituirà un punto centrale per prendersi cura del benessere dei nostri oceani. Si stima che arrivino in mare 10 milioni di tonnellate di plastica ogni anno, con conseguenze negative per tutti, dalle catene alimentari agli habitat naturali; tale questione merita tutta la nostra determinazione e inventiva, affinché si possano ripulire i mari.
Nel sottolineare il lavoro encomiabile e innovativo delle esistenti iniziative in Europa, la campagna farà opera di sensibilizzazione sulla gravità del problema, trasformandosi in un appello per assicurare l’impegno e il coinvolgimento dei cittadini in tutta l’UE, affinché tutti possano partecipare alla lotta contro i rifiuti marini.


(Fonte: Affari Marittimi e Pesca in Europa)



Approfondimenti on-line:
Web – www.ourocean2017.org
Facebook: /EUmaritimefish/EuropeanExternalActionService
Video: My Ocean is #OurOcean, www.youtube.com/watch?v=E3UIl9TbvUk
Twitter: #OurOcean

Il Pesce
Anno:

Numero:


Cerca negli articoli di Il Pesce:
Annuario del Pesce e della Pesca
La banca dati che con cadenza annuale costituisce un prezioso strumento di lavoro per gli operatori del settore ittico e acquacoltura.